Select Page

L’acqua come ‘oro blu’: il rischio di una nuova crisi globale

di Alberto Rugolotto

L”oro blu’ sarà al centro della prossima crisi globale. È questo lo sconfortante scenario ipotizzato dal capo dell’Unità della Fao per lo sviluppo e la gestione dell’acqua Pasquale Scaduto e che sarà delineato nell’ambito del Forum Mondiale sull’acqua che si terrà a Istanbul dal 16 al 22 marzo. Nel mondo, ricorda Steduto, sono 1,1 miliardi le persone che non hanno accesso sufficiente a fonti d’acqua pulita e 2,6 miliardi quelle che non dispongono di servizi igienici adeguati.

La questione dell’acqua sarà causata principalmente da una pressione demografica sempre più consistente, che avrà come effetto immediato un aumento della domanda alimentare e della richiesta di energia. Gli esperti mondiali che si siederanno al tavolo del Forum saranno quindi impegnati nella scrittura di una ‘agenda tecnica’ che i vari governo dovranno rispettare in materia d’acqua, un impegno reso più forte dal fatto che l’ospitante Turchia porterà poi il documento all’esame delle Nazioni Unite, primo passo per una successiva ratifica.

La scarsità delle risorse idriche è infatti un problema d’emergenza già da tempo e in parecchie situazioni. Lo stesso Steduto ricorda come molti fiumi indiani e cinesi si stiano prosciugando a causa dell’eccessivo sfruttamento, due economie emergenti che come in molte altre aree devono fare i conti con i risvolti preoccupanti della scarsità delle risorse idriche.

Il primo passo in questo senso sarà la riduzione degli sprechi, a partire dal settore agricolo, che oggi assorbe il 70% di tutta l’acqua prelevata da laghi, fiumi e falde acquifere, per poi passare all’aumento dell’efficienza attraverso l’aumento della produttività con lo stesso consumo d’acqua.

(Fonte: Reuters)

About The Author

Leave a reply

Water Sponsor

Water Stories

Water Video

Loading...

Water Natura

UA-116066244-1