Seleziona Pagina

C+B = 100. Cucina e bagno nel libro di John B. Dancer

Un divertissement antropologico sugli spazi del bagno e della cucina

di Giorgio Triani


(fonte immagine: Philippe Malouin)

C+B = 100. Vi chiederete a cosa si riferisca questa enigmatica equazione. Ve lo spiego subito: il primo addendo è la «cucina», il secondo il «bagno»; 100 è invece una variabile costante. È l’eccentrica «legge fondamentale» sviluppata da John B. Dancer, pseudonimo del professor Giovanni Ballarini, nel suo libro La scomparsa della cucina. L’autore, accademico di fama che spesso si è cimentato in stravaganti lavori di questo tipo, descrive la relazione tra i due luoghi principali della casa – la cucina e il bagno – lungo la storia degli uomini, proponendo una «Grande legge» capace di verificare come il ridursi o l’allargarsi della cucina sia sempre corrisposto al restringersi del bagno e viceversa.

Perché il bagno e la cucina? Perché sono due luoghi domestici antitetici come scopo e utilizzo, ma simili. Diversi, ma complementari per la centralità che in essi vi occupa il corpo. Bagno e cucina risultano nell’epoca contemporanea sempre più affini: spaziosi, belli e mossi da un identico orientamento a nutrire e rigenerare i corpi. Mentre le cucine guardano sempre più alle farmacie/erboristerie che ai negozi di alimentari e gastronomici, nei bagni saponi, creme e shampoo hanno sempre più l’aria e il sapore, oltre al nome, di «cosmesi da mangiare». Tanto che ormai non è più possibile separare nettamente le loro funzioni e le relative pratiche quotidiane dell’uomo.

Secondo Ballarini, o meglio John B. Dancer, «l’umanità è nata in cucina uscendo dal bagno. Ossia all’alba dell’umanità la cucina non esisteva come ambiente… invece tutto era bagno, ambiente in cui lavarsi». Ma con la scoperta e l’uso del fuoco nacque la cucina, mentre il bagno cominciò a ridursi. E così via.

Ad esempio, nei castelli, dal Medioevo in poi, si trovavano enormi cucine, ma mancavano i bagni, al massimo sostituiti da qualche mobilio nell’arredamento delle camere dei signori. Già però con la trasformazione del castello in palazzo le cucine cominciarono a ridursi, mentre comparirono piccole stanze e vani, i gabinetti. Una trasformazione molto marcata si registra molto più vicino a noi, nell’Ottocento e agli inizi del secolo scorso, quando nelle case di campagna la vasta cucina si accompagnava a servizi igienici rudimentali (la latrina in cortile e la tinozza utilizzata in cucina per il bagno settimanale). Dal secondo dopoguerra la cucina è tornata di nuovo a rimpicciolirsi, con la sala da bagno sempre più grande e arredata, magari comprendente doppi servizi, oggi quasi indispensabili.

Cucina e bagno sono dunque stati nel corso dei secoli una sorta di fabbrica corporale, deputata alle funzioni nobili della socialità familiare e della preparazione dei pasti, e a quelle più ‘basse’ dell’intimità individuale e della pulizia. Anche se le metamorfosi degli ultimi 20-30 anni sono state notevoli e accentuate, con significativi e ciclici mutamenti che hanno investito e investono i diversi spazi della casa.

Si pensi ad esempio all’imporsi assoluto della cucina americana negli anni del boom economico e poi alla sua eclissi nei decenni ’70-’80, quando il bagno, da luogo di decenza, quasi da nascondere, è diventato uno spazio da esibire. Attualmente la cucina e il bagno dimostrano un forte ambivalenza, nel senso di una identica spettacolarizzazione nell’eleganza degli allestimenti e degli arredi e che trasforma entrambi, da retrovie domestiche che erano, in luoghi da vivere, anche in compagnia di familiari e amici. Fanno testo tavoli da cucina in stile american bar e vasche idromassaggio a 3/4 posti…

Il lavoro di Dancer-Ballarini non è però solo questo. È ricco di divertenti interrogativi («perché per usare una toilette bisogna ordinare un caffè? Quali sono i rapporti fra l’erotismo del bagno e quello della cucina?») e dipuntuali osservazioni sull’intreccio di relazioni esistenti fra bagno pubblico e cucina privata, e al contrario fra bagni privati e cucine pubbliche. Ma ciò che rende consigliabile, soprattutto agli addetti ai lavori, la lettura del libro è che tra le pieghe di un discorso ‘leggero’ si nascondono tante e serissime indicazioni previsionali sul futuro prossimo dell’industria della cucina e del bagno.

Informazioni utili:
Autore: John B. Dancer (alias Giovanni Ballarini)
Titolo: La scomparsa della cucina
Casa editrice: Fermo Editore
Anno di pubblicazione: 2009
Extra: commenti visivi e visionari di Cecilia Mistrali, pluripremiata illustratrice e grafica

Da richiedere via internet: www.fermoeditore.it.

Circa l'autore

Lascia un commento

Daily News

CAMPIONI D SOSTENIBILITÁ

Raccontiamo storie di imprese, servizi, prodotti, iniziative che amano l’ambiente.
Sono storie di persone che guardano avanti. Che hanno lanciato startup, realizzato imprese di successo o si stanno impegnando in progetti di nuova generazione.

Uomini e donne convinti che un buon business deve essere sostenibile. In grado di promuovere un mondo e una società migliori.

Se ti riconosci in questa comunità e vorresti raccontare la tua storia contattaci.
Saremo onorati e lieti di ascoltarla e farla conoscere.
Contatto veloce:
WhatsApp : 328 6569148

Agenda

30/09: scadenza concorso fotografico Transizione Energetica

24/09/2021
Quello della transizione energetica è uno dei problemi ambientali più sentiti dalla nostra società. La FAST organizza dunque un concorso fotografico Il concorso della fast Show Don’t Tell, recita uno dei principi base della narrativa. Mostrare, non raccontare, per comunicare al meglio emozioni e immagini della propria storia. Principio esistente sin dall’antichità, e più valido […]
@ pagina facebook Plastic Free Onlus

26/09: Giornata Nazionale Plastic Free, puliamo assieme l’Italia

23/09/2021
Un’intera giornata alla battaglia contro la plastica, il nemico numero uno dell’ambiente: sapremo riuscirci? Cos’è la Giornata Nazionale Plastic Free? Questa è la domanda dietro alla Giornata Nazionale Plastic Free, che si terrà in tutta Italia domenica 26 settembre. L’evento è organizzato dall’omonima associazione, Onlus fondata il 29 luglio 2019, e si presenterà nella forma […]

Festival Antropologia. A Pistoia questo weekend

23/09/2021
  Dialoghi sull’uomo torna finalmente in presenza: da venerdì 24 a domenica 26 settembre si terrà la XII edizione del festival di antropologia del contemporaneo, promosso dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia e dal Comune di Pistoia, ideato e diretto da Giulia Cogoli (www.dialoghisulluomo.it). Il tema del 2021 Altri orizzonti: camminare, conoscere, […]

Water Stories

Water Video Interviste

Caricamento in corso...
Choose your language »