Seleziona Pagina

L’oro blu tra Cile e Bolivia

di Alberto Rugolotto


Di guerre dell’acqua, ahinoi, ce ne sono tante, in giro per il mondo. Certe più conosciute, altre delle quali ignoriamo completamente l’esistenza.

Alzi la mano chi sapeva, ad esempio, che Bolivia e Cile sono ai ferri corti da oltre un secolo per un accesso all’Oceano Pacifico. Uno si chiede: ebbene, cosa se ne fanno questi due paesi di un minuscolo lembo di terreno se l’unico motivo plausibile, la possibilità di costruirci un porto a fini commerciali, è quasi inutile in quella zona del Grande Oceano? Siamo però abituati oramai a sapere che dietro cè sempre qualcosa, e quasi sempre c’entra col denaro. Infatti, la striscia di terra che taglia il deserto più arido del mondo, l’Atacama, e che impedisce alla Bolivia di guadagnare quell’accesso da tanto cercato, nasconde nel suo sottosuolo il cuore minerario del Cile e dell’industria estrattiva del rame. E anche le miniere, come grandi animali, hanno bisogno di acqua per funzionare. E l’acqua da dove si prende? Dal fiume Silala.

Più che fiume, un rio, un ruscello. È il risultato della confluenza di una serie di sorgenti andine che si uniscono in un ruscello artificiale che, al suo massimo, è largo un metro e mezzo e profondo 70 centimetri. Insomma, non si sa di quanto possano beneficiare le miniere cilene di questo debolissimo approvvigionamento d’acqua. Quello che si sa per certo è che la Bolivia vuole che il suo vicino cileno paghi fino all’ultimo centesimo l’acqua di un fiume che si origina in territorio boliviano e il cui corso fu alterato artificialmente due secoli fa per venire incontro alle esigenze delle compagnie cilene, che da sempre hanno avuto l’acqua gratuitamente. Ora il governo boliviano non vuole più che sia così, tanto da ritirarsi all’ultimo da un accordo quasi raggiunto ad inizio anno e che prevedeva che il Cile pagasse l’acqua del Silala a metà del prezzo di mercato. Dietrofront, dunque: non solo deve pagarla a pieno, ma deve retroattivamente compensare l’uso dell’acqua fatto in passato.

Si preannunciano scintille, speriamo non si vada oltre.

(Fonte: Reuters)

Circa l'autore

Lascia un commento

Daily News

CAMPIONI D SOSTENIBILITÁ

Raccontiamo storie di imprese, servizi, prodotti, iniziative che amano l’ambiente.
Sono storie di persone che guardano avanti. Che hanno lanciato startup, realizzato imprese di successo o si stanno impegnando in progetti di nuova generazione.

Uomini e donne convinti che un buon business deve essere sostenibile. In grado di promuovere un mondo e una società migliori.

Se ti riconosci in questa comunità e vorresti raccontare la tua storia contattaci.
Saremo onorati e lieti di ascoltarla e farla conoscere.
Contatto veloce:
WhatsApp : 328 6569148

Agenda

26 gennaio: scadenza bando Servizio Civile a Cuneo

17/01/2022
C’è tempo fino al 26 gennaio, alle ore 14, per iscriversi al bando per i volontari per il Servizio Civile Universale nella Provincia di Cuneo. Gli operatori, più di cinquantaseimila, sono tutti volontari e vengono selezionati in tutta Europa, in Italia come all’estero. Si tratta di un’iniziativa aperta ai giovani, dai diciotto ai ventott’anni, che […]

22 gennaio: webinar “L’Acqua Che C’è”

14/01/2022
Sabato 22 gennaio si terrà, presso l’Auditorium de Laugier a Portoferraio, il webinar “L’Acqua Che C’è”, organizzato da Difesa Lido e Mola.  Saranno presenti numerosi esperti e giornalisti, come Gabriele Canè, nonché il Presidente della sezione Arcipelago Toscano di Italia Nostra Leonardo Preziosi. Invitati anche numerosi professori, come Francesco Cioffi, Alessandro Corsini, Edoardo Croci e Gabriella De […]

20 gennaio: webinar “Le Acque Della Luna”

13/01/2022
Il 20 gennaio, alle ore 16, sarà possibile seguire il webinar “Le acque della Luna: immaginazione, realtà, scienza”.  Migliaia di teorie hanno riguardato la natura della Luna, e una delle più particolari esiste dai tempi di Leonardo da Vinci: che la sua faccia luminosa sia colma d’acqua – la fonte della vita e dell’ambiente stesso. […]

Water Stories

Water Video Interviste

Caricamento in corso...
Choose your language »