Seleziona Pagina

Filo diretto Australia-Toscana

Quando la goccia fa traboccare l’acqua. Della bottiglia

di Alberto Rugolotto


(fonte immagine)

Si può fare a meno dell’acqua in bottiglia? Yes, we can. Anzi,they can. ‘Loro’ sono i 2.500 cittadini di Bundanoon, località australiana a 120 chilometri da Sidney. Che hanno deciso, dopo una conclusione all’unanimità del consiglio comunale e un referendum popolare in luglio, di vietare la vendita di acqua in bottiglia, sia in plastica che in vetro. L’iniziativa ambientalista è stata lanciata da un commerciante della cittadina, Huw Kingston, che ha proposto di ritirare da qualsiasi negozio le casse d’acqua imbottigliata: a sostituirle, bottiglie vuote riutilizzabili e fontane pubbliche sparse lungo le vie del paese. Tutto gratis, s’intende.

L’idea non è nata per caso. Come sempre in circostanze del genere c’è sempre una scintilla che innesca la miccia o – più in tema – una goccia che fa traboccare il vaso. La svolta ambientalista è nata dopo la notizia che una società d’estrazione d’acqua voleva costruire uno stabilimento proprio a Bundanoon. Logica la domanda: che senso ha estrarre l’acqua da qui, trasportarla a Sidney per imbottigliarla e riportarla indietro per venderla ai cittadini locali? Tanto la qualità è la stessa, e poi il respiro ecologista si fa più ampio permettendo la contemporanea riduzione dell’inquinamento generato dal suo trasporto. E, se vogliamo, più respiro anche per il portafoglio.

Come in tante altre cose, nel nostro Paese nessuno si è ancora sognato di elaborare proposte simili. I dati parlano chiaro: l’Italia è la nazione dove si consuma più acqua in bottiglia, ben il 60% dei cittadini, 192 litri pro capite l’anno. Solo il 2% preferisce altra acqua, crediamo quella del rubinetto. Ma non è detto. Tuttavia, anche qui si ‘potrebbe’. Tuttavia esistono anche da noi iniziative meritorie e produttrici di risultati concreti.

È il caso della città di Arezzo, dove in 10 anni – dal ’99 ad oggi – il consumo di acqua in bottiglia si è quasi dimezzato, passando dall’80 al 46%. Nella zona dell’Alta Valdarno più della metà della popolazione, il 53%, si disseta regolarmente con l’acqua del rubinetto.

Vale la stessa regola dell’australiana Bundanoon: ci sono anche qui la famosa goccia e il vaso quasi traboccante. La clamorosa inversione di rotta, e di consumo, è partita 10 anni fa, quando la «Nuove Acque», una società mista composta da 36 comuni del Valdarno e il colosso Suez, ha preso in mano la gestione della rete idrica della zona. Nonostante la presenza di una multinazionale, che suscita sempre qualche perplessità, i risultati non sono mancati: i motivi trainanti sono stati il miglioramento della qualità dell’acqua – grazie alla ristrutturazione della rete e al perfezionamento del gusto; una campagna pubblicitaria mirata alla riscoperta e alla valorizzazione del prodotto del rubinetto.

È chiaro che in quest’ultima operazione il ruolo centrale è ricoperto dalla Suez, che ha avviato in collaborazione col comune l’iniziativa «Acqua in brocca» in numerose scuole del territorio.

Insomma, a tirar le somme: come dimostrano i casi di Arezzo e Bundanoon, per cambiare le cose è necessario che qualcuno prenda l’iniziativa. E questo qualcuno non sono certamente le istituzioni pubbliche, che al massimo si accoderanno in un secondo momento: società industriale o singolo cittadino, l’importante è proporre una soluzione per evitare o alleviare sprechi, consumi e inquinamento tranquillamente evitabili.

Per saperne di più:
www.bundyontap.com.au
www.nuoveacque.it
www.corriere.it

Circa l'autore

Lascia un commento

DAILY NEWS

CAMPIONI D SOSTENIBILITÁ

Raccontiamo storie di imprese, servizi, prodotti, iniziative che amano l’ambiente.
Sono storie di persone che guardano avanti. Che hanno lanciato startup, realizzato imprese di successo o si stanno impegnando in progetti di nuova generazione.

Uomini e donne convinti che un buon business deve essere sostenibile. In grado di promuovere un mondo e una società migliori.

Se ti riconosci in questa comunità e vorresti raccontare la tua storia contattaci.
Saremo onorati e lieti di ascoltarla e farla conoscere.
Contatto veloce:
WhatsApp : 328 6569148

Daily News

Musica per Biorepack con Paolo Fresu

06/08/2022
Berchidda (SS), 6 agosto 2022 – Chi l’ha detto che la musica non possa essere trasformata in una potente opportunità di diffondere le buone pratiche nella raccolta delle bioplastiche insieme a rifiuti organici? Con questo spirito è stata sottoscritta la partnership tra BIOREPACK, consorzio nazionale per il riciclo organico degli imballaggi in bioplastica compostabile e Time […]

Mountain Future Festival

04/08/2022
Il Mountain Future Festival debutta sabato 6 agosto e proseguirà sino al 15-18 settemnbre con  ORME Festival dei sentieri. Il Mountain  è dedicato al futuro della montagna: un laboratorio di idee per riflettere, confrontarsi, per fermarsi un attimo e apprezzare la ricchezza e la bellezza delle alte quote. Luoghi, questi, dalla bellezza infinita, ma allo stesso tempo […]

Sanatech a Bologna Fiere

02/08/2022
Bologna, 1 agosto 2022 – Un salone professionale di filiera, un luogo di incontro e matching del business, un’occasione di aggiornamento e formazione degli operatori, una vetrina per le imprese: questo e molto altro è Sanatech, la Rassegna internazionale della filiera produttiva del biologico e del naturale che torna per la seconda edizione dall’8 all’11 settembre a BolognaFiere. […]

Siccità e sostenibilità

02/08/2022
L’agricoltura tra siccità, materie prime e sostenibilità: il 3 agosto si apre a Lignano Sabbiadoro (UD) Economia sotto l’Ombrellone Il primo incontro della rassegna sui temi di attualità promossa da EoIpso affronta i temi del settore agricolo e zootecnico nella prospettiva di un rafforzamento delle filiere. Inizio alle 18.30,partecipazione libera Potrebbe essere definita la tempesta […]

Batterie a elettroliti solidi riducono impatto climatico

19/07/2022
Roma, 19 luglio 2022 – L’impiego delle batterie allo stato solido consente di ridurre drasticamente l’impronta di carbonio (carbon footprint) degli accumuli utilizzati nei veicoli elettrici con un calo complessivo che potrebbe raggiungere il 39%. Lo rivela uno nuovo studio commissionato da Transport & Environment (T&E) a Minviro, azienda specializzata nell’analisi dei cicli di vita […]

Water Stories

Water Video Interviste

Caricamento in corso...
Choose your language »