Seleziona Pagina

Editoriale

di Giorgio Triani

Acque liberalizzate. Acque privatizzate. Con il decreto Ronchi si è nuovamente toccato con mano il paradosso tutt’italiano di interventi legislativi che riescono puntualmente a scatenare polemiche e conflitti più grandi di quelli esistenti prima che intervenisse la nuova legge o il nuovo decreto. Se non è masochismo è perversione, oppure le due cose insieme. Perché di «lodo» in «decreto» comincia a essere ormai chiaro che tanto più si mette mano a «riforme», evidentemente percepite come controriforme, tanto più si acuiscono le contrapposizioni e si aumenta la confusione relativamente ai termini reali delle poste e degli interessi in gioco.

Se infatti l’acqua diventa l’ennesimo terreno di scontro fra centro-destra e centro-sinistra, la minimizzazione degli effetti concreti (ad esempio sulle bollette che aumenteranno o sulla manutenzione delle reti che calerà) è speculare all’allarmismo di chi paventa l’arrivo del Grande Fratello come regolatore, alias privatizzatore, di tutti gli acquiferi e acquedotti nazionali. Ma davvero sarà così? Al momento si può solo ricordare e sottolineare che la rete acquedottistica nazionale fa acqua da tutte le parti, essendo un colabrodo, e a tutt’oggi governata essenzialmente dalla mano pubblica. Come si può allora sostenere che venendo meno questa si smetterà di investire nelle infrastrutture e che sarà automatico il peggioramento dei servizi idrici? Peggio di come si è gestita finora l’acqua sarà difficile fare. Di contro il privato non è sinonimo di efficienza, essendo peraltro fondato, perché basato sull’osservazione e l’esperienza, il rischio che anche nel caso dell’acqua si palesi una liberalizzazione all’italiana, cioè con vantaggi privatistici scaricati sulle spalle della collettività. Si pensi alla telefonia, alle telecomunicazioni e alle autostrade. Ma anche alla grande profittabilità dell’industria delle acque minerali, il cui business è costruito sullo sfruttamento di una risorsa pubblica pagata alla fonte quasi niente.

In questa prospettiva sarebbe meglio dismettere i furori ideologici, approfondire le questioni, attendere i decreti attuativi, vedere in concreto cosa succede e cosa si delinea. Insomma ragionare seriamente sulle politiche dell’acqua e su una governance che miri alla maggiore efficienza del sistema, attraverso un mix ottimale di pubblico&privato. Per quanto ci compete in questo numero ci limitiamo ad alcune veloci e generali considerazioni che servono soprattutto da benvenuto ai nuovi collaboratori, segnatamente le matricole del corso di giornalismo appena iniziato. Nel prossimo numero con interviste, schede e approfondimenti offriremo invece delle panoramiche che riguarderanno anche i principali paesi europei.

Chiudo con due informazioni di servizio. È in lavorazione uno «specialone» sul frigorifero, un elettrodomestico che ha una forte relazione con l’acqua, ma che è molto ricco di storie, di immaginario, di tecnologia. Oltre che di usi, costumi e consumi. Titolo provvisorio, ma programmatico, «la quinta stagione», che ci consentirà di affrontare temi accessori o collegati (dalla conservazione dei cibi con altre tecniche agli sport del ghiaccio destagionalizzati e delocalizzati in città). Cominciamo, in questo numero, con Emiliambiente, un viaggio all’interno delle «imprese dell’acqua». È anche questo il modo, per tornare all’argomento iniziale, di contribuire seriamente al dibattito sul «governo dell’acqua», fuori dagli schematismi della contrapposizione pubblico-privato.

Circa l'autore

Lascia un commento

DAILY NEWS

Agenda

In Italia 6 immobili su10 sono obsoleti.

16/01/2023
 Nel parco edilizio del nostro Paese —composto per il 92% da edifici residenziali e per il restante 8% da immobili destinati ad altri usi— la maggior parte delle proprietà sono vetuste e potrebbero trarre un grande beneficio dalle ristrutturazioni. A fare il punto della situazione è la Silvi Costruzioni Edili, che tra i clienti, oltre a committenti pubblici […]

“I giovani e le scienze 2023”: selezione italiana del concorso europeo

13/01/2023
Il 10 febbraio è il termine per candidarsi alla selezione italiana del concorso europeo ‘I giovani e le scienze”, promosso dalle istituzioni europee: Commissione, Consiglio e Parlamento. “Cerchiamo studenti tra i 14 e i 20 anni, tra i quali scegliere quanti vanno a rappresentare l’Italia alla finale europea EUCYS 2023”. Nei giorni dal 18 al […]

Mal aria d’Italia. La peggio è la Padania

06/01/2023
di Giulia Piccoli Il nuovo anno non si è aperto nel migliore dei modi per gli abitanti della Pianura Padana: nella vasta zona, già una delle più inquinate d’Europa, si sono registrati in questi giorni dei valori piuttosto alti di Pm10, cioè di polveri fini dannose per la salute di diametro inferiore a 10µm. Nella […]

CAMPIONI D SOSTENIBILITÁ

Raccontiamo storie di imprese, servizi, prodotti, iniziative che amano l’ambiente.
Sono storie di persone che guardano avanti. Che hanno lanciato startup, realizzato imprese di successo o si stanno impegnando in progetti di nuova generazione.

Uomini e donne convinti che un buon business deve essere sostenibile. In grado di promuovere un mondo e una società migliori.

Se ti riconosci in questa comunità e vorresti raccontare la tua storia contattaci.
Saremo onorati e lieti di ascoltarla e farla conoscere.
Contatto veloce:
WhatsApp : 328 6569148

Water Video Interviste

Caricamento in corso...
Choose your language »