Seleziona Pagina

Il rito dell’abluzione diventa tecnologico

Permettere ai fedeli musulmani di purificarsi prima delle preghiere senza sprecare acqua: è questo lo scopo dell’apparecchio hi-tech inventato da una società della Malesia. La macchina è verde ed è dotata di sensori e recipienti automatizzati per limitare il consumo di acqua durante il quotidiano rito dell’abluzione, che prevede il lavaggio di viso, braccia e gambe prima delle cinque sessioni di preghiera giornaliere.

La Aace Technologies punta sui mercati africano e mediorientale per i suoi apparecchi, pronti nei prossimi mesi co un prezzo tra i 3.000 e i 4.000 mila dollari: in queste due aree, caratterizzate dalla scarsità delle risorse idriche, sono concentrati la maggior parte degli oltre 1, 7 miliardi di musulmani. L’apparecchio tecnologico è alto poco più di un metro e mezzo e impiega 1,3 litri d’acqua, molto meno della quantità utilizzata ‘manualmente’; se ciò non bastasse, trasmette anche versetti del Corano.

Circa l'autore

Giorgio Triani

Sociologo, giornalista, consulente d’impresa.

Lascia un commento

Water Sponsor

Water Stories

Water Video

Caricamento in corso...

Water Natura

Membro della Internet Defense League

UA-116066244-1