Seleziona Pagina

Editoriale

di Giorgio Triani

Il Noaa (National Oceanic and Atmospherical Administration) annuncia che il 2010 sarà l’anno più caldo di tutti i tempi. È il 17 luglio: un mese prima l’Europa e l’Italia erano state sommerse da un’ondata eccezionale di precipitazioni. A riprova che le manifestazioni climatiche estreme sono ormai diventate normali. «Non ci sono più stagioni di mezzo» è diventata infatti la frase quotidiana più gettonata. Assieme alla lamentazione di una politica sciagurata che fa tanti discorsi e pochi fatti, con trascurabili eccezioni fra centro e periferia. Se è vero, per tornare ai disastri acquei che hanno sconvolto in giugno molte zone d’Italia, che si fatica a discernere i titolari del malgoverno territoriale. Perché se il governo centrale ha, anche storicamente, più colpe, le amministrazioni locali non possono (più) chiamarsi fuori. Tanti, e troppo frequenti, risultano infatti i piccoli e grandi eventi calamitosi che, dalle Alpi alla Sicilia, mettono in ginocchio una città o un quartiere, bloccano una strada o un ponte, fanno smottare una montagna o tracimare un rio, mandare in tilt il sistema fognario e il traffico.

È stato sufficiente, appunto, un giugno un po’ autunnale, estivo ma piovoso, per trovarsi a fare i conti con allarmi meteo da protezione civile che, però, visto gli esiti solitamente disastrosi, non vengono presi sul serio in primis dalle stesse autorità che li hanno lanciati; e che fanno il paio con dichiarazioni di «pubblica calamità» che ormai non portano più soldi alle popolazioni e ai territori colpiti ma solo polemiche e palleggio di responsabilità. Che di variabile ha solo il gioco a scambiarsi le parti fra sinistra e destra, a seconda che stiano al governo o all’opposizione. Secondo uno sciagurato copione che ora, con la nuova legge di liberalizzazione delle acque (decreto Ronchi), rischia addirittura di peggiorare un quadro che presto si caricherà di un nuovo e inedito conflitto fra interessi pubblici e privati in materia di acqua potabile.

Giusto per ribadire che la situazione se non è drammatica poco ci manca, nonostante i tanti bei discorsi e le accalorate denunce, sui quali fa però premio una cultura del territorio, dunque anche della pianificazione urbanistica, in cui gli orientamenti estetici e decorativi prevalgono su quelli strutturali e capaci di istituire vere priorità e concrete e quotidiane azioni. Talché per fare alcuni esempi estremi, ma per questo significativi, si costruiscono rotonde stradali con aiuole e monumenti, ma non si provvede alla pulizia di fossi e canali; si investe in ciò che si vede bene (piazze, spazi gioco e arredi urbani), ma non si spende per adeguare i sistemi fognari, perché non sono spettacolari; si incassano oneri di urbanizzazione, ma poi non si provvede alla manutenzione ordinaria dei nuovi quartieri. È cosi che basta una precipitazione fuori dalla norma perché metropoli e piccole città, del sud come del nord, si trovino con cantine, negozi e sottopassi allagati. Immersi in un disastro, quasi sempre annunciato.

Circa l'autore

Giorgio Triani

Sociologo, giornalista, consulente d’impresa.

Lascia un commento

Water Sponsor

Water Stories

Water Video

Caricamento in corso...

Water Natura

Membro della Internet Defense League

UA-116066244-1