Seleziona Pagina

Arriva l’acqua sfusa all’Università di Torino.


 


Torino, 9/6/2011 – Acqua in bottiglia all’Università? No, grazie: pubblica e sfusa è meglio! È questa l’idea rilanciata dagli Studenti Indipendenti durante la conferenza stampa di ieri per l’inaugurazione di Acquamat, il primo distributore di acqua alla spina, installato nella Palazzina Einaudi di corso Regina. Una inaugurazione che, non a caso, cade alla vigilia del referendum per l’acqua pubblica del 12 e 13 giugno e che, di nuovo non a caso, ha come ospite la vice-sindaco di Parigi, luogo simbolo della ripubblicizzazione del servizio idrico.

 

Presenti alla conferenza, anche il “Comitato 2 sì per l’acqua bene comune” e il Centro Studi Ambientali di Torino, che ha lanciato il progetto T.V.B. Ti Voglio Bere per la valorizzazione dell’acqua della rete, a cui l’Università di Torino ha aderito attraverso l’installazione di Acquamat, realizzata dalla ditta Luxnova, che da domani erogherà acqua trattata liscia, gasata e lievemente gasata, a temperatura ambiente o refrigerata, per un bere più sostenibile.

“Le acque in bottiglia all’Università non sono più le benvenute”, ha dichiarato Lorenzo, responsabile del progetto proposto dagli Studenti Indipendenti . “Abbiamo deciso di offrire un’alternativa sostenibile al consumo di acque imbottigliate e agli enormi profitti che su di esse realizzano le multinazionali dell’acqua  incoraggiando l’utilizzo di quella del rubinetto. In questo modo dimostriamo anche il nostro impegno comune col “Comitato 2 sì per l’acqua bene comune” in vista della scadenza referendaria del 12 e 13 giugno”.

 

“Siamo molto contenti che l’Università abbia condiviso le finalità del progetto T.V.B. Ti Voglio Bere – ha continuato Lorenzo –  e crediamo che possa essere esportato in tutti gli ambiti universitari, luoghi di cultura per eccellenza dove è importante far entrare iniziative come questa, volte alla creazione di una cultura dell’acqua bene pubblico”.  “T.V.B. è un percorso che parte da un’idea di consumo critico e responsabile della risorsa idrica, sempre più scarsa e limitata – ha aggiunto Domenico Filippone del Centro Studi Ambientali -. Da qui l’importanza della sua valorizzazione, attraverso il risparmio idrico e la scelta di bere quella della rete: solo così dimostriamo di tenere davvero a questo bene comune”.

 

E allora l’invito è quello di andare a dimostrarlo anche alle urne, il 12 e il 13 giugno. E arriva da Mariangela Rosolen, del Comitato referendario e dalla vide-sindaco di Parigi, Anne Le Strat: “Continuate a lottare per l’acqua pubblica. A Parigi abbiamo difeso la riforma per ripubblicizzare l’acqua potabile e fornire una gestione più efficace, economica e democratica che coinvolga attivamente i cittadini attraverso diverse iniziative. Anche noi portiamo avanti campagne per promuovere l’acqua del rubinetto, contro quelle imbottigliate. Battaglia difficile, perché le lobby sono molto potenti, ma i risvolti sono tanti: sociali, politici, ambientali, economici e portano a una società più giusta e sostenibile”. L’importante è crederci, fino in fondo. E allora per il referendum, bonne chance!

 

Circa l'autore

Giorgio Triani

Sociologo, giornalista, consulente d’impresa.

Lascia un commento

DAILY NEWS

Agenda

In Italia 6 immobili su10 sono obsoleti.

16/01/2023
 Nel parco edilizio del nostro Paese —composto per il 92% da edifici residenziali e per il restante 8% da immobili destinati ad altri usi— la maggior parte delle proprietà sono vetuste e potrebbero trarre un grande beneficio dalle ristrutturazioni. A fare il punto della situazione è la Silvi Costruzioni Edili, che tra i clienti, oltre a committenti pubblici […]

“I giovani e le scienze 2023”: selezione italiana del concorso europeo

13/01/2023
Il 10 febbraio è il termine per candidarsi alla selezione italiana del concorso europeo ‘I giovani e le scienze”, promosso dalle istituzioni europee: Commissione, Consiglio e Parlamento. “Cerchiamo studenti tra i 14 e i 20 anni, tra i quali scegliere quanti vanno a rappresentare l’Italia alla finale europea EUCYS 2023”. Nei giorni dal 18 al […]

Mal aria d’Italia. La peggio è la Padania

06/01/2023
di Giulia Piccoli Il nuovo anno non si è aperto nel migliore dei modi per gli abitanti della Pianura Padana: nella vasta zona, già una delle più inquinate d’Europa, si sono registrati in questi giorni dei valori piuttosto alti di Pm10, cioè di polveri fini dannose per la salute di diametro inferiore a 10µm. Nella […]

CAMPIONI D SOSTENIBILITÁ

Raccontiamo storie di imprese, servizi, prodotti, iniziative che amano l’ambiente.
Sono storie di persone che guardano avanti. Che hanno lanciato startup, realizzato imprese di successo o si stanno impegnando in progetti di nuova generazione.

Uomini e donne convinti che un buon business deve essere sostenibile. In grado di promuovere un mondo e una società migliori.

Se ti riconosci in questa comunità e vorresti raccontare la tua storia contattaci.
Saremo onorati e lieti di ascoltarla e farla conoscere.
Contatto veloce:
WhatsApp : 328 6569148

Water Video Interviste

Caricamento in corso...
Choose your language »