Seleziona Pagina

Del come le distanze mutano in acqua

di Luca Guerra

 

Il nostro corpo parla un linguaggio che solo un altro corpo è in grado di decodificare e comprendere: nel mondo contemporaneo sta assumendo sempre più importanza la valutazione della prossemica, ossia dei segnali riguardanti il comportamento spaziale che l’orientamento del nostro corpo è in grado di valutare. Nella prossemica, grande importanza è data all’idea di distanza fisica, come fu concepita e classificata negli anni ’60 dall’antropologo americano Edward T. Hall. Nel mondo del contatto veloce, della comunicazione multimediale e più frammentata che mai, diventa molto importante saper decifrare i comportamenti paraverbali delle persone con le quali andiamo a rapportarci, considerata la scarsità di tempo necessaria a coltivare rapporti interpersonali basati sulle sufficienti quantità (e qualità) di dialogo e ascolto.

 

Nella nostra epoca si va restringendo l’idea di zona pubblica: pubblico e intimo costituiscono i 2 poli entro i quali i rapporti sociali si sviluppano, soverchiando i concetti di sociale e personale. Diamo sempre maggiore peso alla cinesica e alla lettura dei gesti, sempre più utili per definire chi è “dentro” e chi “fuori”. Viviamo nella società dell’eccesso, divisa tra l’eccessiva diffidenza e la conseguente paura per le distanze che si assottigliano in mezzo alla folla, e quella fetta di popolazione, in particolare quella in età adolescenziale, nata e cresciuta nel concetto di “gruppo”, inteso come nucleo amicale e conversazionale nel quale i corpi sono sempre tanto vicini da configurarsi come un unicum.

 

In questo marasma di confini dissipati e inconoscibili, si fa largo l’acqua: in quale altro posto, se non nel mare, i comportamenti e l’approccio all’idea di confine e distanza mutano? Basti pensare a come ci muoviamo con disinvoltura pur avendo il nostro corpo ignudo eccezion fatta per il costume, quel pezzo di stoffa che ricopre le parti intime, e come in acqua riusciamo a essere vicini, prenderci sulle spalle, muoverci a cavalcioni senza paura del giudizio altrui. Il mare, inteso come superficie acquifera, disintegra gli ordini, con l’effetto di liquefare i nostri preconcetti e le nostre concezioni di pudore, senza sfociare nel volgare o nel turpe, ma semplicemente configurandosi quasi come una “zona franca” in cui la paura di mostrarsi cede il passo alla gioia di vivere.

Circa l'autore

Giorgio Triani

Sociologo, giornalista, consulente d’impresa.

Lascia un commento

Daily News

CAMPIONI D SOSTENIBILITÁ

Raccontiamo storie di imprese, servizi, prodotti, iniziative che amano l’ambiente.
Sono storie di persone che guardano avanti. Che hanno lanciato startup, realizzato imprese di successo o si stanno impegnando in progetti di nuova generazione.

Uomini e donne convinti che un buon business deve essere sostenibile. In grado di promuovere un mondo e una società migliori.

Se ti riconosci in questa comunità e vorresti raccontare la tua storia contattaci.
Saremo onorati e lieti di ascoltarla e farla conoscere.
Contatto veloce:
WhatsApp : 328 6569148

Agenda

26 gennaio: scadenza bando Servizio Civile a Cuneo

17/01/2022
C’è tempo fino al 26 gennaio, alle ore 14, per iscriversi al bando per i volontari per il Servizio Civile Universale nella Provincia di Cuneo. Gli operatori, più di cinquantaseimila, sono tutti volontari e vengono selezionati in tutta Europa, in Italia come all’estero. Si tratta di un’iniziativa aperta ai giovani, dai diciotto ai ventott’anni, che […]

22 gennaio: webinar “L’Acqua Che C’è”

14/01/2022
Sabato 22 gennaio si terrà, presso l’Auditorium de Laugier a Portoferraio, il webinar “L’Acqua Che C’è”, organizzato da Difesa Lido e Mola.  Saranno presenti numerosi esperti e giornalisti, come Gabriele Canè, nonché il Presidente della sezione Arcipelago Toscano di Italia Nostra Leonardo Preziosi. Invitati anche numerosi professori, come Francesco Cioffi, Alessandro Corsini, Edoardo Croci e Gabriella De […]

20 gennaio: webinar “Le Acque Della Luna”

13/01/2022
Il 20 gennaio, alle ore 16, sarà possibile seguire il webinar “Le acque della Luna: immaginazione, realtà, scienza”.  Migliaia di teorie hanno riguardato la natura della Luna, e una delle più particolari esiste dai tempi di Leonardo da Vinci: che la sua faccia luminosa sia colma d’acqua – la fonte della vita e dell’ambiente stesso. […]

Water Stories

Water Video Interviste

Caricamento in corso...
Choose your language »