Select Page

Acqua del rubinetto: la preferita dagli italiani

di Barbara Baraldi 

 

 

Il 74% degli italiani sceglie di bere acqua del rubinetto. Su un campione di 2050 individui (dai 18 anni su) più di due terzi hanno detto sì all’acqua di casa, a km zero.

E’ questo il risultato dell’ultima ricerca di Aqua Italia, associazione che raggruppa le aziende leader nel settore del trattamento dell’acqua, federata ad Anima (Federazione Nazionale delle Associazioni dell’Industria Meccanica Varia e Affine) di Confindustria.

 

Giocano a favore dell’acqua del rubinetto i controlli, la comodità, il risparmio, l’eco compatibilità e il gusto e con questo dato si segna una vera rivoluzione nel Paese che fino a poco tempo fa segnava i record nel settore delle acque minerali in bottiglia.
Il 29,8% degli intervistati dichiarano di berla perché è buona, dato sorprendente se comparato a quello del  2008 che, per il gusto, si fermava solo al 2,1%. Il notevole incremento si può addurre al fatto che gli italiani riconoscono, anche grazie alle numerose attività di informazione e promozione effettuate negli anni recenti, la salubrità dell’acqua degli acquedotti. Il 57% di chi beve sempre o quasi sempre l’acqua del rubinetto trattata e non, la beve principalmente per il gusto gradevole.

 

La seconda, più importante ragione per la quale gli italiani bevono l’acqua del rubinetto trattata e non, è la sicurezza.  Il 20,4% ritiene, infatti, che i maggiori controlli rispetto all’acqua imbottigliata siano un fatto di grande importanza. Un risultato ottenuto anche grazie al  decreto n.31/2001 che individua un numero minimo di controlli annui a seconda del volume di acqua distribuito ogni giorno.

 

A seguire, il 20,2% ritiene che un notevole vantaggio sia la comodità. L’acqua di casa, infatti, è disponibile a tutti direttamente nelle proprie case senza doversi recare al supermercato e trasportare pesanti casse d’acqua. Gli italiani negli ultimi anni, anche a causa della crisi economica che si è abbattuta sulla nazione, siano diventati più pratici e pragmatici, ottimizzando le risorse a disposizione.

 

Un litro di acqua del rubinetto costa tra le 300 e le 1000 volte meno dell’acqua in bottiglia: il 16,3% degli intervistati lo sa e preferisce bere acqua del rubinetto per via del risparmio.

 

Bere acqua di casa ha comunque anche una ripercussione a livello ambientale: diminuendo l’acquisto di acqua in bottiglia diminuisce anche il problema della produzione e quindi dello smaltimento del PET. Il 13% degli intervistati dice di scegliere l’acqua a km zero per l’attenzione all’ambiente, dato in lieve calo rispetto al 2008 quando si registrava il 20,5% delle preferenze. Infine, è segnalato “il gusto su misura” garantito dall’utilizzo di sistemi di trattamento domestico nel 6,9% dei casi.

 

About The Author

Giorgio Triani

Sociologo, giornalista, consulente d’impresa.

Leave a reply

Water Sponsor

Water Stories

Water Video

Loading...

Water Natura

UA-116066244-1