Il nibbio bianco colto con la preda tra gli artigli durante la danza di corteggiamento in Estremadura, il capodoglio in muta nelle acque di Cocorocci in Sardegna, i camosci che si stagliano sulla cresta della Maiella all’alba, sono solo alcune delle straordinarie immagini che si possono ammirare nel corso del “1° Festival della Fotografia Naturalistica” che si terrà a Roma dal 4 al 14 ottobre con il sostegno della Provincia di Roma.

 

Le 125 fotografie esposte, per la maggior parte inedite, di 23 fotografi italiani e stranieri tra cui Michel Gunther, Egidio Trainito, Bruno D’Amicis, presentano immagini di flora, fauna o paesaggio naturale scattate secondo il codice etico della fotografia naturalistica che si fonda sul rapporto rispettoso e non invadente tra il fotografo e l’ambiente circostante. Foto che esprimono quanta fatica, quanti espedienti ed astuzie, quanta passione e capacità tecnica siano necessarie per una sola immagine riuscita.

 

La manifestazione organizzata dall’associazione culturale Obiettivo Mediterraneo, che si avvale del patrocinio di WWF Italia, Legambiente e Lipu e della sponsorizzazione tecnica di Swarovski Optik e Canon, è l’occasione per avvicinare il grande pubblico alla eccezionale ricchezza della natura mediterranea anche attraverso conferenze, incontri e workshop sulle innovative tecniche di ripresa.

 

Per maggiori informazioni consulta il sito web: http://www.obiettivomediterraneo.com/