Seleziona Pagina

Antartide: un ambiente vitale che potrebbe diventare sterile.

Se pensiamo che l’Antartide sia un luogo privo di vita solo perché non esiste un insediamento umano stabile ci sbagliamo di grosso. Ma presto potrebbe diventarlo, per colpa del cambiamento climatico. Un forte riscaldamento, acqua meno ossigenata e più acida, maggiore concentrazione di anidride carbonica, sono i principali problemi che stanno scombinando il clima antartico e i suoi mari.

 

A denunciarlo una equipe di studiosi tra cui Hans Poertner, fisiologo animale dell’Alfred-Wegener-Institute per la ricerca marina e polare. Per lui e gli altri suoi colleghi, esiste una temperatura massima e una minima al di fuori delle quali i pesci muoiono. “Gli studiosi chiamano finestra termica l’insieme di valori in cui è possibile la sopravvivenza e questo range dipende dal luogo in cui i pesci si sono sviluppati: i pesci che si sono evoluti al caldo saranno abituati a quelle temperature, quelli nati ai poli si saranno adattati invece al freddo”. E se la temperatura aumenta troppo? O pesci che vivono negli oceani come l’Atlantico o il Pacifico possono spostarsi nei mari più freddi ma gli animali che vivono negli oceani polari non hanno altri luoghi dove migrare.

 

Della stessa opinione George Somero, docente di biologia marina alla Stanford University, “ci sono diverse specie di pesci che muoiono quando la temperatura sale oltre 3-4°C, dunque molto bassa. Cosa succederebbe loro se l’acqua si riscaldasse di qualche grado? Sarebbe una strage. Il problema è che sta lentamente succedendo.”

 

Ma sono anche altre le questioni relative al riscaldamento globale. Una di quelle più conosciute è l’aumento del volume dell’acqua, che per noi vuol dire innalzamento del livello del mare, spiagge più strette, allagamenti. Ma che cosa comporta questo fenomeno per i pesci?

 

Gli animali marini, così come tutti noi, necessitano di ossigeno. Più estrema è la temperatura, meno tollerano la diminuzione di ossigeno: le capacità aerobiche e il flusso sanguigno diminuiscono, l’emoglobina non funziona bene e i pesci vanno in ipossia”, ha spiegato Somero. Il problema, come specificato da Poertner, è nella concentrazione di ossigeno nel mare: “Quando gli oceani si riscaldano c’è un volume maggiore di acqua. Forse qualcuno di voi saprà che i fluidi caldi tendono a stare in superficie, quelli freddi sul fondo: questo porta alla formazioni di veri e propri livelli separati di liquido a diverse temperature, che non possono scambiarsi tra loro. Se aumenta il volume dell’acqua in uno di questi strati, vuol dire che in esso ci sarà concentrazione minore di ossigeno. Quindi in queste zone la possibilità di sopravvivenza dei pesci diminuisce sensibilmente”.

 

Un avvertimento, questo, accompagnato da quello ben più noto della concentrazione di anidride carbonica, problema che riguarda anche i nostri cieli. “La maggiore concentrazione di CO2 restringe la finestra in cui i pesci non vanno in ipossia, il riscaldamento climatico ha a che fare con la sua accumulazione nei mari. In questi ultimi decenni abbiamo misurato un incremento di acidità dell’acqua, parallelo all’aumento

dell’anidride carbonica e alla calcificazione dei mari. È stato un cambiamento piuttosto lento, quello dell’acidità, di 0,02 unità per decade dal 1980. Difficile osservarlo, dunque, ma dalle terribili conseguenze sulla fisiologia degli animali marini”, ha detto lo scienziato.

 

Abbiamo proiezioni su quello che succederà se non smettiamo di bruciare combustibile fossile” spiegano gli scienziati. “Arriveremo alla concentrazione di CO2 più alta mai raggiunta in milioni di anni. Dalla fase preindustriale abbiamo già il 32% di acidità in più, ma la predizione è che entro il 2100 avremo mari 2,8 volte più acidi. Alla luce del fatto che questo va di pari passo con la concentrazione di CO2 nell’acqua e nell’aria, immaginate cosa potrebbe succedere?”

Circa l'autore

Giorgio Triani

Sociologo, giornalista, consulente d’impresa.

Lascia un commento

DAILY NEWS

Agenda

EMERSIONI: la presentazione a “Non Rassegnamoci”

21/11/2022
Martedì 22 novembre alle 18.30, alla Chiesetta del Parco Trotter (Via mosso 7), ci sarà il terzo appuntamento di Storie, la rassegna letteraria di Municipio 2 curata da Potlatch all’interno della rassegna “Non Rassegnamoci”. Durante l’evento verrà presentata la rivista Emersioni. Emersioni è una rivista digitale e gratuita per parlare di cose difficili dando voce […]

Unapol a Gustus 22 Expo Sapori Mediterranei 

19/11/2022
Unapol – Unione Nazionale Associazioni Produttori Olivicoli sarà presente a Napoli nei giorni 20, 21 e 22 Novembre presso i padiglioni di Gustus 2022, il Salone Professionale dell’Agroalimentare, Enogastronomia e Tecnica che quest’anno giunge alla sua VIII Edizione.   “Gustus rappresenta un evento di rilevanza strategica per il settore agroalimentare e dell’enogastronomia – commenta Tommaso Loiodice, Presidente Unapol – non solo del Sud Italia, ma può e […]

Po fiume d’Europa, Parma capitale italiana delle acque. Mito, Identità, Futuro

16/11/2022
Nell’ambito della ricerca interdisciplinare Po fiume d’Europa, Parma capitale italiana delle acque. Mito | Identità | Futuro, promossa nel 2019 dall’Università di Parma insieme ai quattro Enti di governo del fiume Po e del suo bacino idrografico che hanno sede a Parma –l’Agenzia interregionale per il fiume Po (AIPo), l’Autorità di Bacino distrettuale del fiume Po […]

CAMPIONI D SOSTENIBILITÁ

Raccontiamo storie di imprese, servizi, prodotti, iniziative che amano l’ambiente.
Sono storie di persone che guardano avanti. Che hanno lanciato startup, realizzato imprese di successo o si stanno impegnando in progetti di nuova generazione.

Uomini e donne convinti che un buon business deve essere sostenibile. In grado di promuovere un mondo e una società migliori.

Se ti riconosci in questa comunità e vorresti raccontare la tua storia contattaci.
Saremo onorati e lieti di ascoltarla e farla conoscere.
Contatto veloce:
WhatsApp : 328 6569148

Water Video Interviste

Caricamento in corso...
Choose your language »