Select Page

Affitto e compravendita di terreni agricoli nei paesi con problemi alimentari

 

India , Arabia Saudita, Cina sono alcuni dei paesi che stanno comprando o affittando per periodi molti lunghi  ( da 15 a 99 anni) grandi estensioni di terreno agricolo in Africa e America Latina. L’Etiopia  ad esempio ha ceduto più di 1 milione di ettari di suolo fertile a investitori stranieri. Ma l’Etiopia è anche il paese che ha poco più del 10% di terreno agricolo irrigato, essendo anche il più grande percettore di aiuti alimentari del  mondo.

Come dice in una lunga intervista Madiodio Niasse, Direttore delI’International Land Coalition che ha sede  a Roma  e uno dei curatori del  Fourth World Water Development Report,  questa situazione, comune a molti altri paesi come il Sudan e il Senegal, presenta molti rischi. Per la sovranità del paese e perché non è affatto detto che gli investimenti dei fondi esteri aiutino ad ammodernare le infrastrutture, a sviluppare cultura d’impresa fra gli agricoltori locali e ad aumentare le quantità di cibo disponibili per i residenti.

E’ proprio per contrastare questi rischi –  secondo l’ex direttore generale della Fao, Jacques Diouf, tali da prefigurare un “neocolonialismo agrario” – che molti paesi sudamericani hanno adottato o stanno adottando leggi e provvedimenti molto restrittivi sulla vendita di terra a gruppi e fondi stranieri. Il Senato argentino ad esempio ha recentemente votato una legge che fissa il limite di 1.000 ettari per singolo fondo e un limite territoriale nazionale del 15% in mani straniere ( attualmente è del 7%).

 

“Intervista con Madiodio Niasse” di Susan Schneegans, Unesco Media Services,20.4.2012  

 

About The Author

Giorgio Triani

Sociologo, giornalista, consulente d’impresa.

Leave a reply

Water Sponsor

Water Stories

Water Video

Loading...

Water Natura

UA-116066244-1