Seleziona Pagina

Affitto e compravendita di terreni agricoli nei paesi con problemi alimentari

 

India , Arabia Saudita, Cina sono alcuni dei paesi che stanno comprando o affittando per periodi molti lunghi  ( da 15 a 99 anni) grandi estensioni di terreno agricolo in Africa e America Latina. L’Etiopia  ad esempio ha ceduto più di 1 milione di ettari di suolo fertile a investitori stranieri. Ma l’Etiopia è anche il paese che ha poco più del 10% di terreno agricolo irrigato, essendo anche il più grande percettore di aiuti alimentari del  mondo.

Come dice in una lunga intervista Madiodio Niasse, Direttore delI’International Land Coalition che ha sede  a Roma  e uno dei curatori del  Fourth World Water Development Report,  questa situazione, comune a molti altri paesi come il Sudan e il Senegal, presenta molti rischi. Per la sovranità del paese e perché non è affatto detto che gli investimenti dei fondi esteri aiutino ad ammodernare le infrastrutture, a sviluppare cultura d’impresa fra gli agricoltori locali e ad aumentare le quantità di cibo disponibili per i residenti.

E’ proprio per contrastare questi rischi –  secondo l’ex direttore generale della Fao, Jacques Diouf, tali da prefigurare un “neocolonialismo agrario” – che molti paesi sudamericani hanno adottato o stanno adottando leggi e provvedimenti molto restrittivi sulla vendita di terra a gruppi e fondi stranieri. Il Senato argentino ad esempio ha recentemente votato una legge che fissa il limite di 1.000 ettari per singolo fondo e un limite territoriale nazionale del 15% in mani straniere ( attualmente è del 7%).

 

“Intervista con Madiodio Niasse” di Susan Schneegans, Unesco Media Services,20.4.2012  

 

Circa l'autore

Giorgio Triani

Sociologo, giornalista, consulente d’impresa.

Lascia un commento

Water Sponsor

Water Stories

Water Video

Caricamento in corso...

Water Natura

Membro della Internet Defense League

UA-116066244-1