Seleziona Pagina

Carovana delle Alpi: Legambiente assegna bandiere verdi e nere a buone pratiche e nemici della montagna

Sono pronte le bandiere verdi e nere che Legambiente consegnerà da qui a ottobre sull’arco alpino italiano per premiare chi si è adoperato per la valorizzazione e la difesa delle località montane e denunciare situazioni di degrado e cementificazione.

“Le situazioni monitorate mostrano come sia tanto il lavoro da fare per difendere e valorizzare le Alpi, un territorio ricco di storia, di risorse naturali e culturali, dove con scarsa lungimiranza si è cercato di importare il modello di sviluppo della pianura: traffico privato, grandi alberghi, turismo stagionale, grandi impianti invernali – commenta il presidente di Legambiente Vittorio Cogliati Dezza -. Sul versante italiano vivono oltre 4 milioni di abitanti, distribuiti in una costellazione di piccoli centri, ma su questo patrimonio incombe da anni un forte disagio causato dalla crescente rarefazione dei servizi territoriali, che rischia di provocarne la scomparsa. Ma proprio in questi anni la crisi del vecchio modello di sviluppo pone in primo piano la possibilità di uno sviluppo diverso, basato sulla green economy, a misura di chi la montagna la abita 365 giorni all’anno. La sopravvivenza delle comunità alpine è legata al miglioramento della qualità infrastrutturale, materiale e immateriale, soprattutto per quel che riguarda servizi come l’istruzione, la sanità, l’assistenza agli anziani,la banda larga, le proposte culturali e il trasporto pubblico”.

“Per costruire comunità stabili, in equilibrio con il territorio – aggiunge Vanda Bonardo, responsabile Alpi di Legambiente – occorrono forti cambiamenti strutturali. I territori montani, per loro natura, possono diventare felicemente abitabili se le popolazioni riescono a sviluppare le competenze utili per costruire condizioni ambientali competitive: un forte controllo del consumo di suolo, coniugato con attività di prevenzione del dissesto, attenzione alle risorse, in particolare all’acqua, sostegno al recupero edilizio, distribuzione degli insediamenti in modo da poter attivare servizi pubblici efficaci, infrastrutture telematiche. C’è la necessità di costruire posti di lavoro che attraggano l’occupazione giovanile qualificata, dai parchi tecnologici a quelli naturali – e a tutto ciò occorre associare anche un’attenta progettazione degli edifici. La messa in discussione delle Comunità Montane e i tagli agli enti locali e ai servizi, qui più che altrove peseranno sulle comunità. Per questo occorrerebbe ripensare a forme di contributi specifici utili a tamponare le ulteriori fragilità che si verificheranno”.

Delle 11 bandiere nere che vanno ai “pirati” delle Alpi, ben 3 sono assegnate in Piemonte, 2 in Veneto, 2 in Lombardia, una rispettivamente a Friuli Venezia Giulia, Trentino, Valle d’Aosta e Liguria. Le vicende selezionate evidenziano una visione distorta della valorizzazione turistica, che favorisce la speculazione, a fronte di un’assenza di politiche di tutela.

Dalle Alpi non arrivano, però, solo brutte notizie. Altrettante bandiere verdi sono state selezionate per premiare progetti che mettono in campo politiche virtuose. Alla Lombardia vanno 4 riconoscimenti, 2 al Piemonte mentre Friuli Venezia Giulia, Veneto, Trentino e Valle d’Aosta ne prendono uno a testa. In questi casi, amministratori e cittadini hanno saputo incrociare il desiderio di sviluppo sociale e civile con la conservazione degli ambienti naturali più preziosi. Una bandiera verde va anche ai cittadini della Confederazione Svizzera che con il referendum di marzo scorso hanno scelto di mettere un freno alla costruzione di seconde case.

Per l’undicesimo anno consecutivo, la Carovana delle Alpi attraverserà dunque il nostro arco alpino per sollecitare i cittadini, le forze economiche, le istituzioni a rendersi protagoniste della sfida della qualità ambientale sulle montagne: dalle valli liguri a quelle Carniche, l’obiettivo sarà quello di valorizzare le risorse locali, sottolineare l’importanza delle aree protette, far conoscere i piccoli comuni e le loro tradizioni. Dal 13 al 15 luglio c’è Festambiente Alpi in Valmasino, in provincia di Sondrio. Poi riflettori puntati sui “Fiumi senz’acqua”, un’iniziativa promossa da Legambiente e CIPRA con lo scopo di segnalare i casi in cui viene sottratta tutta o quasi tutta l’acqua di fiumi e torrenti. In primo piano anche il cemento in alta quota, le speculazione edilizia, gli impianti di risalita che devastano il territorio.

Circa l'autore

Giorgio Triani

Sociologo, giornalista, consulente d’impresa.

Lascia un commento

DAILY NEWS

Agenda

Piani di Sicurezza dell’acqua: il convegno a Pisa e il progetto di Acque

04/02/2023
PIANI DI SICUREZZA DELL’ACQUA: VERSO LA COPERTURA TOTALE DEL SERVIZIO IL PROGETTO DI ACQUE PER UNA RISORSA IDRICA ANCORA PIÙ SICURA Analisi calibrate sulle caratteristiche dell’acqua del territorio. Il punto durante il convegno a Pisa che ha visto la partecipazione di numerosi esperti del settore. Prima la sperimentazione su uno dei sistemi acquedottistici del territorio. […]

Bofrost: obiettivo neutralità climatica entro il 2035

04/02/2023
«La priorità è ridurre i consumi energetici» La più grande azienda italiana della vendita a domicilio di alimentari surgelati e freschi annuncia l’impegno a centrare il goal fissato dal gruppo internazionale Bofrost. Installati 21 impianti fotovoltaici tra sede e filiali, innovazione nella refrigerazione con gli impianti a CO2, riduzione dei consumi della flotta e rivoluzione […]

TICKETSMS PIANTA LA SUA PRIMA FORESTA

03/02/2023
  TicketSms si era data un obiettivo fin dalla sua fondazione: eliminare la carta dal mondo del ticketing sfruttando al meglio gli strumenti digitali. Basta con costosi (e inquinanti) biglietti con loghi e sigilli, basta spedizioni di certificati di ingresso via corriere. La scelta dell’azienda è stata fin dall’inizio paperless: i ticket si possono tranquillamente comprare […]

CAMPIONI D SOSTENIBILITÁ

Raccontiamo storie di imprese, servizi, prodotti, iniziative che amano l’ambiente.
Sono storie di persone che guardano avanti. Che hanno lanciato startup, realizzato imprese di successo o si stanno impegnando in progetti di nuova generazione.

Uomini e donne convinti che un buon business deve essere sostenibile. In grado di promuovere un mondo e una società migliori.

Se ti riconosci in questa comunità e vorresti raccontare la tua storia contattaci.
Saremo onorati e lieti di ascoltarla e farla conoscere.
Contatto veloce:
WhatsApp : 328 6569148

Water Video Interviste

Caricamento in corso...
Choose your language »