Seleziona Pagina

Scoprire il Dna? Io lo faccio a casa

di Daniela Asaro Romanoff

 

L’esperimento che illustrerò ha bisogno dell’utilizzo dell’acqua. Potrebbe sembrare che sia assolutamente al di fuori della nostra portata la capacità di saper estrarre da soli il nostro Dna, invece, come vedremo, l’esperimento non è affatto difficile.

Con molta attenzione e prudenza si può procedere all’estrazione del Dna anche a casa propria. E’ sufficiente avere un piano d’appoggio igienizzato, qualche contenitore, acqua, olio, alcool, sale, colorante per alimenti blu, un sottile bastoncino in legno, quelli che si utilizzano per gli spiedini, detersivo per piatti chiaro, un contagocce, occhiali per la sicurezza, guanti in gomma, quelli utilizzati per lavare i piatti. Il Dna è una molecola complessa, che si trova all’interno delle cellule. La molecola è molto piccola e non è possibile vederla ad occhio nudo. Bisogna raccogliere un grande numero di molecole per poterla vedere. Nel nostro caso preleveremo la saliva.

 

Indichiamo tutto quanto è necessario avere, per svolgere l’esperienza, specificando la quantità che va adoperata.

-500 ml di acqua ( si può utilizzare l’acqua che fuoriesce dal nostro rubinetto)

– 1 contagocce

-1 beuta, oppure un contenitore di vetro che si restringe all’imboccatura

-1 cucchiaio di sale da cucina

– 125 ml alcool ispropilico usp 70%

– 2 gocce di colorante per alimenti

– 1 goccia di detersivo per piatti

– 1 bastoncino in legno (quelli che si adoperano per gli spiedini)

– 1 paio di guanti in gomma

 

Si raccomanda la massima attenzione nell’adoperare l’alcool, è necessario indossare gli occhiali per la sicurezza e va adoperato in un ambiente ben ventilato. Si deve tenerlo lontano da fiamme, scintille, fonti di calore e, ovviamente, non va ingerito.

 

Fase 1 Versiamo il cucchiaio di sale nel contenitore in cui ci sono 500 ml di acqua. Mescolare bene, fino a quando il sale è completamente disciolto.

 

Fase 2 Fare dei gargarismi con tale acqua salata, non ingoiare l’acqua, ma sputare il tutto nella beuta, che ora, oltre all’acqua salata, conterrà anche la nostra saliva.

 

Fase 3 Immergere il bastoncino sottile in legno nella goccia di detersivo e poi inserire delicatamente il bastoncino nella beuta, mescolare poco, per tre volte al massimo, è bene non avere troppa schiuma nel contenitore.

 

Fase 4 Aggiungere due gocce di colorante per alimenti all’alcool e mescolare con cura, così si potrà distinguere l’alcool dall’acqua.

 

Fase 5 Lentamente, utilizzando il contagocce, inserire l’alcool colorato all’interno della beuta, in modo che acqua ed alcool non si mescolino. L’alcool colorato deve rimanere sopra l’acqua, formando una colonna di due centimetri.

 

Fase 6 Se tutto è stato eseguito con accortezza e nel massimo igiene, a questo punto si vedranno i filamenti sottili del Dna, che si collegano e congiungendosi tra loro formano reti di Dna.
Avendo eseguito tale meravigliosa esperienza e avendo visto i filamenti del Dna, vi chiederete cosa sia accaduto. La saliva e le cellule della pelle all’interno della nostra bocca sono state rimosse con i gargarismi che abbiamo fatto. E’ stata utilizzata l’acqua salata perché è simile ai fluidi che ci sono nel nostro corpo. Le nostre cellule sono protette da ‘mura’, che sono in realtà uno strato di grasso chiamato membrana. Quando è stata inserita la goccia di detersivo, proprio quella goccia di liquido per piatti ha rotto la membrana cellulare e il Dna è stato rilasciato nell’acqua. Con l’aggiunta dell’alcool colorato, si è formata una colonna di due centimetri sopra l’acqua, i filamenti del Dna sono migrati fino a quello strato, riunendosi con altri filamenti. Dal momento in cui inizieranno ad essercene tanti, il Dna sarà ben visibile. Soffermatevi a riflettere molto e guardate con attenzione quei filamenti: lì ci sono tutte le informazioni che fanno di ognuno di noi un essere umano unico e assolutamente originale.

 

 

 

 

Si raccomanda di rimettere tutto a posto, pulendo bene i contenitori usati, gli strumenti, e il piano di appoggio sul quale è stato eseguito questo esperimento. La prima buona qualità che deve avere un ricercatore scientifico è l’amore per l’ordine e la pulizia. Non bisogna demandare ad altri tali compiti. Già nelle scuole primarie i bambini dovrebbero essere educati in tal senso, e soprattutto dovrebbero essere educati al rispetto per il lavoro utilissimo degli addetti alle pulizie. Di solito queste preziose persone, purtroppo, vengono sottovalutate, anche noi adulti dimentichiamo di frequente che in una città sporca non potremmo proprio abitare, quindi vivere, ma senza le partite di calcio potremmo anche vivere, non sono così fondamentali per la nostra esistenza come le pulizie. Una domanda sorge spontanea, perché l’addetto alle pulizie viene considerato figlio di un dio minore, mentre il calciatore è un idolo strapagato? Storture della nostra società superficiale e consumista. Scusate la digressione, ma anche chi si occupa di esperimenti scientifici deve avere una coscienza civica, che spesso manca oggigiorno.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Circa l'autore

Giorgio Triani

Sociologo, giornalista, consulente d’impresa.

Lascia un commento

DAILY NEWS

CAMPIONI D SOSTENIBILITÁ

Raccontiamo storie di imprese, servizi, prodotti, iniziative che amano l’ambiente.
Sono storie di persone che guardano avanti. Che hanno lanciato startup, realizzato imprese di successo o si stanno impegnando in progetti di nuova generazione.

Uomini e donne convinti che un buon business deve essere sostenibile. In grado di promuovere un mondo e una società migliori.

Se ti riconosci in questa comunità e vorresti raccontare la tua storia contattaci.
Saremo onorati e lieti di ascoltarla e farla conoscere.
Contatto veloce:
WhatsApp : 328 6569148

Daily News

Musica per Biorepack con Paolo Fresu

06/08/2022
Berchidda (SS), 6 agosto 2022 – Chi l’ha detto che la musica non possa essere trasformata in una potente opportunità di diffondere le buone pratiche nella raccolta delle bioplastiche insieme a rifiuti organici? Con questo spirito è stata sottoscritta la partnership tra BIOREPACK, consorzio nazionale per il riciclo organico degli imballaggi in bioplastica compostabile e Time […]

Mountain Future Festival

04/08/2022
Il Mountain Future Festival debutta sabato 6 agosto e proseguirà sino al 15-18 settemnbre con  ORME Festival dei sentieri. Il Mountain  è dedicato al futuro della montagna: un laboratorio di idee per riflettere, confrontarsi, per fermarsi un attimo e apprezzare la ricchezza e la bellezza delle alte quote. Luoghi, questi, dalla bellezza infinita, ma allo stesso tempo […]

Sanatech a Bologna Fiere

02/08/2022
Bologna, 1 agosto 2022 – Un salone professionale di filiera, un luogo di incontro e matching del business, un’occasione di aggiornamento e formazione degli operatori, una vetrina per le imprese: questo e molto altro è Sanatech, la Rassegna internazionale della filiera produttiva del biologico e del naturale che torna per la seconda edizione dall’8 all’11 settembre a BolognaFiere. […]

Siccità e sostenibilità

02/08/2022
L’agricoltura tra siccità, materie prime e sostenibilità: il 3 agosto si apre a Lignano Sabbiadoro (UD) Economia sotto l’Ombrellone Il primo incontro della rassegna sui temi di attualità promossa da EoIpso affronta i temi del settore agricolo e zootecnico nella prospettiva di un rafforzamento delle filiere. Inizio alle 18.30,partecipazione libera Potrebbe essere definita la tempesta […]

Batterie a elettroliti solidi riducono impatto climatico

19/07/2022
Roma, 19 luglio 2022 – L’impiego delle batterie allo stato solido consente di ridurre drasticamente l’impronta di carbonio (carbon footprint) degli accumuli utilizzati nei veicoli elettrici con un calo complessivo che potrebbe raggiungere il 39%. Lo rivela uno nuovo studio commissionato da Transport & Environment (T&E) a Minviro, azienda specializzata nell’analisi dei cicli di vita […]

Water Stories

Water Video Interviste

Caricamento in corso...
Choose your language »