Select Page

La Tibre è inutile. Fermarla è ancora possibile. Ambientalisti in campo

La Tibre è inutile. Fermarla è ancora possibile. Ambientalisti in campo

Tibre

 

Posted by redazione

 Legambiente, Wwf e Comitato Tutela Territorio di Trecasali hanno “marciato” , domenica 25 maggio, nella campagna della Bassa che sarà cancellata dalla TiBre. Una marcia di lotta e di protesta, ma anche di mobilitazione. Per evitare che si compia l’ennesimo saccheggio ambientale.

L’obiettivo era vedere, forse per l’ultima volta, i paesaggi condannati ad essere asfaltati dall’autostrada Tirreno-Brennero, la Parma-Verona.

Prati, seminativi, rive fluviali, boschi ripariali, siepi e filari: un mosaico di ambienti con caratteristiche di pregio, tanto da ospitare la popolazione di Falco cuculo più importante d’Italia. Nel corso dell’escursione i partecipantisarà possibile vedere questo ed altri animali e diventare testimoni di un patrimonio oggi particolarmente minacciato.

Con questa iniziativa le associazione ambientaliste hanno voluto rimarcare ancora una volta “l’inutilità di una nuova colata di cemento e asfalto che con il miraggio di collegare l’A15 AutoCisa all’A22-AutoBrennero”, affermano Wwf, Legambiente e il comitato di Trecasali. Per adesso, Autocisa ha approvato solo il primo tratto della Tibre, da Ponte Taro a Trecasali: 8,5 chilometri di nuova autostrada che attraverseranno due Siti di interesse comunitario, più di 70 ettari di suolo consumato, al costo di 513 milioni di euro, di cui 30 per nuove strade “complementari”.

I comuni interessati sono Trecasali, principalmente, e Parma, Fontevivo, Fontanellato per brevissimi tratti, ma “gratificati” con nuove strade complementari, e Sissa per la viabilità di cantiere.

“La bretella TiBre – dicono gli ambientalisti – è una minaccia concreta per il tanto decantato cuore della Food Valley, senza che nemmeno vi sia un vantaggio trasportistico. Non vi sono i finanziamenti statali per completare l’opera fino a Nogarole Rocca nel veronese e la recentissima sentenza della Corte dei Conti aggrava ulteriormente il quadro, “vietando” la defiscalizzazione del credito d’imposta per autofinanziarsi. L’unico significato a questo moncone di autostrada è dato dal ventilato collegamento con la strada Cispadana per cui sono previste ulteriori opere complementari nei comuni di Parma, Sorbolo, Mezzani, Colorno e Torrile”.

In gioco c’è il futuro del territorio parmense: dopo i proclami, giunti da tante parti, sul consumo di suolo zero è ora di passare dalle parole ai fatti, modificando la pianificazione. Non è detta l’ultima parola sulle colate di cemento, Legambiente, Wwf e Ctt faranno la loro parte.

 

About The Author

Giorgio Triani

Sociologo, giornalista, consulente d’impresa.

Leave a reply

Water Sponsor

Water Stories

Water Video

Loading...

Water Natura

UA-116066244-1