Seleziona Pagina

La Tibre è inutile. Fermarla è ancora possibile. Ambientalisti in campo

La Tibre è inutile. Fermarla è ancora possibile. Ambientalisti in campo

Tibre

 

Posted by redazione

 Legambiente, Wwf e Comitato Tutela Territorio di Trecasali hanno “marciato” , domenica 25 maggio, nella campagna della Bassa che sarà cancellata dalla TiBre. Una marcia di lotta e di protesta, ma anche di mobilitazione. Per evitare che si compia l’ennesimo saccheggio ambientale.

L’obiettivo era vedere, forse per l’ultima volta, i paesaggi condannati ad essere asfaltati dall’autostrada Tirreno-Brennero, la Parma-Verona.

Prati, seminativi, rive fluviali, boschi ripariali, siepi e filari: un mosaico di ambienti con caratteristiche di pregio, tanto da ospitare la popolazione di Falco cuculo più importante d’Italia. Nel corso dell’escursione i partecipantisarà possibile vedere questo ed altri animali e diventare testimoni di un patrimonio oggi particolarmente minacciato.

Con questa iniziativa le associazione ambientaliste hanno voluto rimarcare ancora una volta “l’inutilità di una nuova colata di cemento e asfalto che con il miraggio di collegare l’A15 AutoCisa all’A22-AutoBrennero”, affermano Wwf, Legambiente e il comitato di Trecasali. Per adesso, Autocisa ha approvato solo il primo tratto della Tibre, da Ponte Taro a Trecasali: 8,5 chilometri di nuova autostrada che attraverseranno due Siti di interesse comunitario, più di 70 ettari di suolo consumato, al costo di 513 milioni di euro, di cui 30 per nuove strade “complementari”.

I comuni interessati sono Trecasali, principalmente, e Parma, Fontevivo, Fontanellato per brevissimi tratti, ma “gratificati” con nuove strade complementari, e Sissa per la viabilità di cantiere.

“La bretella TiBre – dicono gli ambientalisti – è una minaccia concreta per il tanto decantato cuore della Food Valley, senza che nemmeno vi sia un vantaggio trasportistico. Non vi sono i finanziamenti statali per completare l’opera fino a Nogarole Rocca nel veronese e la recentissima sentenza della Corte dei Conti aggrava ulteriormente il quadro, “vietando” la defiscalizzazione del credito d’imposta per autofinanziarsi. L’unico significato a questo moncone di autostrada è dato dal ventilato collegamento con la strada Cispadana per cui sono previste ulteriori opere complementari nei comuni di Parma, Sorbolo, Mezzani, Colorno e Torrile”.

In gioco c’è il futuro del territorio parmense: dopo i proclami, giunti da tante parti, sul consumo di suolo zero è ora di passare dalle parole ai fatti, modificando la pianificazione. Non è detta l’ultima parola sulle colate di cemento, Legambiente, Wwf e Ctt faranno la loro parte.

 

Circa l'autore

Giorgio Triani

Sociologo, giornalista, consulente d’impresa.

Lascia un commento

DAILY NEWS

Agenda

EMERSIONI: la presentazione a “Non Rassegnamoci”

21/11/2022
Martedì 22 novembre alle 18.30, alla Chiesetta del Parco Trotter (Via mosso 7), ci sarà il terzo appuntamento di Storie, la rassegna letteraria di Municipio 2 curata da Potlatch all’interno della rassegna “Non Rassegnamoci”. Durante l’evento verrà presentata la rivista Emersioni. Emersioni è una rivista digitale e gratuita per parlare di cose difficili dando voce […]

Unapol a Gustus 22 Expo Sapori Mediterranei 

19/11/2022
Unapol – Unione Nazionale Associazioni Produttori Olivicoli sarà presente a Napoli nei giorni 20, 21 e 22 Novembre presso i padiglioni di Gustus 2022, il Salone Professionale dell’Agroalimentare, Enogastronomia e Tecnica che quest’anno giunge alla sua VIII Edizione.   “Gustus rappresenta un evento di rilevanza strategica per il settore agroalimentare e dell’enogastronomia – commenta Tommaso Loiodice, Presidente Unapol – non solo del Sud Italia, ma può e […]

Po fiume d’Europa, Parma capitale italiana delle acque. Mito, Identità, Futuro

16/11/2022
Nell’ambito della ricerca interdisciplinare Po fiume d’Europa, Parma capitale italiana delle acque. Mito | Identità | Futuro, promossa nel 2019 dall’Università di Parma insieme ai quattro Enti di governo del fiume Po e del suo bacino idrografico che hanno sede a Parma –l’Agenzia interregionale per il fiume Po (AIPo), l’Autorità di Bacino distrettuale del fiume Po […]

CAMPIONI D SOSTENIBILITÁ

Raccontiamo storie di imprese, servizi, prodotti, iniziative che amano l’ambiente.
Sono storie di persone che guardano avanti. Che hanno lanciato startup, realizzato imprese di successo o si stanno impegnando in progetti di nuova generazione.

Uomini e donne convinti che un buon business deve essere sostenibile. In grado di promuovere un mondo e una società migliori.

Se ti riconosci in questa comunità e vorresti raccontare la tua storia contattaci.
Saremo onorati e lieti di ascoltarla e farla conoscere.
Contatto veloce:
WhatsApp : 328 6569148

Water Video Interviste

Caricamento in corso...
Choose your language »