Seleziona Pagina

Il giardino magico di Paola, a Salso Minore

Il giardino magico di Paola, a Salso Minore

Casa Malù

di Malù Pagani

Bisogna vederlo ai primi di giugno,quando questa poderosa massa d’infiorescenze bianche piatte e foglie di un verde lucente avvolge l’annosa casa e la ricopre, fitta fitta,per tre lati. Quasi a proteggerla. Solo il riquadro delle finestrelle ne è libero e logicamente gli accessi. Va su fino alle gronde senza paura alcuna. Rimani lì, incantato, non ci puoi credere, la guardi, la fotografi nei particolari per averla poi sempre negli occhi e per far partecipi gli amici di tale bellezza. E’ l’ortensia rampicante (idrangea petiolaris).Questo è il fulcro del giardino. Si,devi entrare dal monumentale porticato: otto colonne sorreggono la capriata in legno,perfetta. Faceva parte della rimessa del sale delle antiche saline gestite dai Farnese . Qui, a Salso Minore. Unica. Ma la petiolaris è opera esclusivamente della padrona e giardiniera del luogo,quindi lode al merito.

E’ una lunga storia che risale a quaranta anni fa. La casa rustica, diroccata e fatiscente, fu acquistata da Paola così come il terreno circostante. Paola ed il marito si rimboccarono le maniche e cominciarono a cambiar faccia alla casa . Essa in breve fu trasformata sapientemente in una piccola residenza di ottimo gusto . E la famiglia cominciò a viverla. Ma la grande spina era il terreno circostante. Un deserto, la grande salinità del terreno non permetteva ad alcuna essenza di vivere. Si fecero sondaggi e vari tentativi poi infine con drenaggi speciali si riuscì a liberare dal sale la parte superficiale del terreno. E così si cominciò a piantare la zona sempre però facendo grosse buche con terriccio ricco di humus per ammendare il terreno.

Si entra e ci si emoziona subito,il fascino delle antiche colonne ti prende e ti coinvolge in questo mondo magico. A destra quadrati di iperico calicinum e stachys lanata,quindi lastroni di pietra antica ti accompagnano alla casa, rose e bulbi vari e poi un semicerchio di noccioli che danno ombra al soggiorno esterno (divani e poltrone in ferro con accoglienti cuscini e due tavoli in pietra). Praticamente il giardino è diviso in due dalla costruzione. A nord un largo prato con frutti antichi, a lato lungo i sentieri che si dipartono da esso tappezzanti a non finire, tra essi spicca per la sua generosità la phlomis a foglia larga, poi un piccolo roseto delizioso. Al limitare del confine i servizi (ricovero attrezzi,concimi vari) e le talee così preziose. Una enorme buca raccoglie foglie, erba e rami a macerare.

Al lato sud della casa un bel pergolato di glicine protegge un lungo tavolo di pietra grigia pronto per le belle merende. Da qui si accede al prato. Esso è contornato da una linea di cespugli vari e sempre bulbi e tappezzanti, il lamium impera e alberi di media altezza, ne viene così circoscritto e adornato. Statue e vasi e sedili in cemento ormai intriso di antico muschio ti ricordano il giardino della tua infanzia.  Negli occhi e nel cuore ti rimarrà indelebile la visione della idrangea petiolaris.

Circa l'autore

Giorgio Triani

Sociologo, giornalista, consulente d’impresa.

Lascia un commento

Water Sponsor

Water Stories

Water Video

Caricamento in corso...

Water Natura

Membro della Internet Defense League

UA-116066244-1