Seleziona Pagina

Greenpeace: la Russia vuole il diritto marittimo su misura

Greenpeace: la Russia vuole il diritto marittimo su misura

Artic sunrise

Il ministero degli Esteri russo ha annunciato oggi che non accetterà il procedimento di arbitrato internazionale avviato dall’Olanda presso il tribunale internazionale per il diritto marittimo per il dissequestro della Arctic Sunrise (nave battente bandiera olandese) e del suo equipaggio. Ha affermato anche che non parteciperà all’udienza prevista in questo tribunale, organo indipendente delle Nazioni Unite con sede ad Amburgo. Il ministero degli Esteri afferma che “la Russia resta tuttavia disponibile a risolvere la situazione”.

“L’apertura della Russia è positiva. Detto questo, la Russia non può scegliere quale parte della Convenzione dell’Onu sul diritto marittimo applicare. Quando la Federazione Russa l’ha ratificata, aveva la possibilità di escludere alcuni tipi di dispute da eventuali giudizi nei tribunali internazionali. Si è avvalsa di questa possibilità ampiamente, ma non nel caso di cui trattiamo in questa circostanza. Sembra che le autorità russe non accettino che un tribunale indipendente valuti l’illegittimità delle misure prese” afferma Daniel Simons, consulente legale di Greenpeace International. “Se la Federazione Russa crede che il tribunale marittimo internazionale non abbia giurisdizione in merito, sarebbe appropriato che sollevasse la questione nel corso dell’udienza”.

La Federazione Russa ha ratificato la Convenzione dell’Onu sul diritto marittimo il 12 marzo 1997. L’articolo 298 prevede che alcuni tipi di controversie possano essere escluse dalla definizione obbligatoria. L’articolo 297, paragrafi 2 e 3, prevede un sistema di esclusione esclusivamente per quanto riguarda attività legate alla pesca e alla ricerca scientifica in mare.
La Russia ha allargato questo sistema di esclusioni in maniera intollerabile escludendo tutte le dispute legate all’applicazione della legge, ma questo non può avere efficacia.

Le autorità olandesi hanno avviato la richiesta di arbitrato contro la Russia il 4 ottobre e il 21 ottobre hanno chiesto l’applicazione di “misure provvisorie” in attesa dell’esito dell’arbitrato.
Se il tribunale darà ragione all’Olanda, i 28 attivisti di Greenpeace e i 2 giornalisti free lance verranno scarcerati in attesa di avere conferma della data dell’udienza presso un tribunale russo.

Comunicato stampa di Greenpeace del 23/10/2013

Circa l'autore

Giorgio Triani

Sociologo, giornalista, consulente d’impresa.

Lascia un commento

DAILY NEWS

Agenda

EMERSIONI: la presentazione a “Non Rassegnamoci”

21/11/2022
Martedì 22 novembre alle 18.30, alla Chiesetta del Parco Trotter (Via mosso 7), ci sarà il terzo appuntamento di Storie, la rassegna letteraria di Municipio 2 curata da Potlatch all’interno della rassegna “Non Rassegnamoci”. Durante l’evento verrà presentata la rivista Emersioni. Emersioni è una rivista digitale e gratuita per parlare di cose difficili dando voce […]

Unapol a Gustus 22 Expo Sapori Mediterranei 

19/11/2022
Unapol – Unione Nazionale Associazioni Produttori Olivicoli sarà presente a Napoli nei giorni 20, 21 e 22 Novembre presso i padiglioni di Gustus 2022, il Salone Professionale dell’Agroalimentare, Enogastronomia e Tecnica che quest’anno giunge alla sua VIII Edizione.   “Gustus rappresenta un evento di rilevanza strategica per il settore agroalimentare e dell’enogastronomia – commenta Tommaso Loiodice, Presidente Unapol – non solo del Sud Italia, ma può e […]

Po fiume d’Europa, Parma capitale italiana delle acque. Mito, Identità, Futuro

16/11/2022
Nell’ambito della ricerca interdisciplinare Po fiume d’Europa, Parma capitale italiana delle acque. Mito | Identità | Futuro, promossa nel 2019 dall’Università di Parma insieme ai quattro Enti di governo del fiume Po e del suo bacino idrografico che hanno sede a Parma –l’Agenzia interregionale per il fiume Po (AIPo), l’Autorità di Bacino distrettuale del fiume Po […]

CAMPIONI D SOSTENIBILITÁ

Raccontiamo storie di imprese, servizi, prodotti, iniziative che amano l’ambiente.
Sono storie di persone che guardano avanti. Che hanno lanciato startup, realizzato imprese di successo o si stanno impegnando in progetti di nuova generazione.

Uomini e donne convinti che un buon business deve essere sostenibile. In grado di promuovere un mondo e una società migliori.

Se ti riconosci in questa comunità e vorresti raccontare la tua storia contattaci.
Saremo onorati e lieti di ascoltarla e farla conoscere.
Contatto veloce:
WhatsApp : 328 6569148

Water Video Interviste

Caricamento in corso...
Choose your language »