Seleziona Pagina

Cominciano i narcisi e finiscono i carciofi

Cominciano i narcisi e finiscono i carciofi

 narcisi

 

 

di  Malù Pagani

 

I narcisi, tutti, possono dare una gioia stupenda per gli occhi e per lo spirito ma….devono essere messi giù bene! Dobbiamo imparare dalla natura, perciò in primavera girando per boschi e piane dobbiamo fotografare e cercare di memorizzare e prender appunti e poi mettere in pratica ciò che ci viene insegnato. Tra ottobre e dicembre facciamo incetta di bulbi di narcisi, di ogni tipo: alti e nani, bianchi e gialli, ad infiorescenza, precoci e tardivi, profumati e non. Scegliamoli grossi e possibilmente con una fenditura che  indicherà dove dividerli. In questo modo potremo ricavarne il doppio senza timore di rovinarli . Poi col nostro cesto al braccio e la palettina andiamo in giro per il nostro spazio verde. Al piede di una latifoglia, dentro una vecchia radice dimenticata nel terreno, a lato di un ponticello, di fianco ad una panchina, in mezzo ai tappezzanti, siano essi lamium, edera, pervinca o petasite fragrans o altro .

Sempre a gruppetti di tre o cinque bulbi. Sempre in pieno sole e dove non ci sia ristagno d’acqua. Devono essere “botanici”ossia adatti a rimanere nel terreno per sempre! Un piccolo buco,il bulbo e il terriccio per ricoprirlo, ecco fatto . A primavera saranno tutti fioriti e la gioia, vi assicuro, sarà immensa. Si propagheranno soli, l’anno seguente saranno raddoppiati e li troverete qua e là, saranno emigrati spontaneamente . Un avvertimento:dopo la fioritura lasciateli seccare a dimora, le foglie le strapperete solo quando toccandole si staccheranno con estrema facilità. I fiori invece vanno tagliati appena sfioriti . Il pericolo è che si sforzino a produrre i semi, semi che a noi non interessano perché la germinazione di essi sarebbe troppo lunga. Non sottovalutateli mai, sarete sempre ricompensati .

Ottimi risultati li ho avuti nel mio spazio verde, ma sono stata avvantaggiata da due fattori primo: ”il mio fuori prima dei campi “, come lo chiamo io, è un giardino naturale, quindi in massima parte spontaneo, secondo quando arrivai qui tanti e tanti anni fà…già c’era un piccolo gruppo di pallide giunchiglie abbandonate sulle sponde di un canale nei pressi e così presi spunto da tale esempio. Se dopo qualche anno avranno difficoltà a fiorire, divideteli e concimateli in primavera con fosforo e potassio.

 

Carciofi fritti alla toscana

 

Meglio i carciofi liguri o sardi con le spine,sono più teneri . Togliete le prime foglie e tagliateli in punta,poi a spicchi,otto per ogni carciofo medio . Con le forbici tagliate accuratamente le spine interne .In acqua e limone per mezz’ora . Scolati e ben asciugati, infarinateli poi passateli nell’uovo sbattuto con pepe e sale . Li friggerete in olio di semi, spicchio per spicchio raccogliendoli con la forchetta .Un accorgimento importante, potete friggerli prima e poi scaldarli in forno al momento di servire . Ricordatevi la carta assorbente . Ottimi come aperitivo.

Circa l'autore

Giorgio Triani

Sociologo, giornalista, consulente d’impresa.

Lascia un commento

Water Sponsor

Water Stories

Water Video

Caricamento in corso...

Water Natura

Membro della Internet Defense League

UA-116066244-1