Select Page

Spirulina, il cibo del futuro si coltiva a Bari

Articolo tratto da: LifeGate

http://www.lifegate.it/persone/stile-di-vita/spirulina-il-cibo-del-futuro-si-coltiva-bari

 

spirulina

La spirulina è un’alga azzurro-verde che vive nei laghi salati con acque alcaline e calde. Fin dall’antichità è stata apprezzata per la ricchezza di principi nutritivi e recentemente la Fao l’ha definita “cibo del futuro” proprio per l’abbondanza e la qualità delle sue proprietà benefiche.

E’ un alimento completo, dotato di un buon tenore proteico, con tutti gli aminoacidi essenziali, e contiene potassio, calcio, magnesio, ferro, manganese, fosforo, selenio, sodio e zinco, nonché vitamine del gruppo B, vitamina A, C, D e vitamina E. La microalga è fornita anche di molti pigmenti benefici per l’organismo, tra cui betacarotene e zeaxantina, clorofilla, xantofilla e molti altri.

Raffaele Settanni, tecnico di laboratorio chimico e biologico, la progettista Danila Chiapperini, le biologhe Flavia Milone e Simona Intini hanno realizzato a Valenzano, in provincia di Bari il quarto allevamento in Italia di alga spirulina. I quattro giovani, membri dell’associazione Apulia Kundi, nata grazie al bando ‘Principi Attivi’ con cui la Regione Puglia finanzia le migliori idee innovative del territorio, si sono “innamorati” delle potenzialità dell’alga dopo un viaggio in Africa, dove la spirulina viene impiegata per combattere la malnutrizione.

“Abbiamo imparato in Malawi, il cuore caldo dell’Africa, che esiste un’alga del futuro: la spirulina, dal nome curioso ma dalle proprietà straordinarie; una conoscenza tanto antica quanto innovativa per il nostro Paese. È dimostrato che nessun alimento di origine vegetale ha una così alta concentrazione di principi nutritivi: la spirulina è l’alimento naturale con il più alto contenuto di proteine. Sovvertendo le logiche classiche di esportazione del modello culturale occidentale e coniugando un sapere antico ad esigenze attuali attraverso Apulia Kundi intendiamo oggi promuovere la comunicazione e la sensibilizzazione culturale e ambientale alla formazione di consumatori consapevoli nella scelta di una sana alimentazione e della propria impronta ecologica. Nel nostro caso l’innovazione consiste nel valorizzare gli antichi saperi”, ha spiegato a Bari Today Danila Chiapperini.

 

Intento del progetto è anche superare i meriti nutraceutici della spirulina, poiché l’alga si presta a moltissimi usi diversi da quello alimentare, che vanno dalla cosmesi alla produzione di energie da biomasse, fino alla composizione di bioplastiche e biodiesel.

 

Il prodotto sarà biologico e in forma grezza e, fa sapere il gruppo di lavoro, “non sarà venduto in compresse, con procedimenti che richiedono l’uso di addensanti chimici, ma il più puro possibile: faremo essiccare l’alga e la venderemo”, ha precisato Settanni.

About The Author

Leave a reply

Water Sponsor

Water Stories

Water Video

Loading...

Water Natura

UA-116066244-1