Seleziona Pagina

Biostone: come dall’urina e dai batteri si possono ottenere dei mattoni

Articolo tratto da: Tutto Green

Biostone: come dall’urina e dai batteri si possono ottenere dei mattoni

 

microbial-manufacture

 

Da anni si discute della possibilità di una drastica diminuizione dei materiali da costruzione e dell’energia necessaria per assemblarli e comunque sia, il cemento che ha regnato sovrano per gli ultimi cento anni sta diventando sempre meno appetibile, per evidenti limiti legati alla salute umana e dell’ambiente.

Il designer Peter Trimble ha così deciso di sviluppare un macchinario rivoluzionario che grazie alla sabbia, all’urina e ai batteri crea un materiale chiamato biostone, “pietra biologica” in inglese.

Il progetto nasce all’Accademia d’arte di Edimburgo e per ora ha prodotto uno sgabello ma i limiti di applicazione sono infiniti. Trimble è partito dall’analisi dell’insostenibilità dell’attuale sistema edilizio, basato su uno spreco del quasi il 96% dell’intera filiera che va dall’estrazione alla produzione di materiale passando per il riscaldamento e altri processi chimici.

Tutto questo non è più necessario perché Trimble ha scoperto che la sabbia e il clorato di calcio se vengono mescolati assieme, formano un vero e proprio cemento grazie all’azione di particolari batteri. Si tratta di un processo a temperature ambientali, che non sviluppa CO2, al contrario dell’industria edilizia moderna che è responsabile del 5% delle emissioni mondiali di anidride carbonica, e che è possibile da sviluppare ovunque ci sia della sabbia e dell’urina.

 Questa invenzione si ricollega ad un tendenza della scienza che strizza l’occhio alla Natura e si basa sull’idea che imitando quello che esiste già, magari correggendolo o migliorandolo, potremmo avere vestiti, energia e plastiche senza inquinare o distruggere e solo utilizzando l’immensa capacità generativa di batteri o piante che è ogni giorno sotto l’occhio di tutti. I presupposti sono buoni, ora serve studiare ulteriormente gli aspetti applicativi di questa possibilità e fare sì che presto diventi appetibile per le industrie.

Circa l'autore

Lascia un commento

Daily News

CAMPIONI D SOSTENIBILITÁ

Raccontiamo storie di imprese, servizi, prodotti, iniziative che amano l’ambiente.
Sono storie di persone che guardano avanti. Che hanno lanciato startup, realizzato imprese di successo o si stanno impegnando in progetti di nuova generazione.

Uomini e donne convinti che un buon business deve essere sostenibile. In grado di promuovere un mondo e una società migliori.

Se ti riconosci in questa comunità e vorresti raccontare la tua storia contattaci.
Saremo onorati e lieti di ascoltarla e farla conoscere.
Contatto veloce:
WhatsApp : 328 6569148

Agenda

Musica per Biorepack con Paolo Fresu

06/08/2022
Berchidda (SS), 6 agosto 2022 – Chi l’ha detto che la musica non possa essere trasformata in una potente opportunità di diffondere le buone pratiche nella raccolta delle bioplastiche insieme a rifiuti organici? Con questo spirito è stata sottoscritta la partnership tra BIOREPACK, consorzio nazionale per il riciclo organico degli imballaggi in bioplastica compostabile e Time […]

Mountain Future Festival

04/08/2022
Il Mountain Future Festival debutta sabato 6 agosto e proseguirà sino al 15-18 settemnbre con  ORME Festival dei sentieri. Il Mountain  è dedicato al futuro della montagna: un laboratorio di idee per riflettere, confrontarsi, per fermarsi un attimo e apprezzare la ricchezza e la bellezza delle alte quote. Luoghi, questi, dalla bellezza infinita, ma allo stesso tempo […]

Sanatech a Bologna Fiere

02/08/2022
Bologna, 1 agosto 2022 – Un salone professionale di filiera, un luogo di incontro e matching del business, un’occasione di aggiornamento e formazione degli operatori, una vetrina per le imprese: questo e molto altro è Sanatech, la Rassegna internazionale della filiera produttiva del biologico e del naturale che torna per la seconda edizione dall’8 all’11 settembre a BolognaFiere. […]

Water Stories

Water Video Interviste

Caricamento in corso...
Choose your language »