Seleziona Pagina

La Lego non sarà più partner di Shell

lego ha chiuso con Shell
  L’altro giorno la LEGO ha pubblicato sul proprio sito una dichiarazione con la quale si impegna a “non rinnovare il contratto di co-promozione con Shell” [1]. Questa decisione arriva in seguito alla campagna di mobilitazione condotta da Greenpeace, attraverso la quale più di un milione di persone hanno chiesto a LEGO di non promuovere più il marchio Shell sui propri prodotti, a causa dei suoi propositi di trivellare l’immacolato territorio Artico alla ricerca del petrolio.
A differenza di quella di Shell, la politica aziendale LEGO prevede l’impegno a produrre più energia rinnovabile di quella necessaria, l’impegno a eliminare gradualmente il petrolio dai propri prodotti e – in collaborazione con i propri partner – a lasciare un mondo migliore alle generazioni future.
Nella sua nota, LEGO ha dichiarato che la disputa è sempre stata tra Greenpeace e Shell. Tuttavia, nonostante LEGO stia facendo la cosa giusta spinta dalla pressione dell’opinione pubblica, secondo Greenpeace dovrebbe scegliere i propri partner con più attenzione quando si tratta delle minacce dei cambiamenti climatici che incombono sui nostri figli. A causa di obblighi contrattuali, la promozione in corso con la Shell verrà comunque onorata.
“Questo è un brutto colpo per Shell, che ha bisogno di partner come LEGO per ottenere rispettabilità e riparare ai danni che ha subito il marchio dopo le ultime disavventure artiche. La fine della collaborazione con LEGO dopo cinquant’anni dimostra chiaramente che questa strategia non può funzionare”, commenta Ian Duff, responsabile della campagna Artico per Greenpeace. “Il vento sta cambiando per i colossi delle fonti fossili, per i quali l’Artico è un territorio perfetto da sfruttare invece che da proteggere. Il messaggio dovrebbe essere chiaro: i vostri comportamenti distruttivi per il clima non sono più socialmente accettabili, e dovete lasciare in pace l’Artico altrimenti rischiate di essere ostracizzati dalla società”.
Il disastro della Kulluk, che nel dicembre 2012 ha fatto naufragio sulle coste di un’area protetta in Alaska, ha dimostrato la leggerezza e l’incapacità operativa di Shell nelle condizioni estreme dell’Artico. Iceberg giganti e mari in tempesta rendono la navigazione e le trivellazioni petrolifere a queste latitudini estremamente rischiose. Numerosi rapporti ufficiali confermano che una perdita di petrolio nell’Artico sarebbe impossibile da ripulire, conseguenze devastanti per un ecosistema fragile che ospita migliaia di specie uniche.
Nonostante ciò, il 28 agosto 2014 Shell ha presentato all’amministrazione americana nuovi piani per esplorazioni petrolifere al largo dell’Alaska, a dimostrazione che l’azienda è pronta a portare avanti i propri piani di trivellazione già nell’estate 2015.
Note:
Contatti:
Ufficio Stampa Greenpeace: 06.68136061 int. 203

Circa l'autore

Giorgio Triani

Sociologo, giornalista, consulente d’impresa.

Lascia un commento

DAILY NEWS

Agenda

‘BUSINESS PLANet’: a Cersaie il futuro delle città

22/09/2022
Le città occupano solo il 3% del territorio mondiale, ma riescono a consumare oltre il 60% dell’energia, producendo il 70% delle emissioni di gas serra e il 70% dei rifiuti globali, con una popolazione destinata a raddoppiare entro il 2050. Poco basta per individuare le città come banco di prova del prossimo futuro a livello ambientale, energetico, urbanistico, architettonico, sociale ed […]

EUCYS 2022: il talento italiano si fa strada in Europa

05/09/2022
Dal 13 al 18 settembre si terrà a Leiden, in Olanda, la 33° edizione di EUCYS – European Union Contest for Young Scientists. Il concorso è un’iniziativa della Commissione europea nell’ambito del programma Scienza e Società. È stato istituito per promuovere gli ideali di cooperazione e scambio di informazioni tra giovani scienziati (di età compresa tra i 14 e i […]

Ecomuseo e contratto di lago (d’Orta)

03/09/2022
Ecolago: un anno di progetti di tutela ambientale per il “Contratto di lago del Cusio”   Ecolago è il progetto di punta del Contratto di lago del Cusio (accordo per l’attuazione  di  politiche territoriali orientate alla tutela, alla valorizzazione e alla promozione  di  buone pratiche e usi sostenibili  del  territorio interessato dal bacino  del Lago  d’Orta), promosso […]

CAMPIONI D SOSTENIBILITÁ

Raccontiamo storie di imprese, servizi, prodotti, iniziative che amano l’ambiente.
Sono storie di persone che guardano avanti. Che hanno lanciato startup, realizzato imprese di successo o si stanno impegnando in progetti di nuova generazione.

Uomini e donne convinti che un buon business deve essere sostenibile. In grado di promuovere un mondo e una società migliori.

Se ti riconosci in questa comunità e vorresti raccontare la tua storia contattaci.
Saremo onorati e lieti di ascoltarla e farla conoscere.
Contatto veloce:
WhatsApp : 328 6569148

Water Video Interviste

Caricamento in corso...
Choose your language »