Seleziona Pagina

Snowfoot, ci muoveremo sulla neve come sherpa?

Snowfoot, ci muoveremo sulla neve come sherpa?
 articolo di   , 2 dicembre 2014

Credits: Snowfoot
Credits: Snowfoot
Credits: Snowfoot
Credits: Snowfoot
Credits: Snowfoot
Credits: Snowfoot
Credits: Snowfoot

Snowfoot è un progetto made in Italy molto interessante, che vedremo presto sulle pareti: si tratta di una ‘scarpa totale’ per muoversi sulla neve, che vuole cambiare il paradigma nell’approccio alla montagna.

Per farla facile, immaginate una suola tipo waffle con un sistema per appoggiarci sopra il vostro scarpone e camminare sulle vette innevate in modo agile e sicuro. L’aspetto è simile a quello di una ciaspola, ma il concetto va oltre: il design della base, a celle tridimensionali, è pensato per affrontare i problemi del galleggiamento sulla neve soffice, aumentando del 50% la densità di aderenza sul manto nevoso a parità di superficie e rendendo minimo il grado di sprofondamento verticale. La neve sotto lo Snowfoot viene compressa in modo controllato e quella in eccesso scivola via, migliorando l’efficienza del passo.

Leggero (1 kg la coppia di racchette), di dimensioni ridotte e facilmente riponibile in uno zaino, Snowfoot vuole rivoluzionare la mobilità sulla neve sia per gli alpinisti professionisti sia per i principianti e gli amanti delle passeggiate con le ciaspole. Nato da un gruppo di freerider (con base a Alagna, Valsesia) per salire sulle pareti verticali, la racchetta da neve è fatta per dare una trazione totale anche in discesa e in traverso.

Ora il progetto è in dirittura d’arrivo e si trova anche su Indiegogo con una campagna di crowdfunding per finanziare l’ultima fase di produzione della prima serie e raccogliere i pre-ordini. Insomma, una storia interessante, che abbiamo approfondito con Marco Locatelli, uno dei fondatori di Snowfoot.

Come è nato il progetto? Da quale esigenza?
Il primo prototipo di Snowfoot, costruito con mezzi artigianali, aveva l’unico scopo di aiutare noi sciatori freerider nelle arrampicate su ripidi pendii in neve fresca. Prendendo spunto da questa necessità, abbiamo allargato la prospettiva per rispondere a una domanda più ambiziosa: è possibile realizzare un attrezzo che consente di soddisfare le esigenze di progressione su ogni tipologia di terreno invernale, in ogni condizione, per un uso multifunzionale adatto a un pubblico più vasto?

Come si è svolto lo sviluppo del progetto? Su e giù per le montagne?
Sì, per tre stagioni invernali (2011-2013) abbiamo testato il nostro prototipo in tutte le possibili condizioni che il Monte Rosa, nostro campo di gioco e di lavoro, ci poteva offrire, migliorandone progressivamente le prestazioni e il design. Con il tempo lo Snowfoot è diventato uno attrezzo indispensabile nel nostro kit da freeride e backcountry.

E come si è diffuso?
L’interesse per questa novità ha iniziato a crescere al di fuori della nostra stretta cerchia di amici; è stato all’inizio di quest’anno che abbiamo deciso di elevare Snowfoot a un livello industriale, mettendo insieme un team di competenze e costituendo una startup attorno allo sviluppo del prodotto.

Come si colloca Snowfoot fra le attrezzature da montagna?
Come una soluzione che raccoglie in un unico tool i benefit chiave di tutte le attrezzature di progressione sulla neve (ciaspole, pelli, ramponi, ecc.). Con l’aggiunta di una tecnologia proprietaria di galleggiamento efficiente in neve soffice che consente di minimizzare peso e ingombro.

Dopo la campagna di crowfunding a che prezzo venderete le ciaspole?
Ora sono a prezzi promozionali su Indiegogo, con sconti fino al 50% per chi le preordina. Dal 21 dicembre il modello base Explorer costerà 249 euro.

Circa l'autore

Giorgio Triani

Sociologo, giornalista, consulente d’impresa.

Lascia un commento

DAILY NEWS

CAMPIONI D SOSTENIBILITÁ

Raccontiamo storie di imprese, servizi, prodotti, iniziative che amano l’ambiente.
Sono storie di persone che guardano avanti. Che hanno lanciato startup, realizzato imprese di successo o si stanno impegnando in progetti di nuova generazione.

Uomini e donne convinti che un buon business deve essere sostenibile. In grado di promuovere un mondo e una società migliori.

Se ti riconosci in questa comunità e vorresti raccontare la tua storia contattaci.
Saremo onorati e lieti di ascoltarla e farla conoscere.
Contatto veloce:
WhatsApp : 328 6569148

Daily News

Musica per Biorepack con Paolo Fresu

06/08/2022
Berchidda (SS), 6 agosto 2022 – Chi l’ha detto che la musica non possa essere trasformata in una potente opportunità di diffondere le buone pratiche nella raccolta delle bioplastiche insieme a rifiuti organici? Con questo spirito è stata sottoscritta la partnership tra BIOREPACK, consorzio nazionale per il riciclo organico degli imballaggi in bioplastica compostabile e Time […]

Mountain Future Festival

04/08/2022
Il Mountain Future Festival debutta sabato 6 agosto e proseguirà sino al 15-18 settemnbre con  ORME Festival dei sentieri. Il Mountain  è dedicato al futuro della montagna: un laboratorio di idee per riflettere, confrontarsi, per fermarsi un attimo e apprezzare la ricchezza e la bellezza delle alte quote. Luoghi, questi, dalla bellezza infinita, ma allo stesso tempo […]

Sanatech a Bologna Fiere

02/08/2022
Bologna, 1 agosto 2022 – Un salone professionale di filiera, un luogo di incontro e matching del business, un’occasione di aggiornamento e formazione degli operatori, una vetrina per le imprese: questo e molto altro è Sanatech, la Rassegna internazionale della filiera produttiva del biologico e del naturale che torna per la seconda edizione dall’8 all’11 settembre a BolognaFiere. […]

Siccità e sostenibilità

02/08/2022
L’agricoltura tra siccità, materie prime e sostenibilità: il 3 agosto si apre a Lignano Sabbiadoro (UD) Economia sotto l’Ombrellone Il primo incontro della rassegna sui temi di attualità promossa da EoIpso affronta i temi del settore agricolo e zootecnico nella prospettiva di un rafforzamento delle filiere. Inizio alle 18.30,partecipazione libera Potrebbe essere definita la tempesta […]

Batterie a elettroliti solidi riducono impatto climatico

19/07/2022
Roma, 19 luglio 2022 – L’impiego delle batterie allo stato solido consente di ridurre drasticamente l’impronta di carbonio (carbon footprint) degli accumuli utilizzati nei veicoli elettrici con un calo complessivo che potrebbe raggiungere il 39%. Lo rivela uno nuovo studio commissionato da Transport & Environment (T&E) a Minviro, azienda specializzata nell’analisi dei cicli di vita […]

Water Stories

Water Video Interviste

Caricamento in corso...
Choose your language »