Seleziona Pagina

Verso il recupero dell l’archeologia industriale nel piacentino

Verso il recupero dell l’archeologia industriale nel piacentino

di Fabio Bianchi

Uno dei tanti temi che ha preso – meglio sta prendendo – piede a Piacenza negli ultimi mesi è il recupero in generale delle testimonianze architettoniche del ‘900. Si è infatti costituito nei giorni scorsi – ai primi di giugno 2015, in via informale ma con grandi ambizioni – il “Laboratorio del ‘900“. Dovrebbe iniziare a riflettere su architettura, ambiente e paesaggio piacentino appunto del ‘900 anzi dei primi decenni del XX secolo. Ne fanno parte studiosi di varia provenienza, soprattutto architetti ma anche ingegneri, sociologi e artisti ma non mancano letterati e filosofi. Da quanto visto nei primi incontri gli sforzi sono indirizzati a recuperare – dal momento che a Piacenza non è mai stato fatto niente di sistematico in tal senso – l’archeologia industriale. Si potrebbe innescare un cortocircuito assai interessante perché coinvolgerebbe vari attori sociali con significative ricadute sociali. I privati e i proprietari disponibili a collaborare e/o riqualificare i propri complessi potrebbero ottenere significati vantaggi in termini economici ma anche morali. Verrebbero pure interessati istituti scolastici, di secondo grado (liceo artistico “Cassinari” o istituto per geometri “Tramello”) per effettuare rilievi e indagini preliminari storiche e cartografiche. Soprattutto dovrebbe esercitare un ruolo di guida il polo piacentino del Politecnico ai cui studenti verrebbero affidati progetti di recupero e di riutilizzazione di quei complessi.

A Piacenza nell’immediata periferia, nel circondario locale (15-20 chilometri di un ipotetico raggio) e poi proseguendo verso le prime propaggini appenniniche si stagliano ancora molti complessi a mezzo fra architettura rurale e archeologia industriale. La storia è spesso crudele, il progresso irrazionale e questi complessi – un tempo macelli, tabacchifici, genericamente opifici paleo-industriali, industrie conserviere, fornaci per laterizi …. – si stagliano imponenti, quasi fantasmi, quasi relitti in mezzo alla campagna. Oggi variamente utilizzati o come ricoveri o come fattorie recitano appieno il ruolo degli edifici dismessi e abbandonati pur avendo alcune caratterizzazioni tipologiche e volumetriche di assoluto rilievo e quindi potenzialmente potrebbe avere ben altra destinazione. Queste scatole, talora enormi nel loro rigore stereometrico, diventano fulcro e silenzioso magnete per la più o meno vicina città. Si potrebbero qui insediare laboratori artigianali, studi professionali, attività commerciali legate alla ristorazione, palestre per fitness e altro ancora cioè attività che non implicano stravolgimenti. Ritorna qui il fascino del progetto, eclettico, trasversale ed innovatore, sempre comunque in grado di arricchire e rivitalizzare un contesto in senso soprattutto ambientale per la possibilità di inserirvi molte forme di verde. Attraverso l’architettura si può decifrare, comprendere, forse odiare l’architettura stessa che obbliga a cambiamenti, adattamenti e trasformazioni sempre però rispettando il nucleo iniziale. Perché, come recita un adagio, il pensare divide, il sentire e il condividere uniscono sempre. Anche qui potrei fornire statistiche e dati ma avrebbero un valore per ora, ritengo, limitato: infatti il gruppo di studio ha isolato 50 complessi che nell’immediato futuro potrebbero essere agevolmente recuperati.

Circa l'autore

Lascia un commento

Water Sponsor

Water Stories

Water Video

Caricamento in corso...

Water Natura

Membro della Internet Defense League

UA-116066244-1