Seleziona Pagina

A scuola si beve sempre più spesso l’acqua del rubinetto

A scuola si beve sempre più spesso l’acqua del rubinetto

 

Dagli asili nido alle scuole medie, l’acqua servita in mensa è quella del rubinetto. Una scelta sicura e amica dell’ambiente che garantisce un notevole risparmio economico.

Conclusa la pausa estiva è ora giunto il momento per gli studenti italiani di tornare sui banchi di scuola. Da questa settimana riaprono gli istituti di tutto lo stivale e sono sempre di più quelli che, per le mense, decidono di abolire l’acqua in bottiglia e proporre quella a km zero.

Scuola

Questa scelta, sottolinea AQUA ITALIA, garantisce un notevole risparmio economico – costa dalle 300 alle 1000 volte meno della cugina in bottiglia -, evita gli sprechi e protegge l’ambiente. È noto infatti che 1 kg di PET (25 bottiglie da 1,5 litri) consuma 2kg di petrolio e 17,5 litri d’acqua e rilascia poi nell’atmosfera: idrocarburi, zolfo, ossidi d’azoto, monossido di carbonio e ben 2,3kg di anidride carbonica, gas responsabile dell’effetto
serra.
Inoltre, le acque di acquedotto sono sottoposte a controlli ben più rigidi delle acqua minerali; queste ultime possono, ad esempio, contenere fino a 50mg/l di arsenico, mentre il limite per l’acqua di acquedotto è di 10mg/l, senza dimenticare che i controlli sulle acque di acquedotto sono più frequenti di quelli previsti per legge sulle acque minerali.

Circa l'autore

Lascia un commento

Water Sponsor

Water Stories

Water Video

Caricamento in corso...

Water Natura

Membro della Internet Defense League

UA-116066244-1