Seleziona Pagina

Parco Nazionale del Pollino: 192 mila ettari di natura incontaminata

Parco Nazionale del Pollino: 192 mila ettari di natura incontaminata

pollino 1

di Chiara Fazio

 

Tra la Calabria e la Basilicata, lontano dal traffico e dai rumori dei centri urbani, dalle nevrosi compulsive che attanagliano le migliaia di persone in corsa da una parte all’altra delle città come schegge impazzite, esiste ancora un luogo dove è possibile respirare a pieni polmoni l’aria pura della montagna, godere dello spettacolo impareggiabile della natura, apprezzare il silenzio. È il Parco Nazionale del Pollino, patrimonio dell’Unesco dal 2015 che, con la sua superficie di 192.565 ettari, rappresenta l’area protetta più estesa d’Italia, e che abbraccia le due regioni nel territorio compreso tra le province di Cosenza, Potenza e Matera per un totale di 56 comuni. Le propaggini dei suoi monti, innevati per gran parte dell’anno – la cui vetta più alta è la Serra Dolcedorme con i suoi 2267 metri di altezza – si estendono ad est verso il mar Jonio e ad ovest verso il mar Tirreno, in un sensazionale connubio di acqua e terra osservabile a qualsiasi latitudine.

pollino 3

Il Parco dell’Appennino calabro-lucano è anche un’inestimabile riserva floristica e faunistica: simboleggiato dal pino loricato, specie arborea rarissima in Italia e rintracciabile soltanto in alcune zone montuose greche e balcaniche, esso ospita al suo interno una ricca vegetazione a macchia mediterranea (leccio, lentisco, ginepro, mirto e corbezzolo in prossimità delle coste, gariga sui fondi rocciosi, oltre a molteplici varietà di querce, aceri e castagni), e diversi esemplari di mammiferi quali lupo, gatto selvatico, lontra, cinghiale, driomio, lepre, capriolo (autoctono di Orsomarso), e di volatili tra cui aquila reale, gufo reale, picchio e molti altri. Da segnalare, inoltre, è la presenza di specie altrove estinte o minacciate, come la coturnice, che giova nel Parco della cessazione della caccia, la testuggine palustre, il lanario e il capovaccaio, e la recente reintroduzione del cervo e del grifone.

 

È il luogo ideale per gli amanti del trekking, del free climbing, della mountain bike, dello sci di fondo e dell’escursionismo in genere, oltre che per coloro i quali desiderano praticare rafting, torrentismo e canyoning: in particolare, vi sono quattro itinerari orientati in corrispondenza della Valle del Fiume Lao, delle Gole del Raganello, della Valle del Fiume Argentino e della Riserva naturale Rubbio. E tra un’escursione e l’assaggio di qualche prodotto tipico, spesso offerto direttamente agli avventori dalla gente del luogo (il rinomato pane di Cerchiara di Calabria, il miele, le marmellate, i liquori, il moscato di Saracena divenuto presidio Slow Food dal 2002), è possibile approfittare di una visita ai tanti siti di interesse storico-artistico disseminati nei dintorni del Parco: la Grotta del Romito di Papasidero, nelle cui vicinanze è stata rinvenuta l’incisione su pietra di un bovide risalente al Paleolitico, i ruderi del Convento di Colloreto nei pressi di Morano Calabro, i santuari della Madonna del Pettoruto di San Sosti, della Madonna delle Armi di Cerchiara di Calabria e della Madonna del Pollino di San Severino Lucano, il Castello Aragonese di Castrovillari risalente al 1490 e i caratteristici paesi della comunità italo-arbërëshe (Acquaformosa, Civita, Frascineto, Lungro, Plataci e San Basile in provincia di Cosenza, e due nella provincia di Potenza, San Costantino Albanese e San Paolo Albanese), nei quali sopravvivono ancora tradizioni antichissime, insieme ai costumi di un tempo e al rito religioso greco-bizantino.

pollino 2

Il Parco Nazionale del Pollino è davvero un luogo di incontrastata bellezza. Una bellezza che sconvolge, ancor più perché declinata in una forma alla quale i nostri occhi (purtroppo) non sono più da tempo abituati: quella della natura nella sua manifestazione più vera, autentica, potente.

 

Ulteriori informazioni sono reperibili al sito: www.parcopollino.gov.it

Circa l'autore

Lascia un commento

DAILY NEWS

Agenda

Al Salone del Gusto esempi virtuosi di bioeconomia circolare

25/09/2022
Un evento internazionale diventa il laboratorio per dimostrare come l’utilizzo di sacchi e stoviglie in bioplastica compostabile possa dare il proprio positivo contributo alla corretta gestione dei rifiuti organici, aumentandone sia la quantità sia il corretto conferimento da parte dei visitatori. L’evento in questione è Terra Madre – Salone del Gusto 2022, lo storico appuntamento […]

‘BUSINESS PLANet’: a Cersaie il futuro delle città

22/09/2022
Le città occupano solo il 3% del territorio mondiale, ma riescono a consumare oltre il 60% dell’energia, producendo il 70% delle emissioni di gas serra e il 70% dei rifiuti globali, con una popolazione destinata a raddoppiare entro il 2050. Poco basta per individuare le città come banco di prova del prossimo futuro a livello ambientale, energetico, urbanistico, architettonico, sociale ed […]

EUCYS 2022: il talento italiano si fa strada in Europa

05/09/2022
Dal 13 al 18 settembre si terrà a Leiden, in Olanda, la 33° edizione di EUCYS – European Union Contest for Young Scientists. Il concorso è un’iniziativa della Commissione europea nell’ambito del programma Scienza e Società. È stato istituito per promuovere gli ideali di cooperazione e scambio di informazioni tra giovani scienziati (di età compresa tra i 14 e i […]

CAMPIONI D SOSTENIBILITÁ

Raccontiamo storie di imprese, servizi, prodotti, iniziative che amano l’ambiente.
Sono storie di persone che guardano avanti. Che hanno lanciato startup, realizzato imprese di successo o si stanno impegnando in progetti di nuova generazione.

Uomini e donne convinti che un buon business deve essere sostenibile. In grado di promuovere un mondo e una società migliori.

Se ti riconosci in questa comunità e vorresti raccontare la tua storia contattaci.
Saremo onorati e lieti di ascoltarla e farla conoscere.
Contatto veloce:
WhatsApp : 328 6569148

Water Video Interviste

Caricamento in corso...
Choose your language »