Seleziona Pagina

La foresta di meli più antica del mondo è il giardino simbolo del 2016. Il Premio Carlo Scarpa 2016  in Kazakistan

La foresta di meli più antica del mondo è il giardino simbolo del 2016. Il Premio Carlo Scarpa 2016  in Kazakistan

  Frutteto e foresta, con alberi ultrasecolari alti trenta metri. Tutti meli, che in antichità hanno dato origine al nome della capitale kazaka, Almaty: luogo delle mele. E ora la foresta di Thien Shan vince il premio della Fondazione Benetton.
Fonte: Gambero Rosso,di Livia Montagnoli, http://www.gamberorosso.it/it/news/1024289

La foresta di meli più antica del mondo è il giardino simbolo del 2016. Il Premio Carlo Scarpa 2016 finisce in Kazakistan

Il premio al miglior “giardino”

Il Premio Carlo Scarpa, si legge sul sito della Fondazione Benetton Studi e Ricerche, viene assegnato ogni anno, dal 1990, “a un luogo particolarmente denso di valori di natura, di memoria e di invenzione”. Dedicato al celebre “inventore” di giardini, l’obiettivo del riconoscimento è quello di diffondere la cura dei luoghi e la cultura del paesaggio, tenendo conto del legame di scambio tra uomo e natura. Negli ultimi 25 anni la giuria, composta variamente da architetti, storici dell’arte e del paesaggio, agronomi, botanici, filosofi, geografi, ha premiato località incredibili ai 4 angoli del mondo, dall’antica città di Dura Europos in Siria al Museumplein (il cosiddetto “campo dei musei “ di Amsterdam), alla sperduta Val Bavona del Canton Ticino, in Svizzera. L’anno scorso è stata la volta dell’Italia, e il premio è atterrato nel quartiere Brancaccio di Palermo, in località Maredolce-La Favara, straordinaria testimonianza di stratificazione culturale, tra dominazione araba e normanna, agrumeti e manufatti artistici. Il 2016, invece, è l’anno di un frutteto molto speciale.

Frutteto o foresta? Il paradiso dei meli tra le montagne kazake

Si trova in Kazakistan e ha una storia che affonda le radici molti anni indietro nel tempo, 350, come l’età di alcune delle piante che restano a testimoniare l’antichità di questa foresta di meli selvatici. Milioni di anni fa, nel Terziario, la Foresta di meli selvatici di Tien Shan, oggi lambita dalla Via della Seta, era immensa. Ora ne resta solo qualche frammento, ma altamente spettacolare: in primavera gli alberi fioriscono, i fusti si sviluppano in altezza, fino a toccare i trenta metri, garantendo a questo frutteto sui generis l’appellativo di foresta. O Paradiso Terrestre, come lo definisce qualcuno ricordando il frutto del Peccato Originale. Che qui cresce in abbondanza da molti secoli. Nonostante l’accanimento dell’uomo, che in epoca sovietica ha spazzato via a colpi di accetta la maggior parte dei meli secolari, per fare spazio all’agricoltura, ironia della sorte. Ma a queste latitudini, tra Kirzighistan, Uzbekistan e Kazakistan, la presenza e il consumo di mele è talmente radicato nell’identità culturale da aver dato nome all’antica capitale dello stato kazako, Almaty: luogo delle mele. E oggi, ciò che resta della foresta di Tien Shan, è un importante monito alla tutela della biodiversità culturale e botanica (lungo i pendii del Thien Shan i semi di Malus sieversii sono arrivati dalla Cina, ma qui in passato sono cresciute molte altre specie all’origine dei frutti che mangiamo ancora oggi), tanto da essere monitorato e protetto dall’associazione Alma, costituitasi nel 2010 per sensibilizzare il governo locale e la comunità internazionale sulla necessità di preservarne la bellezza e divulgarne la conoscenza. E il premio assegnato dalla Fondazione Benetton si unisce al coro: a metà maggio, a Treviso, sarà consegnato il riconoscimento e si parlerà a lungo di come proteggere questo patrimonio dell’umanità.

a cura di Livia Montagnoli

Circa l'autore

Lascia un commento

DAILY NEWS

CAMPIONI D SOSTENIBILITÁ

Raccontiamo storie di imprese, servizi, prodotti, iniziative che amano l’ambiente.
Sono storie di persone che guardano avanti. Che hanno lanciato startup, realizzato imprese di successo o si stanno impegnando in progetti di nuova generazione.

Uomini e donne convinti che un buon business deve essere sostenibile. In grado di promuovere un mondo e una società migliori.

Se ti riconosci in questa comunità e vorresti raccontare la tua storia contattaci.
Saremo onorati e lieti di ascoltarla e farla conoscere.
Contatto veloce:
WhatsApp : 328 6569148

Daily News

Musica per Biorepack con Paolo Fresu

06/08/2022
Berchidda (SS), 6 agosto 2022 – Chi l’ha detto che la musica non possa essere trasformata in una potente opportunità di diffondere le buone pratiche nella raccolta delle bioplastiche insieme a rifiuti organici? Con questo spirito è stata sottoscritta la partnership tra BIOREPACK, consorzio nazionale per il riciclo organico degli imballaggi in bioplastica compostabile e Time […]

Mountain Future Festival

04/08/2022
Il Mountain Future Festival debutta sabato 6 agosto e proseguirà sino al 15-18 settemnbre con  ORME Festival dei sentieri. Il Mountain  è dedicato al futuro della montagna: un laboratorio di idee per riflettere, confrontarsi, per fermarsi un attimo e apprezzare la ricchezza e la bellezza delle alte quote. Luoghi, questi, dalla bellezza infinita, ma allo stesso tempo […]

Sanatech a Bologna Fiere

02/08/2022
Bologna, 1 agosto 2022 – Un salone professionale di filiera, un luogo di incontro e matching del business, un’occasione di aggiornamento e formazione degli operatori, una vetrina per le imprese: questo e molto altro è Sanatech, la Rassegna internazionale della filiera produttiva del biologico e del naturale che torna per la seconda edizione dall’8 all’11 settembre a BolognaFiere. […]

Siccità e sostenibilità

02/08/2022
L’agricoltura tra siccità, materie prime e sostenibilità: il 3 agosto si apre a Lignano Sabbiadoro (UD) Economia sotto l’Ombrellone Il primo incontro della rassegna sui temi di attualità promossa da EoIpso affronta i temi del settore agricolo e zootecnico nella prospettiva di un rafforzamento delle filiere. Inizio alle 18.30,partecipazione libera Potrebbe essere definita la tempesta […]

Batterie a elettroliti solidi riducono impatto climatico

19/07/2022
Roma, 19 luglio 2022 – L’impiego delle batterie allo stato solido consente di ridurre drasticamente l’impronta di carbonio (carbon footprint) degli accumuli utilizzati nei veicoli elettrici con un calo complessivo che potrebbe raggiungere il 39%. Lo rivela uno nuovo studio commissionato da Transport & Environment (T&E) a Minviro, azienda specializzata nell’analisi dei cicli di vita […]

Water Stories

Water Video Interviste

Caricamento in corso...
Choose your language »