Seleziona Pagina

La (ri)scoperta dei grani antichi e la rinascita dell’agricoltura siciliana

La (ri)scoperta dei grani antichi e la rinascita dell’agricoltura siciliana

grani antichi Sicilia

di G.Musumeci*

Pensava di andarsene via e invece è rimasto in Sicilia a curare la terra. Ma Giuseppe Li Rosi, imprenditore agricolo di Raddusa da tre generazioni, non è un semplice agricoltore che fornisce materie prime all’industria. È uncoltivatore di grani antichi siciliani, patrimonio genetico appartenente alla biodiversità mediterranea e frutto della selezione fatta dai contadini in novemila anni di storia dell’agricoltura. E di quei grani fa anche prodotti finiti –farine, pasta e biscotti – «digeribili, pieni di sapore e odore», dice. Un’impresa non facile perché la loro coltivazione è stata abbandonata per decenni e soppiantata dai nuovi grani modificati geneticamente.

“Ho convertito 100 ettari dell’azienda familiare a grano locale” confessa Giuseppe Li Rosi, un agricoltore siciliano che davanti alle pressioni internazionali e ai grani francesi o canadesi che ci vengono dati come unica scelta possibile, ha trovato insieme ad altri una via alternativa che salva qualità ed economia. I cosiddetti “grani antichi”, riscoperti dopo quasi un secolo di dimenticatoio.

Timilia, Maiorca e Strazzavisazz… grani che gli antichi Greci conoscevano e i Romani coltivavano, usati fino ai primi del Novecento, poi perduti nella nebbia della memoria. Sono tornati in auge di recente, anche perché ottimi sostituti del grano normale per le persone che soffrono di celiachia a altre intolleranze. Ma non è solo una questione medica.

I grani antichi, coltivati con metodi noti solo in Sicilia, riportano lavoro e movimento economico del commercio locale… salvando l’isola dalla crisi. Vi pare poco? Molti contadini siciliani stanno passando al biologico, la Sicilia è tra le prime regioni produttrici di prodotti Bio, e

questi grani sono la novità del secolo.

Chi si impegna a gestire campi di grano antico, deve dedicare almeno 10 ettari a ogni coltura, mantenendo la purezza del seme. Li Rosi, presidente dell’associazione “Simenza, cumpagnia siciliana sementi contadine”, ha raccolto intorno a sé 70 produttori ma alle porte premono almeno un centinaio di altri agricoltori, entusiasti dell’idea. Contrariamente alle rigide regole dei grani multinazionali, che sono sempre gli stessi, i grani antichi si seminano con miscugli di sementi, sono insomma variegati e questo rende la qualità della spiga più resistente e anche la terra più produttiva. Sono tecniche che risalgono a mille anni fa e richiedono pazienza. Il primo anno si semina e raccoglie discretamente, il secondo e il quarto anno la produzione subisce incrementi significativi. La domanda ora è una sola: quanto scommettiamo che tra poco qualche mega organismo mondiale dirà che i grani locali sono pericolosi e cancerogeni… allo scopo di fermare questa ventata di novità salva-crisi che fa paura ai grandi? 

* Fonte: http://notiziautile.altervista.org/la-sicilia-pianta-il-grano-antico-e-batte-le-multinazionali-ecco-come/?doing_wp_cron=1469089577.8234500885009765625000

Circa l'autore

Lascia un commento

DAILY NEWS

Agenda

EMERSIONI: la presentazione a “Non Rassegnamoci”

21/11/2022
Martedì 22 novembre alle 18.30, alla Chiesetta del Parco Trotter (Via mosso 7), ci sarà il terzo appuntamento di Storie, la rassegna letteraria di Municipio 2 curata da Potlatch all’interno della rassegna “Non Rassegnamoci”. Durante l’evento verrà presentata la rivista Emersioni. Emersioni è una rivista digitale e gratuita per parlare di cose difficili dando voce […]

Unapol a Gustus 22 Expo Sapori Mediterranei 

19/11/2022
Unapol – Unione Nazionale Associazioni Produttori Olivicoli sarà presente a Napoli nei giorni 20, 21 e 22 Novembre presso i padiglioni di Gustus 2022, il Salone Professionale dell’Agroalimentare, Enogastronomia e Tecnica che quest’anno giunge alla sua VIII Edizione.   “Gustus rappresenta un evento di rilevanza strategica per il settore agroalimentare e dell’enogastronomia – commenta Tommaso Loiodice, Presidente Unapol – non solo del Sud Italia, ma può e […]

Po fiume d’Europa, Parma capitale italiana delle acque. Mito, Identità, Futuro

16/11/2022
Nell’ambito della ricerca interdisciplinare Po fiume d’Europa, Parma capitale italiana delle acque. Mito | Identità | Futuro, promossa nel 2019 dall’Università di Parma insieme ai quattro Enti di governo del fiume Po e del suo bacino idrografico che hanno sede a Parma –l’Agenzia interregionale per il fiume Po (AIPo), l’Autorità di Bacino distrettuale del fiume Po […]

CAMPIONI D SOSTENIBILITÁ

Raccontiamo storie di imprese, servizi, prodotti, iniziative che amano l’ambiente.
Sono storie di persone che guardano avanti. Che hanno lanciato startup, realizzato imprese di successo o si stanno impegnando in progetti di nuova generazione.

Uomini e donne convinti che un buon business deve essere sostenibile. In grado di promuovere un mondo e una società migliori.

Se ti riconosci in questa comunità e vorresti raccontare la tua storia contattaci.
Saremo onorati e lieti di ascoltarla e farla conoscere.
Contatto veloce:
WhatsApp : 328 6569148

Water Video Interviste

Caricamento in corso...
Choose your language »