Select Page

L’agonismo non solo sportivo del Festivalfilosofia 2016

L’agonismo non solo sportivo del Festivalfilosofia 2016

di Sara Milani

Ritorna da oggi l’attesissima edizione annuale del Festivalfilosofia a Modena, Carpi e Sassuolo. Fino a domenica 18 settembre avrete la possibilità di poter assistere a concerti, dibattiti, lezioni, discussioni presiedute dai grandi nomi della letteratura e della filosofia; Umberto Galimberti, Peter Sloterdiik, Michela Marzano, Massimo Cacciari, Zygmunt Bauman, ma anche giornalisti quali; Federico Rampini e Andrea Scanzi, l’antropologo Marc Augè colui che ha riconosciuto negli spazi dei centri commerciali, le stazioni, gli aeroporti, le sale d’aspetto i nonluoghi, simbolo della supermodernità dove le persone non entrano mai in relazione completamente perché spinte limitatamente a consumare o a velocizzare le proprie fatiche quotidiane. Contrariamente agli spazi intrisi di storia, identitari, relazionali – questi luoghi della transitorietà – sono il simbolo di un individualità accesa, solitaria, dove le diversità non entrano mai realmente in relazione fra di loro, perdendo l’occasione di arricchire il proprio sé.

Concesso nuovamente – per la quarta volta – il Patrocinio Unesco, simbolo dell’alto valore culturale dell’iniziativa, e il suggello del Quirinale – sin dalla prima edizione – il tema centrale della manifestazione sarà l’Agonismo. Ci si interrogherà su come la competizione possa migliorarci anziché impoverirci, elevandoci. Viviamo in un tempo storico, fisico, filosofico, letterario, sociale dove prevale una dimensione agonale e competitiva – compito del festival – sarà quello di confrontare prospettive filosofiche plurali e divergenti. L’agonismo sarà sviscerato in tutti i suoi molteplici aspetti; dalle origini al suo rapporto con la politica, la società, l’individuo.

La Concorrenza – simbolo delle società avanzate – sarà il perno che porterà a interrogarsi, con l’aiuto di Zygmunt Bauman, se è una caratteristica insita nell’uomo o piuttosto un prodotto della cultura di appartenenza. Federico Rampini la attualizzerà contestualizzandola negli accordi internazionali di liberalizzazione degli scambi con annesse le conseguenze politiche ed economiche di ogni singolo Stato.

In politica, il conflitto fra le parti è un elemento fondamentale per garantire la vita della democrazia, perché legittimare l’avversario politico significa mantenere un pluralismo di voci che in politica sono importanti per non far avanzare la monocultura.

La Gara sportiva – l’antica Grecia ne è l’emblema – diventa occasione per mettersi alla prova non solo fisicamente ma anche interiormente. Si discuterà il successo dell’allenamento sportivo nella tarda modernità, l’inestinguibile presenza del doping e la progressiva affermazione della medicina migliorativa, la pura bellezza estetica che si ricerca guardandone le azioni e in chiave sociologica, la Gara, come idea di una riuscita sociale fondata sul merito e il talento.

La competizione sarà contestualizzata anche nel nostro presente mediatico; il mondo dei talent show dove la sue caratteristiche fondamentali sono la spettacolarizzazione e l’uguaglianza fra partecipanti accontentando un pubblico sempre più affamato di crudeltà.

Ma la Gara è anche gioco come ben evidenzia il sito istituzionale del Festival:

         Accostata come gioco, la gara si presenta anche come tensione tra una componente disinteressata, fondata su piacere e godimento, e una componente arrischiata, perché il gioco comporta sempre una sfida e un azzardo, ossia un “mettersi in gioco” verso se stessi o verso gli avversari, come  mostrerà Pier Aldo Rovatti.

Accanto alle lezioni dei classici e alle lezioni magistrali che permetteranno di ottenere dei crediti scolastici, ci saranno performance, docufilm, laboratori per i più piccoli, bancarelle di libri filosofici per gli appassionati.
Le iniziative saranno tante e gratuite, per questo – da tradizione emiliana – i vostri agonismi personalizzati saranno accompagnati da menù filosofici completi o per coloro che non hanno tempo da perdere, è possibile acquistare al costo di cinque euro la razionesufficiente; piccolo pasto gustoso ma veloce. Sul sito www.festivalfilosofia.it sono indicate tutte le informazioni inerenti alla manifestazione. La diretta live sarà seguita da RAI Radio3 Fahrenheit alle 15:00 a Palazzo dei Musei a Modena. 

Mai come oggi dove prevalgono nazionalismi, linguaggi xenofobi politicamente scorretti, soluzioni apparentemente semplici ma inefficaci o addirittura spie di un effetto domino difficile, poi, da disinnescare pare giusto interrogarsi sul vero senso dell’agonismo, cercando di coglierne – se esistono – gli elementi, se non i più belli, quelli fatti di gesti – i più corretti possibili – e guardare verso una convivenza che ci riporti ad un equità, si, difficile da raggiungere ma che va contro un agonismo denso di spinte maligne perché:

Uno dei mezzi di seduzione più efficaci del male è l’invito alla lotta

Franz Kafka, Aforismi di Zürau

 

 

Fonte: www.festivaldellafilosofia.it

 

About The Author

Leave a reply

Water Sponsor

Water Stories

Water Video

Loading...

Water Natura

UA-116066244-1