Seleziona Pagina

 La raccolta delle acque nei Sassi di Matera

 La raccolta delle acque nei Sassi di Matera

 

Simona Pellegrini

“Ho visto un precipizio, lì dentro c’era Matera. Chiunque la veda non può non restarne colpito, tanto è espressiva e toccante la sua dolente bellezza “: così Carlo Levi descrive la città dei Sassi in “Cristo si è fermato a Eboli”.

Capoluogo di provincia della Basilicata, Matera è una delle città tuttora abitate più antiche del mondo: i primi insediamenti risalgono alla preistoria. Crogiolo di culture, dai greci ai bizantini.

“Vergogna nazionale” nel 1952, Matera abbandonata e dimenticata, per poi essere riconosciuta dall’UNESCO come “Patrimonio dell’umanità” nel 1993, la città che rinasce e diventa una delle mete più visitate in Italia. E adesso, Matera Capitale europea della cultura per il 2019.

Terra di contrasti e contraddizioni, inferno e presepe nei film in cui ha fatto da scenografia. Matera che cambia, argilla che viene plasmata dall’acqua nel corso dei millenni. Matera che resta sempre la stessa.

Il Torrente Gravina che la spacca in due delimitando i due antichi rioni della città : Sasso Barisano e Sasso Caveoso.

Territorio aspro e selvaggio, che non ti abbandona nemmeno quando lo si lascia : “ delle città dove sono stato – afferma Giovanni Pascoli – Matera è quella che mi sorride di più, quella che vedo meglio ancora, attraverso un velo di poesia e di malinconia”

Ma è l’acqua la vera protagonista, il più fine regista di un paesaggio mozzafiato. La città fonda infatti la sua esistenza su un complesso sistema di raccolta della acque, non si tratta di acqua piovana, ma di acqua di falda.

Presupponendo che i Sassi sono un agglomerato di abitazioni scavate nella calcarenite l’esigenza di raccogliere l’acqua ha portato i suoi abitanti a costruire cisterne collegata tra loro da vasi comunicanti. E’ recente, a seguito di un restauro, la scoperta di una serie di cisterne e canali di adduzione dell’acqua.

Tre metri sotto i piedi di chi attraversa Piazza Vittorio Veneto un baratro scende per altri 14 metri. Si tratta di una cisterna chiamata “Palombaro”, un vero e proprio gioiello di ingegneria idraulica che copre 350 mq e può contenere fino a 3 milioni e mezzo di litri d’acqua.

La particolarità delle cisterne dei Sassi e del Palombaro è il rivestimento delle pareti, intonacate a cocciopesto (costituito da cocci di terracotta pestati) utilizzati fin dall’antichità per impermeabilizzare le pareti di roccia e consentire la raccolta delle acque.

La colossale opera risale al 1845, ma è frutto di un lavoro progressivo. Nel 1927 viene poi realizzato l’acquedotto e si procede allo svuotamento e alla chiusura del Palombaro. Una falda però continua ad alimentarlo, così nel 1991 a causa di alcuni lavori per la sistemazione della piazza si giunge alla scoperta dell’enorme opera sotterranea ormai colma fino all’orlo.

Il visitatore dei Sassi è spesso ignaro di ciò che si trova sotto i suoi piedi. Un sistema di straordinario valore architettonico che ha reso possibile a Matera di essere così come noi oggi la conosciamo.

 

Circa l'autore

Lascia un commento

Daily News

CAMPIONI D SOSTENIBILITÁ

Raccontiamo storie di imprese, servizi, prodotti, iniziative che amano l’ambiente.
Sono storie di persone che guardano avanti. Che hanno lanciato startup, realizzato imprese di successo o si stanno impegnando in progetti di nuova generazione.

Uomini e donne convinti che un buon business deve essere sostenibile. In grado di promuovere un mondo e una società migliori.

Se ti riconosci in questa comunità e vorresti raccontare la tua storia contattaci.
Saremo onorati e lieti di ascoltarla e farla conoscere.
Contatto veloce:
WhatsApp : 328 6569148

Agenda

Auto inquinanti, Consiglio Ue conferma stop al 2035

29/06/2022
T&E: “Decisione storica per clima, inquinamento e industria. Ora concentriamoci su rete di ricarica e filiera batterie sostenibili” Veronica Aneris, direttrice Transport & Environment Italia: “Un enorme passo avanti a favore del clima. Ora è possibile azzerare le emissioni del settore trasporti al 2050”. Roma, 29 giugno 2022 – “I governi europei hanno preso la […]

Paga con la carta di credito e tuteli le foreste

24/06/2022
,Flowe – B Corp che mira a educare i giovani sui temi dell’innovazione e della sostenibilità economica, sociale e ambientale – ha redatto insieme all’agronomo Guido Cencini un vademecum di approfondimento sui 5 benefici che apportano a più livelli le piante. Iniziatva lanciata in concomitanza con la Giornata della foresta pluviale. Flowe pone inoltre l’attenzione sulla campagna Freshback, attiva fino al 30 giugno. Con la collaborazione […]

Marsala: al via la seconda edizione del KiteFest

21/06/2022
di Gloria Nobile   Sport, musica, enogastronomia, arte e natura: ecco cosa succede quando il talento incontra l’occasione. Quest’anno a Marsala, sulla costa occidentale della Sicilia, la stagione turistica si apre con la seconda edizione del KiteFest che avrà luogo dal 26 giugno al 3 luglio nella Laguna dello Stagnone. Lo straordinario successo della prima […]

Water Stories

Water Video Interviste

Caricamento in corso...
Choose your language »