Seleziona Pagina

Autostrada dell’acqua: l’acqua di Carrara fino a Livorno?

Autostrada dell’acqua: l’acqua di Carrara fino a Livorno?

E’ al vaglio da parte di Gaia, il Gestore Idrico della Toscana che gestisce l’acqua delle provincie di Massa-Carrara, Pistoia e Lucca, un progetto, denominato “autostrada dell’acqua”, che prevederebbe la realizzazione di una rete idrica che prelevi l’acqua dalle sorgenti delle Alpi Apuane (in particolare Carrara e Aulla) per portarla nelle zone a rischio siccità specialmente in estate come Livorno.

Secondo Paolo Peruzzi, direttore di Gaia, l’acqua verrebbe prelevata tramite pozzi di approvvigionamento e trasportata attraverso tubi di meno di due metri di diametro fino alle zone di Camaiore e Livorno, questo per garantire a tutto il territorio una riserva idrica sufficiente e continua in caso di necessità. Peruzzi afferma che “chiamarla autostrada dell’acqua è una banalizzazione, l’opera sarebbe una garanzia per tutti. Dobbiamo pensare che aumenterà la sicurezza dell’utente. Bisogna pensare al futuro”. Il sistema a suo dire “dovrà garantire disponibilità d’acqua del 30-40% superiore a quella richiesta nelle fasi più critiche, per far fronte agli eventi straordinari”. Non si tratterebbe di prendere l’acqua dai bacini apuani per farla avere ai comuni più a valle ma di un dare e avere a seconda dei bisogni di ciascuno, un vantaggio insomma anche per la nostra zona.

Per il reperimento delle risorse necessarie, Gaia ha aumentato le tariffe del 5% ma si tratterebbe di un aumento provvisorio. Il piano (ancora al vaglio) per Gaia consentirebbe di “assicurare l’approvvigionamento idrico in tutto il territorio, in un futuro sempre più coinvolto dai cambiamenti climatici” e di “dare sicurezza all’utente di non vedere mai mancare una risorsa irrinunciabile, anche nei periodi critici”.

Dubbiosi sono gli abitanti di Massa e Carrara che vedono il progetto come uno sfruttamento territoriale e hanno istituito varie associazioni che hanno organizzato il 17 gennaio scorso una manifestazione di protesta alla quale hanno partecipato più di 200 cittadini. I rappresentanti delle istituzioni chiedono una valutazione dell’impatto ambientale dell’opera e che la popolazione sia informata delle trivellazioni necessarie per scavare i pozzi; sono inoltre scettici su come possa un tubo snodarsi da Aulla a Carrara, data la forte pendenza e la distanza. Riguardo all’aumento delle tariffe del 5% , ritengono ingiusto il fatto che siano i cittadini a pagare a causa dell’incuria delle fabbriche di Livorno che hanno, a loro dire, inquinato l’acqua con l’arsenico. Il vero timore però, è che i lavori inquinino le nostre acque, già messe a rischio dalla presenza di calcare, e che invece di ridurre gli sprechi e razionalizzare il ciclo delle acque, si vogliano consumare le risorse del territorio, facendo per di più pagare il costo dell’opera ai cittadini. Si fa notare come in Lunigiana i lavori sarebbero troppo vicini ai luoghi in cui sono state rinvenute le prime statue stele, rimasti per lo più verdi e incontaminati.

In particolare l’associazione Italia Nostra di Massa-Montignoso definisce il progetto “un’altra bufala”, spiegando che “dal punto di vista teorico questa ideuzza ci pare un colabrodo, come molti degli acquedotti in funzione e ci viene spontaneo pensare che sia soprattutto una boutade atta a giustificare il prossimo aumento annunciato. L’unica cosa sicura è il tentativo, attraverso questa faraonica ed inattuabile idea, di avere subito, al solito un aumento delle tariffe dell’acqua”.

In attesa di saperne di più, le associazioni fanno fronte comune e chiedono la salvaguardia delle risorse naturali e la gestione interamente pubblica dell’acqua.

 

 

Circa l'autore

Lascia un commento

DAILY NEWS

Agenda

Mini Digital Festival: è aperto il contest “Cronaca locale in formato web&social”

30/09/2022
Un’occasione per mettersi in mostra dedicata ai giovani reporter. Gli studenti di scuola superiore e universitari potranno partecipare inviando un reel o un breve video dalla durata massima di un minuto e mezzo, al contest “Cronaca locale in formato web&social”. Il contenuto deve essere informativo: ciò significa che il protagonista del video dovrà riferirsi a […]

Al Salone del Gusto esempi virtuosi di bioeconomia circolare

25/09/2022
Un evento internazionale diventa il laboratorio per dimostrare come l’utilizzo di sacchi e stoviglie in bioplastica compostabile possa dare il proprio positivo contributo alla corretta gestione dei rifiuti organici, aumentandone sia la quantità sia il corretto conferimento da parte dei visitatori. L’evento in questione è Terra Madre – Salone del Gusto 2022, lo storico appuntamento […]

‘BUSINESS PLANet’: a Cersaie il futuro delle città

22/09/2022
Le città occupano solo il 3% del territorio mondiale, ma riescono a consumare oltre il 60% dell’energia, producendo il 70% delle emissioni di gas serra e il 70% dei rifiuti globali, con una popolazione destinata a raddoppiare entro il 2050. Poco basta per individuare le città come banco di prova del prossimo futuro a livello ambientale, energetico, urbanistico, architettonico, sociale ed […]

CAMPIONI D SOSTENIBILITÁ

Raccontiamo storie di imprese, servizi, prodotti, iniziative che amano l’ambiente.
Sono storie di persone che guardano avanti. Che hanno lanciato startup, realizzato imprese di successo o si stanno impegnando in progetti di nuova generazione.

Uomini e donne convinti che un buon business deve essere sostenibile. In grado di promuovere un mondo e una società migliori.

Se ti riconosci in questa comunità e vorresti raccontare la tua storia contattaci.
Saremo onorati e lieti di ascoltarla e farla conoscere.
Contatto veloce:
WhatsApp : 328 6569148

Water Video Interviste

Caricamento in corso...
Choose your language »