Seleziona Pagina

Fossa delle Marianne inquinata. Ritrovata busta di plastica a 10mila metri sotto il livello del mare

Fossa delle Marianne inquinata. Ritrovata busta di plastica a 10mila metri sotto il livello del mare

Dove non arriva fisicamente l’essere umano, al suo posto arriva la plastica.
Nella più profonda depressione oceanica del Pianeta è stata ritrovata un busta di plastica. La scoperta, a circa 11 mila metri sotto il livello del mare, nell’Oceano Pacifico, è stata fatta dalla Japan Agency for Marine-Earth Science and Technology in Yokosuka.
Dove ci si aspetterebbe di ritrovare nuove e affascinanti specie marine si pesca invece una comunissima busta.

Busta che ha ottenuto il record per essere la più “profonda” del pianeta. Ma che, più tristemente, è il simbolo lampante di come le attività umane stiano intaccando in maniera irreversibile l’ecosistema degli oceani. Una scoperta sconcertante e allarmante: nemmeno le aree degli oceani più profonde e inaccessibili sono dunque immuni dall’inquinamento da plastica.

Numerosi team internazionali che lavorano in tutto il mondo in oltre 5.000 immersioni separate e utilizzando veicoli remoti in acque profonde, hanno aiutato a studiare i fondali oceanici per scoprire cosa c’è sotto. Oltre un terzo dei detriti trovati era micro-plastica, con l’89 per cento di prodotti monouso.

Il paradosso è evidente: qualche minuto di utilizzo di un prodotto, al costo dell’irreversibile inquinamento dei mari.

Inoltre, è da ricordare il tragico impatto che questi sprechi stanno avendo sulla stessa vita marina, con le balene che si vedono morire a causa dei livelli tossici dell’inquinamento legato alla plastica.

Purtroppo, questa contaminazione è destinata ad aumentare visto che la produzione di plastica a livello mondiale continuerà a crescere vertiginosamente nei prossimi anni (secondo le previsioni la produzione sarà quadruplicata entro il 2050).

Circa l'autore

Lascia un commento

Daily News

CAMPIONI D SOSTENIBILITÁ

Raccontiamo storie di imprese, servizi, prodotti, iniziative che amano l’ambiente.
Sono storie di persone che guardano avanti. Che hanno lanciato startup, realizzato imprese di successo o si stanno impegnando in progetti di nuova generazione.

Uomini e donne convinti che un buon business deve essere sostenibile. In grado di promuovere un mondo e una società migliori.

Se ti riconosci in questa comunità e vorresti raccontare la tua storia contattaci.
Saremo onorati e lieti di ascoltarla e farla conoscere.
Contatto veloce:
WhatsApp : 328 6569148

Agenda

Auto inquinanti, Consiglio Ue conferma stop al 2035

29/06/2022
T&E: “Decisione storica per clima, inquinamento e industria. Ora concentriamoci su rete di ricarica e filiera batterie sostenibili” Veronica Aneris, direttrice Transport & Environment Italia: “Un enorme passo avanti a favore del clima. Ora è possibile azzerare le emissioni del settore trasporti al 2050”. Roma, 29 giugno 2022 – “I governi europei hanno preso la […]

Paga con la carta di credito e tuteli le foreste

24/06/2022
,Flowe – B Corp che mira a educare i giovani sui temi dell’innovazione e della sostenibilità economica, sociale e ambientale – ha redatto insieme all’agronomo Guido Cencini un vademecum di approfondimento sui 5 benefici che apportano a più livelli le piante. Iniziatva lanciata in concomitanza con la Giornata della foresta pluviale. Flowe pone inoltre l’attenzione sulla campagna Freshback, attiva fino al 30 giugno. Con la collaborazione […]

Marsala: al via la seconda edizione del KiteFest

21/06/2022
di Gloria Nobile   Sport, musica, enogastronomia, arte e natura: ecco cosa succede quando il talento incontra l’occasione. Quest’anno a Marsala, sulla costa occidentale della Sicilia, la stagione turistica si apre con la seconda edizione del KiteFest che avrà luogo dal 26 giugno al 3 luglio nella Laguna dello Stagnone. Lo straordinario successo della prima […]

Water Stories

Water Video Interviste

Caricamento in corso...
Choose your language »