Seleziona Pagina

Fossa delle Marianne inquinata. Ritrovata busta di plastica a 10mila metri sotto il livello del mare

Fossa delle Marianne inquinata. Ritrovata busta di plastica a 10mila metri sotto il livello del mare

Dove non arriva fisicamente l’essere umano, al suo posto arriva la plastica.
Nella più profonda depressione oceanica del Pianeta è stata ritrovata un busta di plastica. La scoperta, a circa 11 mila metri sotto il livello del mare, nell’Oceano Pacifico, è stata fatta dalla Japan Agency for Marine-Earth Science and Technology in Yokosuka.
Dove ci si aspetterebbe di ritrovare nuove e affascinanti specie marine si pesca invece una comunissima busta.

Busta che ha ottenuto il record per essere la più “profonda” del pianeta. Ma che, più tristemente, è il simbolo lampante di come le attività umane stiano intaccando in maniera irreversibile l’ecosistema degli oceani. Una scoperta sconcertante e allarmante: nemmeno le aree degli oceani più profonde e inaccessibili sono dunque immuni dall’inquinamento da plastica.

Numerosi team internazionali che lavorano in tutto il mondo in oltre 5.000 immersioni separate e utilizzando veicoli remoti in acque profonde, hanno aiutato a studiare i fondali oceanici per scoprire cosa c’è sotto. Oltre un terzo dei detriti trovati era micro-plastica, con l’89 per cento di prodotti monouso.

Il paradosso è evidente: qualche minuto di utilizzo di un prodotto, al costo dell’irreversibile inquinamento dei mari.

Inoltre, è da ricordare il tragico impatto che questi sprechi stanno avendo sulla stessa vita marina, con le balene che si vedono morire a causa dei livelli tossici dell’inquinamento legato alla plastica.

Purtroppo, questa contaminazione è destinata ad aumentare visto che la produzione di plastica a livello mondiale continuerà a crescere vertiginosamente nei prossimi anni (secondo le previsioni la produzione sarà quadruplicata entro il 2050).

Circa l'autore

Lascia un commento

Water Sponsor

Water Stories

Water Video

Caricamento in corso...

Water Natura

Membro della Internet Defense League

UA-116066244-1