Seleziona Pagina

QUELLI CHE AMO DI PIU’ NON LO SO MA E’ COSI’.. IO AMO I LUNEDì

QUELLI CHE AMO DI PIU’ NON LO SO MA E’ COSI’.. IO AMO I LUNEDì

di Eleonora Andena

Da sempre il lunedì è considerato il giorno peggiore della settimana. Lo scrive Giacomo Leopardi ne Il sabato del villaggio, lo canta Vasco Rossi “Quelli li odio di più, non lo so, ma è così! Odio i lunedì”, lo conferma anche la scienza attraverso una ricerca compiuta dall’università del Vermont che ha stabilito che in rete è il giorno con l’umore più nero tra gli utenti.

Non per Gabry, un bimbo di 7 anni con sindrome di Down e un lieve deficit motorio legato ad un arto inferiore, che ogni settimana aspetta il lunedì con quell’ansia e quella trepidazione che solo i bambini sanno provare.

“Ele oggi vado in piscina. Con la muta. Mi porta la mamma, ma lei non entra, rimane sugli spalti a guardarmi mentre canticchia. Canta sempre Vasco Rossi.”

Gabri nell’acqua ha imparato a camminare, a casa starebbe ore nella vasca da bagno e il lunedì, che ricorda perché è anche il giorno in cui riprende la scuola dopo il week end, è tutto un susseguirsi di gioia, ansia, sorrisi, domande, fino a quando dopo pranzo lascia la scuola e inizia la sua terapia in piscina.

Nell’acqua Gabry affoga le diversità. Si muove con disinvoltura. Ha il sorriso sulle labbra. Nessuna fatica negli spostamenti. E se dagli spalti, dove la sua mamma lo segue ogni lunedì, ci soffermassimo a guardare un po’ più a fondo, vedremmo anche una luce speciale negli occhi. Una luce di felicità vera, perché l’acqua è capace anche di questo.

L’acqua permette al corpo di allenare diversi tipi di stimoli e aiuta a percepirlo meglio. L’attività in acqua facilita la gestione degli aspetti emotivi, relazionali, favorisce l’attenzione, stimola le attività motorie e sensoriali, accresce le autonomie e l’autostima, favorisce la costruzione di un’immagine positiva di sé.

L’acqua è qualcosa di prezioso; un elemento facilitante, il contesto ideale per andare oltre i propri limiti, sia fisici che psicologici. “A Lodi, dove Gabri segue la sua terapia, abbiamo dei centri e dei professionisti davvero in gamba”, spiega la mamma di Gabry che lo segue in qualsiasi attività, “ma da una rete

che noi genitori abbiamo creato so che anche a Fidenza, a Parma e in tante altre città ci sono degli ottimi supporti”.

Per Gabry e per i suoi compagni del corso di nuoto, tutti bimbi con sindrome di down, l’acqua è soprattutto gioia. Stare insieme nella “speciale normalità” come la definisce Dario Ianes, Docente ordinario di Pedagogia e Didattica Speciale all’Università di Bolzano e co- fondatore del Centro Studi Erickson di Trento. Una speciale normalità che farebbe invidia a chiunque se, sempre dagli spalti dove ogni lunedì gli occhi delle loro famiglie li osservano, si potesse fermare il tempo in un frame fotografico.

Nel frattempo ho chiesto a Gabri di disegnarmi quello che per lui è FELICITA’

Lo avevo già capito ma il disegno rende meglio!

                                                                   IO E LA MIA MUTA. IN PISCINA.

Circa l'autore

Lascia un commento

DAILY NEWS

Agenda

Checkup sul riciclo. Milano 16 dicemnbre

08/12/2022
Il checkup dell’ industria del riciclo “made in Italy”e l’esame delle nuove frontiere del riciclo .sarà fatto in occasione della Conferenza Nazionale dell’Industria del Riciclo dal titolo “L’eccellenza del riciclo e le sfide future”, promossa dalla Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile , in collaborazione con CONAI e con Pianeta 2030 , il mensile del Corriere della Sera dedicato alla sostenibilità, […]

Italia: vai con l’drogeno. Sfida da vincere

06/12/2022
  Roma, 6 dicembre 2022 – “Sembrerebbe, finalmente, essere arrivata la grande rivoluzione dell’idrogeno per il nostro Paese”. È quanto ha affermato il Prof. Marco Mele, economista dell’università Unicusano di Roma, intervenuto ad una nota emittente statunitense pochi giorni fa. “Per il nostro Paese è la più grande scommessa dei prossimi 15 anni, ed è la chiave per […]

La denuncia di Green Impact.

06/12/2022
  Roma, 6 dicembre 2022 – Paradosso biodiversità. Mentre i leader mondiali si riuniscono a Montreal per la COP 15 sulla biodiversità per discutere su come arrestarne il drammatico declino e ridurre la perdita di specie ed ecosistemi, l’UE, Italia compresa, continua a sovvenzionare la biomassa forestale a fini energetici distruggendo così foreste, habitat, piante […]

CAMPIONI D SOSTENIBILITÁ

Raccontiamo storie di imprese, servizi, prodotti, iniziative che amano l’ambiente.
Sono storie di persone che guardano avanti. Che hanno lanciato startup, realizzato imprese di successo o si stanno impegnando in progetti di nuova generazione.

Uomini e donne convinti che un buon business deve essere sostenibile. In grado di promuovere un mondo e una società migliori.

Se ti riconosci in questa comunità e vorresti raccontare la tua storia contattaci.
Saremo onorati e lieti di ascoltarla e farla conoscere.
Contatto veloce:
WhatsApp : 328 6569148

Water Video Interviste

Caricamento in corso...
Choose your language »