Seleziona Pagina

“Effetto Nemo”: quando due pesci animati mettono in pericolo il mare… o forse no?

“Effetto Nemo”: quando due pesci animati mettono in pericolo il mare… o forse no?

Di Matteo Ugolini

I film d’animazione “Alla Ricerca di Nemo” e “Alla Ricerca di Dory” hanno influito sulle vendite di pesci e animali esotici; allo stesso tempo sono aumentati i casi di maltrattamento verso queste specie. Ma le ultime ricerche negherebbero l’esistenza di questo fenomeno commerciale.

I film d’animazione “Alla Ricerca di Nemo” e “Alla Ricerca di Dory” hanno influito sulle vendite di pesci e animali esotici; allo stesso tempo sono aumentati i casi di maltrattamento verso queste specie. Ma le ultime ricerche negherebbero l’esistenza di questo fenomeno commerciale.

I media ci propongono sempre delle nuove storie: alcune rimangono nel dimenticatoio, altre appassionano, altre ancora spingono gli spettatori/ascoltatori a compiere azioni non proprio benefiche.

È il caso di Alla Ricerca di Nemo e di Alla Ricerca di Dory, due film di animazione della Disney-Pixar rispettivamente usciti nel 2003 e nel 2016, due grandi successi ai boxoffice di tutto il mondo (871 milioni di dollari per il primo film e oltre un miliardo di dollari per il sequel). Entrambi i film hanno dato uno sguardo sulla bellezza dell’oceano e delle sue barriere coralline, nonché una panoramica sulle creature che popolano questi ambienti. È un dato di fatto che il pubblico si sia interessato alle vicende di Marlin e di Dory, i protagonisti di entrambi i film, i quali sono rispettivamente un pesce pagliaccio e un pesce chirurgo.

Nonostante i film abbiano come messaggio la salvaguardia dell’ambiente marino e le conseguenze sulla rottura dell’ecosistema, le avventure dei pesci disneyani hanno per ironia della sorte spinto gli spettatori a possedere un esemplare simile ad uno dei personaggi; National Geographic stima che “la domanda di pesce pagliaccio si è triplicata, quasi quadruplicata, in seguito al film”, la cui maggior parte delle richieste proveniva dagli Stati Uniti: una domanda talmente ingente da far estinguere popolazioni di pesci pagliaccio in alcune aree del sudest asiatico. In queste aree si sono sviluppati veri e propri allevamenti intensivi di pesci pagliaccio che impiegano metodi poco conformi ed umani, tra cui l’utilizzo di cianuro, dannoso per i pesci e le barriere coralline. Inoltre, i film hanno involontariamente convinto molti spettatori ad abbandonare i pesci pagliaccio da loro posseduti facendoli scaricare nelle fogne tramite il gabinetto, andando così a collocarli in un ecosistema nel quale difficilmente sopravviverebbero.

Sembra quindi che Alla Ricerca di Nemo e Alla Ricerca di Dory siano i complici di un disastro ambientale causato dall’uomo… ma la ricerca scientifica smentirebbe in gran parte tutto questo: un gruppo di ricercatori di Oxford ha esaminato i dati relativi a ricerche online e a vendite da parte di grossisti di pesci ornamentali; dai risultati emerge non solo l’incremento di domanda di pesci esotici, ma anche un aumento di ricerche sulle varie specie marine rappresentate nei film. I film avrebbero quindi convinto gli spettatori ad informarsi sui vari animali e su come salvaguardarli o prendersene cura.

Tutto è bene quel che finisce bene, come in un qualsiasi film Disney…

Circa l'autore

Lascia un commento

Water Sponsor

Water Stories

Water Video

Caricamento in corso...

Water Natura

Membro della Internet Defense League

UA-116066244-1