Seleziona Pagina

Gli allevamenti di ostriche salvano le coste

Gli allevamenti di ostriche salvano le coste

Cibo prelibato. Simbolo del lusso alimentare che in verità si è un po’ democratizzato nei due ultimi decenni, ma che ora sembra essere anche un importante alleato per la difesa ambientale. Questa la tesi di un recente articolo di The Farmer, con il quale riprendiamo la rubrica “Il giornale dei giornali”.
L’articolo è tradotto in forma parziale. Per verificare le fonti e cliccare i link dovete leggere la versione originale in inglese  https://modernfarmer.com/2021/06/can-oyster-farming-save-the-north-carolina-coast/  

Un allevatore di ostriche lavora al largo della costa della Carolina del Nord.
Fotografia per gentile concessione di Scott Burrell.

L’allevamento di ostriche può salvare la costa della Carolina del Nord?

Gli esperti affermano che l’acquacoltura bivalve ha l’ulteriore vantaggio di ripristinare la costa.
Niels Lindquist coltiva ostriche da seme su 16 acri di locazione di crostacei, sparsi lungo la costa della Carolina del Nord. Evita le trappole galleggianti, optando per “locazioni di fondo” per coltivare ostriche sul fondo dell’oceano e costruisce barriere naturali nel processo.

Lindquist fa parte di un numero crescente di allevatori di ostriche le cui attività hanno l’ulteriore vantaggio di aiutare a ripristinare la costa della Carolina del Nord.

“C’è un nesso tra la produzione alimentare e il tentativo di migliorare l’ambiente”, afferma Lindquist, co-fondatore di Sandbar Oyster Company e professore di scienze marine presso l’Università della Carolina del Nord a Chapel Hill.

Tra il 2009 e il 2016, la Divisione della pesca marittima della Carolina del Nord ha elaborato 81 domande di locazione di allevamenti di ostriche ; i numeri hanno continuato a salire, raggiungendo 98 domande nel 2017, 69 domande nel 2018 (quando i numeri erano in calo a causa dell’uragano Florence) e 106 domande nel 2019. Gli esperti di conservazione affermano che questo aumento del numero di allevamenti di molluschi sulla costa della Carolina del Nord è buone notizie per le ostriche selvatiche e per l’ambiente.

L’acquacoltura di molluschi o l’allevamento di ostriche, spesso in gabbie galleggianti, aiuta a proteggere le popolazioni di ostriche selvatiche che sono state storicamente sovrasfruttate .

“La crescita dell’industria dell’acquacoltura di molluschi nella Carolina del Nord può portare benefici all’economia e all’ambiente se viene condotta in modo sostenibile”, afferma Jacob Boyd, capo sezione, Habitat and Enhancement per la divisione NC della pesca marina.

Dal 1889 al 1908, i raccolti annuali di ostriche selvatiche hanno superato i 500.000 staio (con circa 100 ostriche per staio), secondo i datidella North Carolina Coastal Federation, ma una combinazione di raccolta eccessiva, perdita di habitat e malattie ha causato il crollo delle popolazioni di ostriche selvatiche un minimo di quasi 34.500 bushel nel 1994.

I numeri hanno iniziato a rimbalzare, poiché nel 2018 sono stati raccolti più di 119.000 stai di ostriche selvatiche e d’allevamento. Gli ultimi datihttps://www.bhic.org/ mostrano che per la prima volta il raccolto di ostriche d’allevamento ha superato quello selvatico. Beth Darrow, capo scienziato presso Bald Head Island Conservancy , crede che l’acquacoltura abbia aiutato.

“L’allevamento di ostriche è uno dei sistemi di produzione alimentare più sostenibili [e] fornisce un’alternativa sostenibile alla raccolta delle ostriche selvatiche”, afferma Darrow. “Riduce la tensione sulle popolazioni di ostriche selvatiche e consente loro di riprendersi”.

Le ostriche offrono anche alcuni grandi vantaggi ambientali: le barriere coralline fungono da frangiflutti naturali, proteggendo dall’innalzamento del livello del mare e dalle tempeste, riducendo l’erosione e migliorando la qualità dell’acqua (una singola ostrica filtra fino a 50 galloni di acqua al giorno ).

La costa della Carolina del Nord è particolarmente vulnerabile ai cambiamenti legati al clima, comprese le mareggiate, le inondazioni costiere e l’erosione. Gli allevamenti di ostriche potrebbero aiutare a mitigare i danni, afferma Erin Fleckenstein, scienziata costiera e manager regionale per la North Carolina Coastal Federation .

“Quando usi la barriera corallina per proteggerti dall’erosione in una costa vivente, le barriere coralline… agiscono come dossi per le onde e aiutano a disperdere l’energia delle onde”, afferma Fleckenstein.

Foto per gentile concessione di Scott Burrell.

Boyd osserva che mentre gli allevamenti di ostriche forniscono benefici ambientali per gli ecosistemi, non è chiaro se siano utili quanto le popolazioni di ostriche selvatiche per la costruzione di barriere coralline. Sono necessari più dati prima di poter trarre una conclusione solida, aggiunge.

“L’allevamento di molluschi è più temporaneo a causa del raccolto, ma gli agricoltori hanno sempre ostriche di diverse dimensioni nell’acqua e questo crea un vantaggio”, aggiunge.

Anche un numero crescente di allevatori di ostriche sta contribuendo a progetti di restauro.

Questi progetti di restauro hanno anche aiutato a sostenere gli allevatori di ostriche durante la pandemia, poiché i ristoranti erano chiusi e gli allevatori di molluschi erano fuori dai loro più grandi mercati. Con il calo della domanda di ostriche fresche, sono aumentate le preoccupazioni per la perdita di posti di lavoro nel settore dell’acquacoltura e il potenziale crollo dei prezzi delle ostriche.

Nel 2021, è stato creato un nuovo programma, Supporting Oyster Aquaculture and Restoration (SOAR), per acquistare 5 milioni di ostriche d’allevamento per ripristinare i contratti di locazione di molluschi in 20 località negli Stati Uniti.

SOAR è gestito attraverso una partnership tra Nature Conservancy, Pew Charitable Trusts, National Oceanic and Atmospheric Administration e US Department of Agriculture e mira a proteggere l’industria dell’acquacoltura di molluschi sostenendo l’ambiente.

In North Carolina, ad aprile, il Department of Marine Fisheries ha introdotto il Shellfish Lease Restoration Permit (SLRP). L’iniziativa ispirata alla pandemia ha riconosciuto che gli agricoltori avevano bisogno di uno sbocco per vendere le loro ostriche e ha permesso agli agricoltori di vendere ostriche, non destinate al consumo umano, ai siti di restauro.

Lindquist è stato uno dei primi allevatori di ostriche a ricevere un permesso.

“Non tutte le ostriche che un coltivatore ha nel suo raccolto sono pronte per la tavola; potrebbero non essere belli, potrebbero essere cresciuti troppo… e questa è una parte del raccolto che potrebbe essere utile per il ripristino”, dice. “[Vendere a un sito di restauro] aiuta gli agricoltori a diversificare i loro mercati e ci aiuta a riportare negli estuari il maggior numero possibile di ostriche”.

Ogni ostrica d’allevamento che entra in acqua, anche se non viene utilizzata in un sito di ripristino, fornisce importanti benefici all’ecosistema e Lindquist spera che con l’aumento dell’allevamento di ostriche sulla costa della Carolina del Nord, l’acquacoltura di molluschi sarà considerata un’industria costiera benefica.

“Puoi vedere gli allevamenti di ostriche come siti di restauro”, dice. “[L’allevamento di ostriche] può generare un’enorme quantità di cibo di alta qualità… e avere anche molti benefici ambientali”.

Circa l'autore

Lascia un commento

Daily News

CAMPIONI D SOSTENIBILITÁ

Raccontiamo storie di imprese, servizi, prodotti, iniziative che amano l’ambiente.
Sono storie di persone che guardano avanti. Che hanno lanciato startup, realizzato imprese di successo o si stanno impegnando in progetti di nuova generazione.

Uomini e donne convinti che un buon business deve essere sostenibile. In grado di promuovere un mondo e una società migliori.

Se ti riconosci in questa comunità e vorresti raccontare la tua storia contattaci.
Saremo onorati e lieti di ascoltarla e farla conoscere.
Contatto veloce:
WhatsApp : 328 6569148

Agenda

Poster ecomondo

26-29.10: Festival Ecomondo

25/10/2021
Si terrà a Rimini, dal 26 al 29 ottobre, il festival Ecomondo. Lo scopo del progetto è un mondo migliore – non solo immaginarlo e disegnarlo, ma fare in modo che prenda vita con progetti pratici e a lungo termine. Si terrà a Rimini, dalle 9 alle 18 di mattina, e fino alle 17 sarà […]
Poster della conferenza Tessuto riutilizzabile. L’esperienza del tovagliato nella ristorazione

26/10: conferenza “Tessuto riutilizzabile” della EBLI

22/10/2021
Si terrà il 26 ottobre la conferenza stampa “Tessuto riutilizzabile. L’esperienza del tovagliato nella ristorazione”, organizzata dall’Ente Bilaterale Lavanderie Industriali, o EBLI. La conferenza sarà dedicata all’aspetto ambientale dell’industria della stoffa, in particolare nell’ambito della ristorazione e del servizio al pubblico. Con tanto di dati alla mano: quelli di Ambiente Italia deviati al LCA e […]
Locandina di Green Table © facebook

20-23/10: il Green Table a Perugia e fuori

18/10/2021
Si terrà a Perugia, dal 20 al 23 ottobre, l’evento denominato Green Table.  L’evento viene definito, nel sito preposto, una conferenza “phygital” – a metà tra un formato fisico che può essere seguito di persona e raggiunto dovunque tramite i portali web. Perugia si allargherà in differita non solo in Italia, in località come Milano, […]

Water Stories

Water Video Interviste

Caricamento in corso...
Choose your language »