Seleziona Pagina

Verso una moda più sostenibile

Verso una moda più sostenibile

di Camilla Bernardoni

 

La moda è una delle industrie più inquinanti in assoluto. Nell’ambito del Festival della Green Economy, imprenditori (Camomilla Italia, Manteco, Marzotto Lab, Take Off Ltd) ed esperti del settore fashion (Francesca Romana Rinaldi), hanno dibattuto su come rendere il settore moda davvero più sostenibile.

Tracciabilità, trasparenza e circolarità: questo risulta essere il mix di ingredienti che può rivoluzionare e cambiare la filiera della moda. Il triangolo sistema moda – consumatore – governi dovrà però necessariamente fare squadra per effettuare una transizione che sarà complicata ma improrogabile. Da un lato, le aziende fashion devono progettare a monte un processo produttivo di tipo circolare e ad impatto ambientale minimo. Verosimilmente occorre che cittadini-consumatori abbandonino l’usa e getta e abbraccino la filosofia del “less is more”, cioè acquistare meno e meglio.

 

Lo scarto e l’usato come risorsa

Ridare valore a vecchi capi e ad accessori vintage, dare una seconda vita a tessuti di scarto: questa è un’azione sostenibile. 

Avendo lavorato nel settore fashion – racconta Alona Andruk, fondatrice di Take Off Ltdho visto con i miei occhi magazzini colmi di vestiti invenduti, che dopo mesi o anni sono destinati allo smaltimento. Questo mi ha portato a cercare una soluzione che desse una seconda vita alle giacenze delle industrie di moda. Così nasce Take Off: acquistiamo le rimanenze di magazzino dalle case di moda e delle società di abbigliamento, per poi distribuirle e rivenderle soprattutto nei Paesi dell’est Europa, come l’Ucraina, dove riforniamo negozi di grande metratura con articoli d’abbigliamento di alta qualità – made in Italy e di marca – ad un prezzo conveniente e sostenibile”.

Manteco nasce in seguito ad un’intuizione di mio nonno – spiega Marco Mantellassi, CEO di Mantecoche decise di rigenerare vecchi indumenti e coperte militari che altrimenti sarebbero state buttate e così, nel 1941 – quando ancora il termine sostenibilità non esisteva – creò la sua prima filatura. Ancora oggi siamo un’azienda tessile che produce filati sostenibili e tessuti di qualità per il settore moda: recuperiamo le rimanenze, le rigeneriamo, riportandole a materia prima, poi a filato e infine a tessuto. Abbiamo perseguito la stessa filosofia del nonno, quella del non buttare via niente”.

 

Tracciabilità e trasparenza nella filiera moda

È indispensabile introdurre normative che impongano regole e politiche di trasparenza e tracciabilità di filiera. La tracciabilità infatti – spiega la Prof.ssa Rinaldi, coordinatrice del Monitor for Circular Fashion SDA Bocconi School of Management e autrice del libro Fashion Industry 2030 – permette di spiegare in maniera chiara e semplice i claim di sostenibilità che troviamo sul cartellino. È necessario quindi studiare delle tecnologie che possano tracciare l’identità della fibra: ogni capo d’abbigliamento avrebbe una sorta di passaporto, in grado di informare correttamente il consumatore sul reale impatto ambientale del potenziale acquisto.

Grazie a queste preziose informazioni, i cittadini-consumatori, che hanno un ruolo attivo in questa missione, potrebbero riconoscere (e sostenere) i brand che svolgono azioni concrete in termini di sostenibilità ambientale da quelle che fanno solo greenwashing.

 

Upcycling invece del recycling

Essendo un’azienda del settore retail – spiega Ilaria Sorrentino, HR e responsabile rete vendita Camomilla Italiaabbiamo risentito molto della pandemia. A causa delle chiusure, c’è stato un drastico calo delle vendite e, di conseguenza, un aumento dei prodotti invenduti. L’accumularsi delle rimanenze in magazzino ci ha spinto quindi a cambiare il nostro modello di business e ad abbracciare un’idea di continuità e circolarità: ReMix è il nostro progetto di upcycling che, a partire dal recupero di vecchie collezioni, punta sulla rivalorizzazione dei capi invenduti e li remixa, appunto, tra loro per ideare delle nuove capsule.”

Perché Camomilla Italia ha deciso di optare per l’upcycling? Il recycling (riciclo) non sempre si rivela la via più sostenibile: prevede la lavorazione e trasformazione del prodotto/materiale di scarto per la realizzazione di un nuovo articolo. Ciò comporta un determinato consumo di energie ed emissioni, seppur minore rispetto alla produzione ex-novo. Inoltre, spesso, i prodotti riciclati non sono più riciclabili oppure sono di qualità inferiore, il che accorcia la vita del prodotto in questione e interrompe la circolarità del processo.

L’upcycling, invece, ha un impatto ambientale quasi nullo poiché consiste nel semplice recupero e nel riutilizzo creativo del rifiuto in questione (in questo caso dei vestiti).

 

Imparare dalla natura

Essere sostenibili significa privilegiare materie prime e fibre naturali – sottolinea Luca Vignaga, amministratore delegato di Marzotto Lab, azienda tessile vicentina specializzata nella produzione di tessuti sostenibili. Infatti, riciclare un capo d’abbigliamento, ad esempio, in poliestere comporta un altissimo consumo di energie ed emissioni. Ecco perché è davvero prezioso anche il contributo dei clienti: bisogna iniziare ad accettare ed apprezzare i possibili difetti naturali dei prodotti realizzati con materie prime sostenibili. Questo implica un cambio di prospettiva: non sono difetti, al contrario rendono il nostro tessuto o capo unico! Inoltre, dobbiamo tornare – proprio come facevano i nostri nonni – a prenderci cura dei capi acquistati, per contribuire ad allungare il più possibile la loro vita.

Per colorare i tessuti Marzotto Lab utilizza coloranti naturali, derivati dalle erbe. Non essendo un prodotto chimico, però, la durabilità del colore sui tessuti è minore e questo rappresenta un problema per alcuni dei suoi clienti. Marzotto Lab sta quindi investendo nella ricerca affinché si riesca a realizzare un colorante naturale fissante e di maggiore durata. Tuttavia, se si vuole andare tutti nella stessa direzione, è necessario anche un cambio di mentalità da parte di clienti e consumatori.

 

circolarità moda

 

 

FONTI:

https://www.youtube.com/watch?v=USdn4qInUSc

https://www.youtube.com/watch?v=4W4RfBBH79U

https://autoproduco.it/upcycling/

 

 

Circa l'autore

Lascia un commento

Daily News

CAMPIONI D SOSTENIBILITÁ

Raccontiamo storie di imprese, servizi, prodotti, iniziative che amano l’ambiente.
Sono storie di persone che guardano avanti. Che hanno lanciato startup, realizzato imprese di successo o si stanno impegnando in progetti di nuova generazione.

Uomini e donne convinti che un buon business deve essere sostenibile. In grado di promuovere un mondo e una società migliori.

Se ti riconosci in questa comunità e vorresti raccontare la tua storia contattaci.
Saremo onorati e lieti di ascoltarla e farla conoscere.
Contatto veloce:
WhatsApp : 328 6569148

Agenda

30/09: scadenza concorso fotografico Transizione Energetica

24/09/2021
Quello della transizione energetica è uno dei problemi ambientali più sentiti dalla nostra società. La FAST organizza dunque un concorso fotografico Il concorso della fast Show Don’t Tell, recita uno dei principi base della narrativa. Mostrare, non raccontare, per comunicare al meglio emozioni e immagini della propria storia. Principio esistente sin dall’antichità, e più valido […]
@ pagina facebook Plastic Free Onlus

26/09: Giornata Nazionale Plastic Free, puliamo assieme l’Italia

23/09/2021
Un’intera giornata alla battaglia contro la plastica, il nemico numero uno dell’ambiente: sapremo riuscirci? Cos’è la Giornata Nazionale Plastic Free? Questa è la domanda dietro alla Giornata Nazionale Plastic Free, che si terrà in tutta Italia domenica 26 settembre. L’evento è organizzato dall’omonima associazione, Onlus fondata il 29 luglio 2019, e si presenterà nella forma […]

Festival Antropologia. A Pistoia questo weekend

23/09/2021
  Dialoghi sull’uomo torna finalmente in presenza: da venerdì 24 a domenica 26 settembre si terrà la XII edizione del festival di antropologia del contemporaneo, promosso dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia e dal Comune di Pistoia, ideato e diretto da Giulia Cogoli (www.dialoghisulluomo.it). Il tema del 2021 Altri orizzonti: camminare, conoscere, […]

Water Stories

Water Video Interviste

Caricamento in corso...
Choose your language »