Seleziona Pagina

Il suono delle città. Covid19 l’ha cambiato

Il suono delle città. Covid19 l’ha cambiato

 

Meno rumore per il traffico, ma una grande rumorosità domestica e di vicinato.  La pandemia ci ha fatto scoprire che  il confine fra suono e rumore è molto più sottile di quel che pensavamo e pensiamo. Indicandoci anche la necessità di adottare nuovi strumenti di pianificazione, non calati dall’alto ma invece negoziati con gli abitanti. Rispettando i principi di “giustizia ambientale” e considerando la città come un “paesaggio sonoro”, che in quanto tale richiede cure e attenzioni sin qua raramente usate dai pianificatori, dagli urbanisti e dagli amministratori.

La pandemia ha reso le città più tranquille, ma non meno stressanti.

Questo il titolo dell’articolo di Feargus O’Sullivan , apparso su Bloomberg City Lab che può essere letto in versione integrale qui https://www.bloomberg.com/features/2021-covid-city-noise

Prima della pandemia, la strada londinese in cui vivo era un raro angolo di calma in una città rumorosa. Quando sono arrivati ​​i blocchi del 2020, quella situazione è cambiata come se avessi schiacciato un interruttore.

Andando in bicicletta nel centro di Londra, ho visto che molte strade erano deserte e tranquille. La mia strada, al contrario, sembrava diventare molto più rumorosa, anche senza il solito ronzio di macchine e aerei. Non si trattava solo della sessione settimanale ” applauso per gli assistenti ” – quando le persone applaudivano sulla soglia di casa per mostrare sostegno al Servizio sanitario nazionale – o l’occasionale sirena dell’ambulanza. Come la maggior parte dei residenti ora sempre a casa nelle loro case a schiera degli anni ’20, non ho potuto fare a meno di sentire un adolescente che urlava ai suoi giochi per computer dietro il muro del mio soggiorno, mentre i nostri vicini al piano di sopra compensavano le opportunità sociali mancate ballando ubriachi sopra le nostre teste. Accanto, due famiglie grigliavano e suonavano salsa nel loro giardino condiviso in quelle che sembravano ore inconsuete.

Gli autisti delle consegne, più impegnati con la maggior parte dei negozi chiusi, si esibivano in urla quotidiane mentre lottavano per passare sulla nostra strada stretta  (…….)

(…) Uno studio dell’University College di Londra conferma un fenomeno distinto : durante i blocchi dello scorso anno, i livelli medi di rumore sono effettivamente diminuiti in tutta Londra. C’è stato anche un drammatico cambiamento nelle lamentele per il rumore, ma non nel modo in cui ci si potrebbe aspettare. Sono aumentati di oltre il 47%, secondo un’analisi degli stessi ricercatori dell’UCL, e sono stati causati in modo schiacciante dal rumore del vicinato.

Né Londra o il Regno Unito erano un’eccezione. Sono stati segnalati aumenti dei reclami relativi al rumore dalla Nuova Zelanda al Brasile . Il traffico, di gran lunga il principale responsabile degli alti volumi di rumore urbano, potrebbe essersi calmato, ma in tutto il mondo, gli abitanti delle città reclusi si stavano chiaramente trovando l’un l’altro più irritati che mai.

Man mano che la normale vita cittadina torna lentamente, vale la pena riflettere sul fenomeno. I blocchi, sebbene stressanti, hanno dato a molti cittadini la possibilità di frequentare più da vicino l’ambiente circostante, di scoprire (o riscoprire) le loro comunità locali. Alcuni hanno ottenuto una tregua dal pendolarismo e ora intendono continuare a lavorare da casa almeno una parte della settimana . Ciò farà piacere agli urbanisti che, anche prima della pandemia, hanno cercato di integrare i luoghi disparati in cui le persone vivevano, lavoravano, facevano acquisti e si rilassavano. (Ad esempio, il modello di pianificazione ” 15-Minute City ” di Parigi immagina i residenti della città che soddisfano tutte le loro esigenze immediate a pochi passi.)

Il risultato di tutto ciò potrebbe essere un minor numero di spostamenti pendolari, ma anche un maggiore attrito, non solo tra i vicini, ma tra i residenti e le imprese della zona  (…) il suono sembra una parte fondamentale del ripensamento urbano post-pandemia. Oltre determinate soglie, il rumore può causare danni fisici reali: i ricercatori lo hanno collegato a perdita dell’udito, stress, ipertensione e altri mali. Ma la maggior parte delle volte, la semplice riduzione del volume del rumore in uno spazio, come suggerisce l’esperienza del lockdown, non rende di per sé le persone più in pace con l’ambiente circostante.

Se vogliamo promuovere un ambiente acustico in cui i cittadini possano coesistere felicemente, e dobbiamo crederci, dovremmo cambiare il nostro approccio. Invece della tendenza a fissarci sulla quantità di suono nel nostro ambiente, dovremmo pensare molto di più alla sua qualità.

Seguiremmo una scuola di pensiero corrente tra molti ricercatori e teorici dell’acustica: l’approccio al paesaggio sonoro. Può aiutarci a pensare con più sfumature su come dovrebbero suonare le città e su come  (…) sta influenzando la pianificazione a BerlinoValencia, Limerick, nel  distretto finanziario di Londra, la City .

(…) Un modo più deliberato di gestire il suono potrebbe aiutare a rivitalizzare le vie dello shopping inondate dal rumore del traffico e placare i residenti vicino agli stadi e ad altri luoghi dove si radunano folle rumorose. Per non parlare del fatto che i datori di lavoro che vogliono attirare i lavoratori esitanti verso gli uffici open space probabilmente troveranno il loro compito più facile se pensano un po’ più attentamente all’ambiente sonoro che piace davvero alle persone.

Secondo Francesco Aletta, ricercatore presso la Bartlett School of Architecture dell’UCL, valutare un ambiente acustico esclusivamente come rumoroso o silenzioso è come “giudicare una zuppa solo dalla sua temperatura. Certo, se fa troppo caldo, devi saperlo”, dice. “Ma se vuoi pensare alle spezie, al sapore, hai bisogno di un approccio diverso”.

Ciò significa immergersi in profondità in un bacino di soggettività, poiché gli atteggiamenti nei confronti del suono variano ampiamente in base all’età, alla classe, al background culturale e alle capacità uditive. Molti fattori oltre al volume determinano il grado di piacere o di angoscia che un suono ci dà.

Il boom di un’orchestra dal vivo può raggiungere i 100 decibel, all’incirca lo stesso volume di alcuni martelli pneumatici. Ma è un suono che molti amano. È pensato per piacere e il pubblico ha scelto attivamente di ascoltarlo per un periodo di tempo concordato. Al contrario, una persona potrebbe essere torturata dal suono molto più debole di un allarme antifumo in un appartamento vuoto della porta accanto, atroce perché è inevitabile e senza fine.

Allontanandosi dal semplice volume, i ricercatori del paesaggio sonoro potrebbero chiedersi se un ambiente è “movimentato” o “senza incidenti” e se le persone quello spazio lo trovano piacevole o meno. Questi due assi, piacevole/sgradevole e ricco di eventi/senza incidenti, descrivono più da vicino l’effettiva esperienza vissuta del suono. Un parco tranquillo in una giornata di sole è un paesaggio sonoro “senza incidenti” che è percepito quasi universalmente come piacevole, mentre una strada notturna deserta, ugualmente tranquilla, può sembrare sgradevole perché sembra pericolosa. Allo stesso modo, una strada trafficata “movimentata” da un traffico sostenuto è sgradevole per la maggior parte delle orecchie, ma un vivace mercato di strada con un buon musicista di strada potrebbe sembrare delizioso.

Il problema per gli urbanisti è che non tutti sono d’accordo su cosa sia un ambiente sonoro piacevole, in termini di volume o di profili sonori. Le persone in un sobborgo nordamericano potrebbero essere infastidite dai volumi percepiti come normali dagli abitanti delle città in Cina. Eppure potrebbero anche esitare davanti all’alto grado di calma apprezzato in Svizzera, dove una legge federale scoraggia le persone dal fare lavori più rumorosi come passare l’aspirapolvere e fare il bucato durante la sera e l’ora di pranzo, la domenica e i giorni festivi.

Non c’è consenso nemmeno sui tipi di suoni che sono invadenti. La ricerca che ha confrontato il Regno Unito con la Cina e Taiwan ha riscontrato differenze marcate . Quando ai residenti di Sheffield, in Inghilterra, è stato chiesto quali suoni preferivano provenire dall’esterno nella loro zona giorno, il 71,4% degli intervistati ha scelto il canto degli uccelli e nessuno ha scelto la musica. Quando la stessa domanda è stata posta ai residenti di Pechino, il 60% ha scelto prima la musica e solo il 17,5% ha scelto il canto degli uccelli.

Potrebbe non riguardare nemmeno i suoni stessi, suggerisce un coautore di quello studio del 2013, Jian Kang, professore di acustica all’Università di Sheffield. La musica pubblica può connotare l’armonia della comunità in Cina, un’associazione che nasce da attività come il ballo di piazza, che è particolarmente popolare tra gli anziani. E mentre gli uccelli hanno associazioni positive con lo spazio verde nel Regno Unito, dice Kang, a Pechino, alti livelli di inquinamento significano che gli uccelli urbani non sono necessariamente percepiti come bucolici. “Non si tratta del suono del canto degli uccelli in sé, si tratta di ciò a cui sono associate le fonti del canto degli uccelli”.

Possono anche emergere differenze di classe ed età. Un altro studio, co-autore di Kang, ha scoperto che i giovani di Sheffield apprezzano la tranquillità nei loro dintorni in modo significativamente inferiore rispetto alle persone anziane. E più alti erano i valori delle proprietà di un’area a Sheffield, più era probabile che i residenti considerassero importante la quiete. Anche Londra mostra una chiara correlazione tra la ricchezza relativa di un’area e il numero di reclami per rumore che genera: il maggior numero per residente è alloggiato nel suo quartiere più ricco, Kensington e Chelsea.

Questa non è una prova che le persone con un reddito più basso badino meno al rumore. Le differenze generazionali e sociali “pongono interrogativi sulla giustizia ambientale”, afferma Aletta. “Forse se vivi in ​​una zona più degradata che ha altri problemi seri, il rumore non è una priorità, ma se vivi in ​​una zona leggermente più ricca, allora potresti essere più propenso a [lamentarti], perché vedi il rumore come una violazione della tua privacy”. Una cultura della pianificazione guidata da lamentele rumorose può favorire i gusti e i desideri di coloro che hanno un più stretto accesso al potere – i più anziani e i più ricchi – mentre svantaggia i giovani, i poveri e le persone appartenenti a minoranze etniche e razziali.

L’idea di usare un suono per mascherarne un altro non è nuova. Progettisti e costruttori hanno aggiunto suoni per migliorare gli ambienti per millenni, piantando alberi che attirano uccelli canori e installando fontane negli spazi pubblici per renderli più riposanti. L’uso delle fontane per mascherare il rumore del traffico automobilistico risale almeno agli anni ’60, quando il Paley Park tascabile di Manhattan fu progettato con una cascata che si scrosciava per attutire il rumore proveniente dalla 53a strada.

Abbracciare semplicemente alcuni rumori come desiderabile può aumentare gli affari. Questo è il pensiero alla base della strategia della City di Londra che protegge e incoraggia il suono delle campane delle chiese come indicatore chiave dell’identità storica dell’area e incoraggia i lavoratori locali a fare “passeggiate sonore” per valutare l’ambiente circostante. Il quartiere è diventato più vivace negli ultimi anni, con pub e locali aperti più tardi in un’area precedentemente evitata dopo il tramonto.

Di recente, le città hanno sperimentato l’aggiunta o la trasformazione elettronica dei suoni. Nel 2016, il Royal Melbourne Institute of Technology australiano ha cercato di rendere più attraenti due parchi a Sydney e Melbourne, entrambi fiancheggianti le autostrade, eseguendo il rumore del traffico attraverso un software di elaborazione. I suoni raccolti dai microfoni nelle barriere antirumore sono stati convertiti in rumori più ovviamente piacevoli, alludendo in modo astratto al suono delle onde impetuose o allo sfregamento del bordo di un bicchiere. Questi sono stati poi trasmessi a basso volume tramite altoparlanti. La sovrapposizione  al rumore dei veicoli ha cambiato le abitudini locali: i residenti nelle vicinanze hanno improvvisamente scoperto la possibilità di lasciare le finestre aperte e il preside di una scuola elementare vicino a uno dei parchi ha detto che gli alunni alunni potrebbero usarlo come spazio ricreativo per il prima volta.

Lo strumento principale dell’approccio al paesaggio sonoro è stato inventata alla fine degli anni ’60, quando il compositore R. Murray Schafer lanciò il World Soundscape Project (WSP) alla Simon Fraser University di Vancouver, invitando le persone  ad ascoltare attentamente mentre attraversavano uno spazio, quindi a discutere le loro impressioni. Inizialmente una forma di attivismo per evidenziare l’inquinamento acustico, secondo la pioniera e compositrice del WSP Hildegard Westerkamp ,(…..)è diventata anche “un’opportunità per ascoltare l’ambiente”.

Una passeggiata sonora nel mio quartiere dopo il lockdown mi ha fornito un’immagine diversa da quella che mi ero formata quando tutti lavoravano da casa. La cosa più sorprendente era il ronzio del traffico in sottofondo, perché non era affatto un ronzio quando ascoltavo attentamente.

Il rumore del traffico che ho sentito era un insieme sfacciato di strumenti mal armonizzati: autobus a due piani rumorosi, il ronzio acuto degli scooter, il rombo dei camion. Anche una sola macchina,  fa molti rumori. Le ruote sibilano, gli assi cigolano e il motore brontola, con un tono diverso ad ogni manovra  (…)

▲ Il traffico stradale è di gran lunga il principale responsabile degli alti livelli di rumore urbano. AUDIO: TRISTAN KASTEN-KRAUSE

Il miglior esempio fino ad oggi di un progetto di soundscape realizzato è la Nauener Platz di Berlino, una piazza poco attraente in un incrocio trafficato, ridisegnata in collaborazione tra i residenti locali e l’Università tecnica di Berlino nel 2012. Registrando le loro impressioni attraverso passeggiate sonore, la gente del posto ha richiesto suoni più naturali e riduzione del rumore che non bloccassero la vista con muri alti,  (….)  Queste aree sono diventate isole tranquille in cui il rumore ambientale è stato sovrapposto a suoni naturali come il canto degli uccelli o il rumore dei sassi. Mentre il rumore del traffico era ancora presente, più famiglie sono tornate nella piazza, che è diventata abbastanza tranquilla da ospitare una terrazza del caffè.

Poiché riconosce la differenza culturale e sociale, la pianificazione del paesaggio sonoro evidenzia come le negoziazioni su questioni di suono possono costruire una maggiore armonia del vicinato. “Una volta un collega mi ha detto che i buoni rapporti con la comunità valgono quanto una riduzione del rumore di 10 decibel”, afferma Aletta. “Quello che non piace alla gente è che i paesaggi sonori vengano loro imposti”. (…. )

Se i governi locali e i gestori di proprietà consultassero coloro che utilizzano di più i loro spazi, farebbero solo ciò che i vicini hanno sempre fatto. La mia esperienza personale suggerisce quanto buone relazioni comunitarie possono fare per rendere più sopportabile il suono delle altre persone. Un mercoledì dell’estate scorsa, i miei vicini hanno organizzato una festa in giardino in famiglia durante un pomeriggio troppo caldo per tenere le finestre chiuse. Incapace di sentire le chiamate di lavoro, mi sono sporto dalla finestra  e ho chiesto loro se potevano mantenere le cose tranquille fino alle 18:00. Non capendomi, hanno fatto l’opposto di quello che ho suggerito: hanno mantenuto la musica a tutto volume, poi l’hanno spenta alle 6 in punto.

Non ha salvato la mia giornata lavorativa, ma mi ha comunque sciolto il cuore. La famiglia voleva chiaramente essere un buon vicino e stava solo cercando di divertirsi un po’ in un momento difficile. Sentire che avrei potuto negoziare una via di mezzo con loro se avessi avuto bisogno mi ha fatto sentire meglio.

Le città, le imprese e gli urbanisti (devono) evitare un approccio universale e sviluppare politiche sul rumore che mettano in primo piano le relazioni della comunità rispetto a semplici misurazioni quantitative. Le città possono a volte scuotere i nostri timpani, ma se ti sintonizzi con attenzione, i suoni che producono possono essere belli.

 

Circa l'autore

Lascia un commento

Daily News

CAMPIONI D SOSTENIBILITÁ

Raccontiamo storie di imprese, servizi, prodotti, iniziative che amano l’ambiente.
Sono storie di persone che guardano avanti. Che hanno lanciato startup, realizzato imprese di successo o si stanno impegnando in progetti di nuova generazione.

Uomini e donne convinti che un buon business deve essere sostenibile. In grado di promuovere un mondo e una società migliori.

Se ti riconosci in questa comunità e vorresti raccontare la tua storia contattaci.
Saremo onorati e lieti di ascoltarla e farla conoscere.
Contatto veloce:
WhatsApp : 328 6569148

Agenda

30/09: scadenza concorso fotografico Transizione Energetica

24/09/2021
Quello della transizione energetica è uno dei problemi ambientali più sentiti dalla nostra società. La FAST organizza dunque un concorso fotografico Il concorso della fast Show Don’t Tell, recita uno dei principi base della narrativa. Mostrare, non raccontare, per comunicare al meglio emozioni e immagini della propria storia. Principio esistente sin dall’antichità, e più valido […]
@ pagina facebook Plastic Free Onlus

26/09: Giornata Nazionale Plastic Free, puliamo assieme l’Italia

23/09/2021
Un’intera giornata alla battaglia contro la plastica, il nemico numero uno dell’ambiente: sapremo riuscirci? Cos’è la Giornata Nazionale Plastic Free? Questa è la domanda dietro alla Giornata Nazionale Plastic Free, che si terrà in tutta Italia domenica 26 settembre. L’evento è organizzato dall’omonima associazione, Onlus fondata il 29 luglio 2019, e si presenterà nella forma […]

Festival Antropologia. A Pistoia questo weekend

23/09/2021
  Dialoghi sull’uomo torna finalmente in presenza: da venerdì 24 a domenica 26 settembre si terrà la XII edizione del festival di antropologia del contemporaneo, promosso dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia e dal Comune di Pistoia, ideato e diretto da Giulia Cogoli (www.dialoghisulluomo.it). Il tema del 2021 Altri orizzonti: camminare, conoscere, […]

Water Stories

Water Video Interviste

Caricamento in corso...
Choose your language »