Seleziona Pagina

Le città più green al mondo. Quali sono?

Le città più green al mondo. Quali sono?

E’la classifica delle principali economie del pianeta (76 paesi) parametrate
sui loro progressi e impegni a costruire un futuro a basse emissioni di carbonio.
Il The Green Future Index 2021 è stata curato dal MIT Technology Review Insights
e sponsorizzato da Salesforce, Citrix, and Morgan Stanley.

Qui di seguito il sommario
il report completo lo potete scaricare qui

https://mittrinsights.s3.amazonaws.com/GFI/Report2021.pdf

Sotto l’aspetto dell’emergenza climatica globale, il2020 può essere visto come un momento decisivo, in cui gli eventi globali hanno catalizzato governi, imprese e cittadini nell’adottare misure decisive per tenere sotto controllo le emissioni di carbonio e dare speranza che il riscaldamento globale potrebbe essere limitato a 1,5-2 ° C rispetto ai livelli preindustriali.

La campagna shock-and-awe della natura sta funzionando. Incendi, tempeste e inondazioni hanno devastato vite e mezzi di sussistenza nei paesi ricchi e poveri, con i primi 10 disastri naturali del 2019 che hanno generato perdite per circa $ 140 miliardi.

La dimostrazione più spettacolare della forza della natura è stata il covid-19, che da un lato ha aumentato la consapevolezza sull’interconnessione della biodiversità e degli habitat con il clima, la salute umana e la prosperità globale e su altri ha creato una serie unica di circostanze che hanno permesso ai governi di concentrarsi sulla ricostruzione delle loro economie attraverso investimenti in tecnologie pulite, infrastrutture, trasporti e industria.

Il Green Future Index è una classifica di 76 nazioni e territori leader in base ai loro progressi e al loro impegno verso la costruzione di un futuro a basse emissioni di carbonio, tenendo conto degli sforzi per frenare le emissioni compiuti negli ultimi anni e dei rinnovati impegni politici verso la neutralità del carbonio e il grado in cui i pacchetti economici  di recupero pandemico si rivolgono alle industrie verdi. L’indice consolida i punteggi assegnati a ciascun paese o territorio attraverso cinque indicatori: emissioni di carbonio, transizione energetica, società verde, innovazione pulita e politica climatica. I principali risultati sono i seguenti:

• L’Europa fornisce 15 dei primi 20 paesi in indice. Al primo posto c’è l’Islanda, che mira a essere carbon neutral entro il 2040. L’Islanda è diventata leader mondiale nella produzione di energia pulita e nella tecnologia  di cattura del carbonio. Nel dicembre 2020, la Danimarca (2a) è diventata il più grande produttore di idrocarburi in Europa a smettere di rilasciare nuove licenze di esplorazione di petrolio e gas, con l’obiettivo di eliminare le attività legate ai combustibili fossili entro il 2050.2 Anche la Norvegia (3a) sta cercando di disaccoppiare la sua economia dai combustibili fossili.

• I paesi non europei nella top 20 includono Costa Rica (7°) e Nuova Zelanda (8°). Entrambi hanno fatto passi da gigante con le energie rinnovabili e hanno programmi leader a livello mondiale per la decarbonizzazione in tutta l’industria e l’agricoltura. Altrove, Canada (14 °), Singapore (16 °) e Uruguay (20 °) hanno strategie per la decarbonizzazione, la transizione delle fonti energetiche e iniziative guidate dal governo per promuovere la vita verde, come il Masterplan Zero Waste di Singapore, che include la riduzione dei rifiuti inviati all’unica discarica del paese del 30% da qui al 2030.

• I paesi classificati da 21 a 40 formano “il centro di inverdimento”. L’India (21°), pur avendo un alto tasso di crescita delle emissioni, sta anche rapidamente adottando le energie rinnovabili e ha costruito alcuni dei più grandi impianti solari del mondo. Marocco (26°), Corea del Sud (31°) e Israele (38°) hanno politiche climatiche ambiziose e sono pronti a migliorare i loro punteggi nei prossimi anni. Altri, tra cui la Colombia (25°) e l’Australia (35°), hanno agende sul cambiamento climatico, ma queste sono in contrasto con la dipendenza delle loro economie dagli idrocarburi. Gli Stati Uniti (40 °) hanno ridotto le emissioni negli ultimi anni  e producono quasi un quinto dei brevetti verdi del mondo, ma stanno lottando lentamente per allontanarsi dai combustibili fossili e dall’agricoltura ad alta intensità di carbonio.

• In fondo all’indice ci sono ” ritardatari climatici “e ” astenuti climatici “. I ritardatari includono il Sudafrica (47°), il Vietnam (49°) e l’Indonesia (57°), dove la pressione per sviluppare l’economia è in contrasto con i programmi di decarbonizzazione. Il Giappone (60°) ha l’obiettivo di essere carbon neutral entro il 2050, anche se il governo ha ancora obiettivi bassi per la sua transizione verso le energie rinnovabili. I 16 paesi “astenuti” in fondo includono petrostati (Arabia Saudita, Iran e Qatar), territori ricchi senza una politica di sviluppo sostenibile (Hong Kong) e Russia, un paese che vede in gran parte la decarbonizzazione come una minaccia esistenziale al suo progresso economico.

Circa l'autore

Lascia un commento

Daily News

CAMPIONI D SOSTENIBILITÁ

Raccontiamo storie di imprese, servizi, prodotti, iniziative che amano l’ambiente.
Sono storie di persone che guardano avanti. Che hanno lanciato startup, realizzato imprese di successo o si stanno impegnando in progetti di nuova generazione.

Uomini e donne convinti che un buon business deve essere sostenibile. In grado di promuovere un mondo e una società migliori.

Se ti riconosci in questa comunità e vorresti raccontare la tua storia contattaci.
Saremo onorati e lieti di ascoltarla e farla conoscere.
Contatto veloce:
WhatsApp : 328 6569148

Agenda

Poster conferenza Europa

10-12 dicembre: Festival d’Europa a Firenze

03/12/2021
Dal 10 al 12 dicembre sarà possibile seguire il Festival d’Europa. Il tema dell’anno? Firenze, e il ruolo che questa potrebbe svolgere nel futuro dell’Unione Europea.  Si tratta di quattro diversi panel, di cui il secondo è in corso adesso, dedicato ai cittadini d’Europa e il futuro dell’Unione, di cui la riunione finale si terrà […]
poster News ProgEU

9-10 dicembre: EU Agricultural Outlook

03/12/2021
Tra il 9 e il 10 dicembre si terranno le due date della conferenza EU Agricultural Outlook, giunta alla sua ottava edizione.  La conferenza si pone verso l’agricoltura con uno sguardo rivolto al futuro, in un mondo che abbia ormai superato il Covid-19 e che si impegni ad andare avanti. La data designata è quella […]
© twitter

”Storie di Risorgimento #Digitale”, il 6 dicembre la conferenza stampa.

03/12/2021
Si terrà il 6 dicembre la conferenza stampa dedicata alla tematica del risorgimento digitale, promossa dalla Rai.  Sarà dedicata alla tecnologia e all’ambizione da parte dell’Italia, e il desiderio di superare il gap tra il nostro paese e il resto dell’Europa. Diffondere competenze, capacità di base e know-how funzionale, avanzando l’Italia tecnologicamente sia in telematica […]

Water Stories

Water Video Interviste

Caricamento in corso...
Choose your language »