Seleziona Pagina

Ravenna: attivisti di Greenpeace scrivono e disegnano sui silos

Ravenna: attivisti di Greenpeace scrivono e disegnano sui silos

Una sorpresa di metà mattina per i portuali di Ravenna e i cittadini tutti. Attivisti internazionali di Greenpeace si sono arrampicati sui silos di una compagnia agricola e stanno realizzando delle opere di denuncia contro la deforestazione.

Costa sta facendo Greenpeace ai silos di Ravenna?

L’Italia ha un primato poco invidiabile in termine di ambientalismo, anche se poco discusso. Siamo infatti i quarti in Europa per importazione di soia per l’agricoltura intensiva – preceduti dai Paesi Bassi, dalla Germania e dalla Spagna – e nessuno sembra rendersi conto del problema ambientale che questa tendenza rappresenta. Quasi nessuno, almeno fino ad oggi.

È Greenpeace Italia ad annunciare l’azione in corso, che sta portando scompiglio ai silos presenti sul porto di Ravenna. Un’opera d’arte distruttiva, una sorte di Christo in scala ridotta, portata avanti da un gruppo di attivisti della stessa Greenpeace. Chi si presenta al porto può ora trovarsi davanti a un immenso murale, alto sopra la decina di metri e largo poco meno il doppio, raffigurante una foresta pluviale in fiamme. Un giaguaro e un’ara rossa scappano dalle fiamme verso gli alberi. Alle spalle dei due animali, illuminate dalla luce della luna piena, si stagliano tre ruspe nere intente a distruggere tutto quello che passa sul loro cammino. Accanto al murale, gli attivisti hanno appeso una gigantesca scritta nera, in verticale, con lettere alte quanto una persona. “Contiene Foreste”, recita l’annuncio, in riferimento alla soia contenuta nel silo.

La deforestazione uccide

Greenpeace accompagna la sua attività con gli hashtag #forestsarelife e #stopallevamentiintensivi. Il silo colpito è di proprietà dell’agenzia Bunge Italia Spa, divisione della compagnia agricola Bunge Limited. Questa compagnia, a sua volta, ottiene la sua soia tramite agenzie come Agronegocio Estrondo, spesso responsabili di atti di deforestazione su larga scala. Per fare infatti spazio ai loro campi di soia e altri cereali, molto richiesti per il crescente consumo di prodotti vegani e sintetici, le agenzie agricole bruciano ampi ettari di foresta e causano uno sfollamento non solo di vita animale, ma anche umana.

Per limitare l’accesso delle autorità al silo e permettere ai loro attivisti di completare il lavoro, altri attivisti si sono incatenati all’ingresso della struttura. Portano con sé un “ospite” insolito: la statua di un maiale, poco più alto di una persona, realizzata in iuta e legno riciclato. L’animale sintetico è diventato immediatamente un oggetto da selfie e calamita l’attenzione prima delle scritte. Che però, quando saranno complete, lasceranno di certo una forte impressione.

Qui altri articoli sulle attività di Greenpeace.

Circa l'autore

Lascia un commento

DAILY NEWS

Agenda

EMERSIONI: la presentazione a “Non Rassegnamoci”

21/11/2022
Martedì 22 novembre alle 18.30, alla Chiesetta del Parco Trotter (Via mosso 7), ci sarà il terzo appuntamento di Storie, la rassegna letteraria di Municipio 2 curata da Potlatch all’interno della rassegna “Non Rassegnamoci”. Durante l’evento verrà presentata la rivista Emersioni. Emersioni è una rivista digitale e gratuita per parlare di cose difficili dando voce […]

Unapol a Gustus 22 Expo Sapori Mediterranei 

19/11/2022
Unapol – Unione Nazionale Associazioni Produttori Olivicoli sarà presente a Napoli nei giorni 20, 21 e 22 Novembre presso i padiglioni di Gustus 2022, il Salone Professionale dell’Agroalimentare, Enogastronomia e Tecnica che quest’anno giunge alla sua VIII Edizione.   “Gustus rappresenta un evento di rilevanza strategica per il settore agroalimentare e dell’enogastronomia – commenta Tommaso Loiodice, Presidente Unapol – non solo del Sud Italia, ma può e […]

Po fiume d’Europa, Parma capitale italiana delle acque. Mito, Identità, Futuro

16/11/2022
Nell’ambito della ricerca interdisciplinare Po fiume d’Europa, Parma capitale italiana delle acque. Mito | Identità | Futuro, promossa nel 2019 dall’Università di Parma insieme ai quattro Enti di governo del fiume Po e del suo bacino idrografico che hanno sede a Parma –l’Agenzia interregionale per il fiume Po (AIPo), l’Autorità di Bacino distrettuale del fiume Po […]

CAMPIONI D SOSTENIBILITÁ

Raccontiamo storie di imprese, servizi, prodotti, iniziative che amano l’ambiente.
Sono storie di persone che guardano avanti. Che hanno lanciato startup, realizzato imprese di successo o si stanno impegnando in progetti di nuova generazione.

Uomini e donne convinti che un buon business deve essere sostenibile. In grado di promuovere un mondo e una società migliori.

Se ti riconosci in questa comunità e vorresti raccontare la tua storia contattaci.
Saremo onorati e lieti di ascoltarla e farla conoscere.
Contatto veloce:
WhatsApp : 328 6569148

Water Video Interviste

Caricamento in corso...
Choose your language »