Seleziona Pagina

Inquinamento natalizio: cos’è e come rimediare

Inquinamento natalizio: cos’è e come rimediare

È la seconda settimana d’Avvento. Le lucine splendono per le strade, i negozi sfoggiano addobbi e ghirlande, e i bambini in giro per l’Italia iniziano a scrivere le loro letterine per Babbo Natale. Un’occasione di festa, divertimento e spensieratezza – ma senza mai esagerare.

Il periodo natalizio detiene infatti il triste primato di generare, più degli altri periodi dell’anno, sprechi inutili e ingiustificati. Tali sprechi ricoprono vari ambiti dell’esistenza e del quotidiano e possono causare un ingente danno ambientale se non tenuti sotto controllo. Ecco alcuni degli esempi più diffusi. 

I maglioni di natale: inquinano?

Sorprendentemente incriminati sono i celebri “maglioni brutti di Natale”. Anche chi ha la “fortuna” di non possederne uno è familiare col tipo di indumento: i golf dai colori accesi e dalla forma sovrabbondante, con disegnati sopra abeti, angioletti e renne dal naso rosso. Sembrerebbero fatti di lana, ma non lo sono. Contengono spesso l’acrilico, un materiale sintetico di origine plastica, che come tutte le stoffe di tale genere tende a rilasciare grandi quantità. Le microplastiche, spesso così piccole da non essere visibili a occhio nudo, si accumulano poi negli oceani e inquinano la vita marina. 

Come tutti i prodotti di fast fashion, legati a festività nazionali, i maglioni kitsch natalizi sono tra gli indumenti più acquistati, ma meno indossati, degli acquirenti dell’abbigliamento. Se volete fare regali ai vostri cari affidatevi ad altre idee, anche d’abbigliamento. Oppure, se è tradizione regalare uno di questi maglioni, si consiglia di rivolgersi a un piccolo produttore o realizzarli di persona, mantenendosi sulla lana naturale. 

L’inquinamento luminoso ed elettrico 

La tradizione delle luminarie natalizie rappresenta un’altra notevole fonte non solo di inquinamento festivo, ma anche di consumo. Dipende però dal tipo di lucina utilizzato: ne esistono di due tipi, a incandescenza e a led, e uno dei due consuma molto più dell’altro offrendo una facile soluzione. Le lucine natalizie di uso comune, a incandescenza, tendono a consumare trenta watt di potenza e a surriscaldarsi. Rischio scongiurato con le lucine a LED, più costose ma anche più sicure. Consumano un decimo della potenza delle succedanee: solo tre watt. 

Il fenomeno dell’inquinamento luminoso è una problematica molto estesa soprattutto negli Stati Uniti, in cui l’illuminazione casalinga aumenta del 50% tra il Ringraziamento e Capodanno. L’abitudine di illuminare a giorno le case – trattata in modo satirico anche in film come Il Grinch – è ormai un elemento cruciale della cultura pop, nel bene e nel male. Negli USA, inoltre, le luminarie natalizie presentano allo stesso tempo una spina e una presa elettrica ad estremi opposti, in modo da collegare l’una all’altra in un unico, lungo filo. Alcuni negozi di elettronica vendono a tale scopo anche dei cavi elettrici terminanti in due spine, ma si sconsiglia l’acquisto: possono causare sovraccarichi, corti e incendi, oltre a rappresentare un grosso rischio per la salute. Un’abitudine che, si spera, non verrà mai importata da noi. 

La carta da pacchi: gli scarti dello scartare 

Non manca infine l’inquinamento più tradizionale, quello dei rifiuti di carta e di plastica. Particolarmente nociva è la carta da pacchi, che secondo un sondaggio di Greenpeace è responsabile dell’emissione di 3,5 kg di CO2 per chilo di carta. Questo senza considerare le quantità che vengono gettate, che spesso contaminano i bidoni della carta con materiale estraneo presente nei pacchetti – soprattutto plastica. 

Un metodo consigliato da Focus per controllare se la carta da pacchi in questione è stringerla in una palla e vedere se si riapre: se rimane appallottolata è carta autentica, ma se la palla si schiude vuol dire che contiene plastica e va buttata altrove. Evitare inoltre di mischiare alla carta materiali come i nastri da pacco – spesso fatti di plastica – il nastro adesivo, i fiocchi e la carta sporca o macchiata. Sono gesti semplici, ma come si dice: a Natale basta un gesto per fare tanto. 

Qui per altri consigli di riciclaggio: Come funziona la raccolta della plastica?

Circa l'autore

Lascia un commento

Daily News

CAMPIONI D SOSTENIBILITÁ

Raccontiamo storie di imprese, servizi, prodotti, iniziative che amano l’ambiente.
Sono storie di persone che guardano avanti. Che hanno lanciato startup, realizzato imprese di successo o si stanno impegnando in progetti di nuova generazione.

Uomini e donne convinti che un buon business deve essere sostenibile. In grado di promuovere un mondo e una società migliori.

Se ti riconosci in questa comunità e vorresti raccontare la tua storia contattaci.
Saremo onorati e lieti di ascoltarla e farla conoscere.
Contatto veloce:
WhatsApp : 328 6569148

Agenda

Paga con la carta di credito e tuteli le foreste

24/06/2022
,Flowe – B Corp che mira a educare i giovani sui temi dell’innovazione e della sostenibilità economica, sociale e ambientale – ha redatto insieme all’agronomo Guido Cencini un vademecum di approfondimento sui 5 benefici che apportano a più livelli le piante. Iniziatva lanciata in concomitanza con la Giornata della foresta pluviale. Flowe pone inoltre l’attenzione sulla campagna Freshback, attiva fino al 30 giugno. Con la collaborazione […]

Marsala: al via la seconda edizione del KiteFest

21/06/2022
di Gloria Nobile   Sport, musica, enogastronomia, arte e natura: ecco cosa succede quando il talento incontra l’occasione. Quest’anno a Marsala, sulla costa occidentale della Sicilia, la stagione turistica si apre con la seconda edizione del KiteFest che avrà luogo dal 26 giugno al 3 luglio nella Laguna dello Stagnone. Lo straordinario successo della prima […]

Trekking inclusivo. Partito il Cammino di San Vili

21/06/2022
Il gruppo di camminatori vedenti e non vedenti hanno inaugurato la Special Week. Da oggi al 26 giugno cammineranno insieme per 100 km lungo lo storico cammino tra Madonna di Campiglio e Trento. Un’esperienza in mezzo alla natura e molti eventi, per scoprire che la disabilità può essere un valore aggiunto Madonna di Campiglio, 21 […]

Water Stories

Water Video Interviste

Caricamento in corso...
Choose your language »