Seleziona Pagina

Perle di plastica per salvare i cetacei

Perle di plastica per salvare i cetacei

La tanto vituperata plastica, nemica numero 1 del mare e degli oceani potrebbe nel caso prospettato dagli scienziati salvare migliaia di cetacei che ogni anno finiscono nelle reti dei pescatori impigliandosi e non riuscendo più a districarsi. Semplici, piccole e leggere perline di materiale polimerico potrebbero infatti essere adattate e utilizzate per una risonanza ottimale da parte delle diverse specie.  Che attualmente non riescono a sentire e quindi evitare le reti da pesca. 

L’articolo è apparso su The Guardian, di Kurt de Swaaf, mer 29 dic 2021 

Semplici perline di plastica potrebbero salvare la vita di alcune delle migliaia di focene e altri cetacei che ogni anno vengono catturati nelle reti da pesca, affermano gli scienziati.

Le focene usano l’ecolocalizzazione per trovare la loro preda e per orientarsi. Tuttavia, i loro segnali acustici non riescono a captare le maglie di una rete da imbrocco e, di conseguenza, spesso rimangono intrappolati.

Daniel Stepputtis, un biologo marino presso il Thünen Institute of Baltic Sea Fisheries a Rostock, in Germania, afferma che una focena noterà galleggianti e cime, “ma quando rileva due ostacoli con pochi metri di spazio in mezzo, ovviamente pensa ‘posso passare di là’”.

Stepputtis e i suoi colleghi hanno escogitato un nuovo ed elegante concetto per rendere visibili le reti ai mammiferi acquatici utilizzando l’ecolocalizzazione. Si adattano alle reti con perline trasparenti in vetro acrilico. Il materiale ha all’incirca la stessa densità dell’acqua, quindi non aggiunge quasi nessun peso extra all’attrezzatura da pesca. Ma quando viene colpito dal biosonar, il polimero invia un’eco straordinariamente forte, avvertendo gli animali che c’è qualcosa in arrivo.

I primi test della tecnologia, condotti al largo dell’isola danese di Funen nel Baltico occidentale, hanno mostrato risultati promettenti. La caccia alle focene nell’area è stata tenuta lontana da una rete dotata di perline. I ricercatori hanno registrato i segnali acustici degli animali, il che dovrebbe fornire maggiori informazioni sulle loro esatte risposte comportamentali.

Tuttavia, il metodo potrebbe presentare alcune limitazioni. Gli scienziati hanno condotto un’altra serie di test nel Mar Nero, dove la pesca del rombo produce una grande cattura accessoria di focene. A volte ne muoiono più di una dozzina in un giorno, dice Stepputtis. I ricercatori hanno effettuato 10 cale ciascuno con una rete da imbrocco standard e una rete munita di perline. Cinque focene sono state uccise nelle reti standard e due nelle reti modificate.

Stepputtis suggerisce che gli animali impigliati potrebbero essere stati addormentati. Le focene dormienti continuano a nuotare, ma solo occasionalmente accendono il loro biosonar. Per questo motivo, Stepputtis e colleghi stanno utilizzando anche un nuovo dispositivo di avviso acustico che emette segnali di allerta per focene sintetiche. Nelle prove sul campo, il dispositivo ha ridotto le catture accessorie di quasi l’80% .

Le perline polimeriche possono essere adattate per una risonanza ottimale alle frequenze utilizzate dalle diverse specie. Stepputtis afferma che dovrebbe essere in grado di adattarsi a tutte le specie che utilizzano l’ecolocalizzazione, incluso il delfino del Rio delle Amazzoni. La combinazione dei due concetti ha il potenziale per salvare migliaia di animali, affermano gli scienziati.

Ogni anno milioni di delfini, tartarughe, uccelli marini e altra fauna marina muoiono in vari tipi di attrezzi da pesca. Gli esperti stimano che il bilancio annuale totale per le specie di balene ammonti a circa 300.000.

Le catture incidentali rappresentano una seria minaccia per la sopravvivenza di varie specie. La pesca illegale con reti da posta nel Golfo della California ha ridotto le focene sull’orlo dell’estinzione , mentre nell’Atlantico nord-occidentale, le balene in pericolo di estinzione sono anch’esse vittime delle attrezzature per la pesca calate in mare

Circa l'autore

Lascia un commento

DAILY NEWS

Agenda

Mini Digital Festival: è aperto il contest “Cronaca locale in formato web&social”

30/09/2022
Un’occasione per mettersi in mostra dedicata ai giovani reporter. Gli studenti di scuola superiore e universitari potranno partecipare inviando un reel o un breve video dalla durata massima di un minuto e mezzo, al contest “Cronaca locale in formato web&social”. Il contenuto deve essere informativo: ciò significa che il protagonista del video dovrà riferirsi a […]

Al Salone del Gusto esempi virtuosi di bioeconomia circolare

25/09/2022
Un evento internazionale diventa il laboratorio per dimostrare come l’utilizzo di sacchi e stoviglie in bioplastica compostabile possa dare il proprio positivo contributo alla corretta gestione dei rifiuti organici, aumentandone sia la quantità sia il corretto conferimento da parte dei visitatori. L’evento in questione è Terra Madre – Salone del Gusto 2022, lo storico appuntamento […]

‘BUSINESS PLANet’: a Cersaie il futuro delle città

22/09/2022
Le città occupano solo il 3% del territorio mondiale, ma riescono a consumare oltre il 60% dell’energia, producendo il 70% delle emissioni di gas serra e il 70% dei rifiuti globali, con una popolazione destinata a raddoppiare entro il 2050. Poco basta per individuare le città come banco di prova del prossimo futuro a livello ambientale, energetico, urbanistico, architettonico, sociale ed […]

CAMPIONI D SOSTENIBILITÁ

Raccontiamo storie di imprese, servizi, prodotti, iniziative che amano l’ambiente.
Sono storie di persone che guardano avanti. Che hanno lanciato startup, realizzato imprese di successo o si stanno impegnando in progetti di nuova generazione.

Uomini e donne convinti che un buon business deve essere sostenibile. In grado di promuovere un mondo e una società migliori.

Se ti riconosci in questa comunità e vorresti raccontare la tua storia contattaci.
Saremo onorati e lieti di ascoltarla e farla conoscere.
Contatto veloce:
WhatsApp : 328 6569148

Water Video Interviste

Caricamento in corso...
Choose your language »