Seleziona Pagina

Api sui tetti di città. Dolce business green

Api sui tetti di città. Dolce business green

Inaspettato. Sorprendente. Quasi incredibile ma vero. Sui tetti, sulle terrazze condomniniali e aziendali sta nascendo una vera e propria agro-industria urbana. Api in città e miele di qualità perchè in molti casi le api trovano giardini ricchi di vegetazione ma soprattutto privi di pesticidi e altri disinfestanti chimici che invece abbondano in campagna. Londra, Berlino, Parigi sono le grandi città che danno ormai una sicura evidenza al fenomeno. Mentre è segnalato un po’ ovunque la nascita di vere e proprie imprese che si occupano di installare, controllare gli alveari e la salute delle api e commercializzare il miele. Non mancano però i problemi. Di greenwashing da parte di  aziende conquistate dall’apicoltura di città, ma anche di impatto negativo che possono avere colonie di api collocate in un contesto verde che non offre quantità sufficiente di piante, arbusti, fiori. E che può dunque renderle anche pericolose per le persone.

L’articolo molto ben documentato è di Luca Matteucci ed è apparso su City Bloomberg Green il

Le api, minacciate nelle zone rurali e agricole, stanno trovando un rifugio improbabile: la grande città.

Gli impollinatori sfocati, apis mellifera , hanno trovato nuove case in luoghi come il Beaugrenelle Commercial Center, uno dei più grandi complessi commerciali al coperto di Parigi. Non lontano dalla Torre Eiffel, il centro commerciale ospita un giardino senza pesticidi sul tetto con menta russa, citronella australiana, basilico santo indiano e altre piantagioni che attirano chef stellati Michelin locali. I fiori e le erbe aromatiche attirano anche legioni di api che ora vivono su un angolo sgomberato del tetto che domina la Senna.

“È un buffet paradisiaco per loro. Godono di una dieta sana e varia, che rende la colonia più forte”, ha detto l’apicoltore Diane Legeny un giorno recente mentre controllava i sei alveari del tetto, ciascuno contenente circa 40.000 api, per parassiti potenzialmente dannosi come gli acari. Le api erano sane e prospere, dichiarò, e erano impegnate a fare il miele sui tetti.

L’iniziativa di Parigi è una variazione di un tema lanciato in tutto il mondo. Per $ 500 a $ 3.000 all’anno per alveare, le operazioni di apicoltura urbana offrono l’installazione di colonie di api sui tetti aziendali o residenziali. Il prezzo include controlli regolari sulla salute delle api, vantaggi come corsi di biodiversità e apicoltura e, di solito, campioni di miele ultra-locale. Le aziende offrono anche vantaggi più elevati: la prospettiva di fornire impollinazione per le piante urbane e creare una copertura contro le perdite diffuse per le popolazioni di api, fornendo anche alle aziende credibilità ecologica in cambio di un piccolo investimento e un po’ di tetto.

si riferisce a Quel ronzio sui tetti della città? L'apicoltura sta diventando aziendale

Un apicoltore e il suo alveare sul giardino pensile del Beaugrenelle Commercial Centre di Parigi. Fonte: Beaugrenelle

Il business è vivace e in crescita. Apiterra, la società di apicoltura urbana responsabile delle colonie sul tetto di Beaugrenelle, gestisce 300 alveari in tutta Parigi, con clienti tra cui L’Oréal, AXA e la squadra di calcio del Paris Saint-Germain. Il principale concorrente di Apiterra a Parigi è Beeopic, che gestisce 350 alveari, tra cui la sala espositiva Grand Palais, la sede di BNP Paribas SA, la banca più grande d’Europa, e il gigante dei beni di lusso LVMH, e persino alcuni  sopravvissuti all’incendio in  cima alla Cattedrale di Notre Dame . Tutta questa attività è una testimonianza della più ampia impennata dell’apicoltura di Parigi: ci sono attualmente 2.500 alveari registrati a Parigi, rispetto ai 300 del 2010.

La crescita non si limita a Parigi. Beeopic è stata acquisita lo scorso anno dal colosso mondiale dell’apicoltura urbana, Alvéole, con sede a Montréal, che gestisce 3.100 alveari per 600 aziende in 20 città del Nord America, tra cui New York, Boston, Chicago, San Francisco e Toronto. Sostenuto da Edō Capital, un fondo di capitale di rischio, Alvéole addebita una media di $ 2.000 all’anno per alveare, offrendo ai suoi clienti aziendali un pacchetto che include corsi di fabbricazione di candele e miele souvenir di marca. Il legame Beeopic dà ad Alvéole un punto d’appoggio europeo che, secondo lei, utilizzerà per espandersi a Londra, Francoforte, Amsterdam, Bruxelles e Berlino.

“Vogliamo consentire alle aziende di avere un progetto legato alle api in tutto il mondo, indipendentemente da dove si trovano i loro uffici”, afferma Nicolas Géant, fondatore di Beeopic. È entrato a far parte dell’acquirente Alvéole come partner operativo, insieme a tre laureati della McGill University che hanno co-fondato Alvéole nel 2013. “Il nostro obiettivo non è produrre tonnellate di miele, ma rendere le aziende e i dipendenti consapevoli dell’importanza delle api nella loro vita quotidiana .”

Crollo della colonia

Non è difficile sostenere il caso delle api. Delle 100 specie di colture che forniscono il 90% del cibo in tutto il mondo, 71 sono impollinate dalle api, secondo uno studio  dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura. E in molti luoghi, quelle api sono state messe in pericolo dal cosiddetto disturbo da collasso della colonia, quando la maggior parte delle api operaie di una colonia scompare. Negli ultimi 15 anni negli Stati Uniti, gli apicoltori hanno perso  in media il 28,3% delle loro colonie ogni inverno, secondo la Bee Informed Partnership, un’organizzazione no-profit affiliata al Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti. È più del doppio dei tassi di perdita storici del paese dal 10% al 15% . 

Sebbene le cause del disturbo non siano ancora completamente comprese, un documento fondamentale pubblicato nel 2018 dai ricercatori dell’Università del Texas ha individuato il glifosato, una sostanza chimica utilizzata negli erbicidi di tipo Roundup, come un potenziale fattore. Il produttore di Roundup, Bayer AG,  ha contestato le implicazioni dello studio  e ha  citato  i regolatori alimentari e ambientali globali affermando che “il glifosato, se usato come indicato, non causa effetti negativi irragionevoli sull’ambiente”.

Sullo sfondo di una popolazione di api in diminuzione, gli scienziati affermano che le città gestite in modo appropriato possono fornire le condizioni che rafforzano la salute delle api: abbondanza di fiori privi di pesticidi e ricchi di nettare sui tetti degli edifici, sulle rotonde, sui giardini pubblici, sui balconi e persino sui binari di raccordo. Uno studio su 881 apiari dentro e intorno all’area metropolitana di Parigi ha rilevato che l’urbanizzazione ha un effetto positivo sulla sopravvivenza invernale delle colonie di api. In cambio, le api possono rendere più verdi i paesaggi urbani, promuovere l’agricoltura urbana e rafforzare i tetti verdi che i proprietari di edifici possono utilizzare per guadagnare crediti per le certificazioni di sostenibilità.

Un certo scetticismo sulle api urbane è senza tempo, comprese le reazioni allergiche alle punture o il fastidio delle api attratte dai ristoranti all’aperto. Una preoccupazione più urgente per alcuni esperti: la profusione di api guidata dalle aziende potrebbe non essere sostenibile. La quantità di foraggio disponibile sta diminuendo nei quartieri con densità di alveari fino a 20 per chilometro quadrato a  Parigi , Londra e Berlino . Ciò porta a una maggiore competizione per il cibo tra api mellifere e impollinatori selvatici come bombi, api selvatiche e farfalle. Poiché le api mellifere si nutrono di una più ampia varietà di fiori rispetto alla maggior parte delle specie di api e calabroni solitari, la loro introduzione può mettere a repentaglio gli impollinatori nativi.

Api
L’apicoltore Dale Gibson, sulla terrazza  dell’Hilton London Bankside. Fotografo: Hollie Adams/Bloomberg

Dale Gibson, un consulente apicolo della Greater London, afferma che la sua città ha raggiunto una densità di alveari insostenibile, più che raddoppiata nell’ultimo decennio a 7.500, secondo la National Bee Unit del Regno Unito. Gibson afferma che l’installazione di alveari come booster di immagine senza studiare l’impatto sulle piante e sugli impollinatori locali è una forma di greenwashing. “Ottenere un effetto ‘beewash’ è facile”, ha detto. “Basta buttare un alveare sul tuo tetto e dire: ‘Ho fatto un ottimo lavoro per la biodiversità’.”

“Le aziende hanno adottato la moda dell’apicoltura urbana e l’hanno trasformata in un disastro ecologico perché sono andate avanti senza considerare la scarsità di foraggio”, ha affermato.

Compensazioni di fiori

Molte grandi aziende di apicoltura urbana stanno adottando misure per compensare, almeno in parte, l’impatto delle loro api. L’anno scorso, Alvéole ha aderito al movimento 1% for the Planet , impegnandosi a donare annualmente una quota delle vendite a organizzazioni non profit che piantano fiori di campo e supportano progetti verdi. Diversi clienti aziendali di Alvéole, tra cui Goldman Sachs Asset Management e LVMH, e l’ufficio di Google di Toronto, non hanno fornito commenti immediatamente. L’unità immobiliare di BNP Paribas ha affermato di aver raccomandato al suo paesaggista di piantare fiori melliferi, secondo un rappresentante.

Il principale concorrente di Alvéole negli Stati Uniti, The Best Bees Company con sede a Boston , analizza il miele locale nelle 15 città statunitensi in cui opera per determinare i tipi e le proporzioni di polline delle piante in ciascuna. Quindi può dire ai clienti e ai paesaggisti locali cosa piantare per tutti gli impollinatori.

“Ciò che rende felici le api mellifere probabilmente rende felici le api selvatiche e altri impollinatori”, ha affermato Paige Mulhern, direttore creativo dell’azienda. Mulhern ha affermato che la sua azienda ha incoraggiato uno dei suoi grandi clienti, la società immobiliare commerciale Beacon Capital Partners – che afferma di avere alveari su 25 edifici negli Stati Uniti, con piani per espandersi ad altri 11 questa primavera – a utilizzare il proprio budget per investire in tetti a misura di ape giardini.

si riferisce a Quel ronzio sui tetti della città? L'apicoltura sta diventando aziendale
Una mappa del foraggio di Londra
Fonte: Phil Stevenson e Justin Moat, RBG Kew

A Londra, Gibson affronta potenziali squilibri utilizzando dati e sensibilizzazione. Dice che le sue Bermondsey Street Bees – che gestisce con sua moglie, Sarah Wyndham Lewis – evitano di installare alveari in aree a rischio di api. (Lo determinano confrontando una mappa del foraggio di Londra, fornita dai Kew Gardens dei Royal Botanic Gardens, con un set di dati sulla densità degli alveari e sulle malattie fornito dal governo britannico.) L’azienda chiede inoltre alle aziende che desiderano che gli alveari introducano materiale per il foraggiamento, idealmente entro il raggio di volo di quattro chilometri degli alveari. I clienti possono soddisfare la richiesta con piantumazioni su tetto. Oppure possono finanziare organizzazioni locali per l’inverdimento che hanno già esplorato spazi per piantare e le specie ricche di nettare che lavoreranno lì.

Selvaggio urbano

Gli sforzi a favore delle api sono una parte di una spinta più ampia per sostenere le piantagioni e mettere da parte gli spazi selvaggi nelle aree urbane di tutto il mondo. I Paesi Bassi hanno sostenuto l’inverdimento della città , con i residenti che hanno sostituito le piastrelle del giardino e delle passerelle con cespugli e alberi. Nel 2019, la città di Utrecht ha trasformato le sue 316 fermate degli autobus, trasformando i tetti delle pensiline in scatole piantumate con sedum amico degli impollinatori, una pianta a bassa manutenzione che resiste ai periodi di siccità. Progettate per soddisfare il codice di buone pratiche stabilito dalla Green Roof Organisation con sede nel Regno Unito, queste “fermate degli autobus delle api” catturano anche le polveri sottili e preservano le precipitazioni. Fermate simili sono ora in costruzione a Leicester, nel Regno Unito, nell’ambito del programma cittadino “Bee Roads”.

Altre città che abbracciano le api includono Singapore e Lubiana, in Slovenia, che hanno sviluppato percorsi per le api, come una strada del vino, ma con attrazioni che presentano “hotel per le api” e diversi giardini che attirano le api per consentire al pubblico di vedere le api da vicino. A Santiago, in Cile, l’ex insegnante di storia Felipe Bastias gestisce 80 alveari urbani che forniscono l’ingrediente principale di una birra bionda prodotta da un birrificio locale. Bastias afferma di indirizzare parte dei suoi profitti sul miele nel suo programma per insegnare agli asili nido locali svantaggiati l’apicoltura e, per estensione, come il mondo naturale può svolgere un ruolo nella vita urbana.

PER LA STORIA DI LUCA MARREUCCI CITILABS
Una fermata dell’autobus amica delle api a Utrecht, Paesi Bassi.
Fotografo: Barbra Verbij/Gemeente Utrecht

Poi c’è una domanda più prosaica: com’è il miele?

Sorprendentemente, potrebbe essere più puro della versione di campagna. Il miele prodotto nelle aree rurali e agricole può contenere  quantità pericolose di glifosato , secondo diversi studi, anche se altri studi hanno trovato il miele urbano sicuro per il consumo.

Questa distinzione è stata confermata in un insolito esperimento in Uruguay. Nell’ambito di un progetto lanciato l’anno scorso chiamato miel de hormigón  – miele dal cemento – l’ambasciata francese a Montevideo ha collaborato con la Società apicola uruguaiana per confrontare il miele del centro della capitale con il miele delle periferie rurali. C’erano tracce di glifosato nel miele prodotto nella residenza dell’ambasciatore francese alla periferia di Montevideo, ma nessuna in quella prodotta sul tetto dell’ambasciata francese nel centro della città, secondo un rapporto di laboratorio inedito consegnato dal Laboratorio Tecnologico dell’Uruguay, che è stato recensito da CityLab.

“Abbiamo vinto la nostra scommessa per dimostrare che il miele urbano è meno inquinato del miele suburbano”, ha affermato François-Justin Brivot, responsabile della cooperazione presso l’Ambasciata di Francia a Montevideo.

Gusto Complesso

Per quanto riguarda il gusto, il miele di città può avere una composizione floreale più diversificata rispetto al miele rurale se le api hanno abbastanza punti di raccolta, afferma Gibson. Questo, dice, può fornire un gusto più complesso. Alcuni mieli londinesi sono descritti come agrumati, mentre le due specialità di Berlino sono l’acacia e il tiglio .

Ma poiché il miele è così locale e stagionale, può essere difficile generalizzare, afferma Carla Marina Marchese. Educatrice e coautrice di Honey for Dummies , è accreditata presso l’Albo Nazionale degli Esperti in Analisi Sensoriale del Miele, in poche parole sommelier del miele.

Api
Il negozio Bermondsey Street Bees offre una selezione di mieli provenienti da tutta Londra.
Fotografo: Hollie Adams/Bloomberg

“Proprio come il vino, il miele riflette direttamente un terroir locale. Ogni città, e ogni area all’interno di una città, ha un profilo sensoriale molto specifico”, afferma Marchese. “Puoi piantare alberi di lavanda a New York City, ma il miele che otterrai non avrà mai il sapore del vero miele di lavanda del Mediterraneo”.

“Ci sono molte altre piante cittadine. C’è inquinamento”, aggiunge. “È un terroir molto diverso dal Mediterraneo”.

A Parigi, pochi piani sotto il tetto del Beaugrenelle, gli acquirenti del centro commerciale possono acquistare contenitori da 150 grammi di miele per 10 euro (11,30 dollari). Un rapporto di valutazione sensoriale – che gli apicoltori hanno commissionato a un laboratorio accreditato dal governo per analizzare il miele – lo ha definito “legnoso, floreale, mentolato e leggermente esotico”. Una receptionist del Beaugrenelle, Yasmina Guettaia, ha offerto una recensione più concisa del barattolo che ha ricevuto per il suo compleanno. “E ‘stato molto dolce”, ha detto.

Circa l'autore

Lascia un commento

Daily News

CAMPIONI D SOSTENIBILITÁ

Raccontiamo storie di imprese, servizi, prodotti, iniziative che amano l’ambiente.
Sono storie di persone che guardano avanti. Che hanno lanciato startup, realizzato imprese di successo o si stanno impegnando in progetti di nuova generazione.

Uomini e donne convinti che un buon business deve essere sostenibile. In grado di promuovere un mondo e una società migliori.

Se ti riconosci in questa comunità e vorresti raccontare la tua storia contattaci.
Saremo onorati e lieti di ascoltarla e farla conoscere.
Contatto veloce:
WhatsApp : 328 6569148

Agenda

26 gennaio: scadenza bando Servizio Civile a Cuneo

17/01/2022
C’è tempo fino al 26 gennaio, alle ore 14, per iscriversi al bando per i volontari per il Servizio Civile Universale nella Provincia di Cuneo. Gli operatori, più di cinquantaseimila, sono tutti volontari e vengono selezionati in tutta Europa, in Italia come all’estero. Si tratta di un’iniziativa aperta ai giovani, dai diciotto ai ventott’anni, che […]

22 gennaio: webinar “L’Acqua Che C’è”

14/01/2022
Sabato 22 gennaio si terrà, presso l’Auditorium de Laugier a Portoferraio, il webinar “L’Acqua Che C’è”, organizzato da Difesa Lido e Mola.  Saranno presenti numerosi esperti e giornalisti, come Gabriele Canè, nonché il Presidente della sezione Arcipelago Toscano di Italia Nostra Leonardo Preziosi. Invitati anche numerosi professori, come Francesco Cioffi, Alessandro Corsini, Edoardo Croci e Gabriella De […]

20 gennaio: webinar “Le Acque Della Luna”

13/01/2022
Il 20 gennaio, alle ore 16, sarà possibile seguire il webinar “Le acque della Luna: immaginazione, realtà, scienza”.  Migliaia di teorie hanno riguardato la natura della Luna, e una delle più particolari esiste dai tempi di Leonardo da Vinci: che la sua faccia luminosa sia colma d’acqua – la fonte della vita e dell’ambiente stesso. […]

Water Stories

Water Video Interviste

Caricamento in corso...
Choose your language »