Seleziona Pagina

Disastro ecologico nel Brasile di Bolsonaro

Disastro ecologico nel Brasile di Bolsonaro

 Raquel Silva Beraldin

Nel novembre del 2021, è stato riportato dall’agenzia “Repórter Brasil” che gli agricoltori stavano gettando prodotti agrochimici sulla foresta amazzonica per accelerare la deforestazione. Negli ultimi 10 anni, per fare spazio alla soia e al bestiame, gli agricoltori hanno scaricato pesticidi in grandi aree di foresta.

Circa 30 mila ettari di vegetazione nativa sono stati letteralmente avvelenati. L’area corrisponde a 30 mila campi da calcio. Questi agricoltori fanno di tutto per migliorare la loro produzione, ignorando le leggi, le regole e l’importanza della fauna per il pianeta Terra. Per avere un’idea, prima del 1970 la foresta amazzonica aveva circa 4 milioni di Km². Tuttavia, più del 20% della sua superficie è stato disboscato fino ad oggi.

L’Istituto brasiliano per l’ambiente e le risorse naturali rinnovabili (IBAMA) ha applicato più di 72 milioni di reais in multe tra gli anni 2010 e 2020 solo in casi come questo, di deforestazione con irrorazione aerea di pesticidi. Purtroppo, con lo smantellamento dell’applicazione dell’ambiente promosso dal governo Bolsonaro, la dimensione del problema della foresta non è chiara. Secondo l’inchiesta condotta da “Repórter Brasil”, il dumping non avviene solo in Amazzonia ma anche in altri biomi brasiliani (un bioma è un’ampia porzione di biosfera, individuata e classificata in base al tipo di vegetazione dominante, se terrestre, o alla fauna prevalente, se acquaticaWikipedia)

Nel 2012, questo scenario disastroso ha avuto un miglioramento significativo e l’area disboscata è stata di 4.571 Km² secondo Prodes (Progetto di monitoraggio della deforestazione dell’Amazzonia legale via satellite). Nel 2019, sempre in base ai dati di Prodes, l’area disboscata ha superato i 10mila Km² e il numero di incendi si è intensificato. Questo perché il governo ha iniziato a sostenere lo sfruttamento delle aree indigene e ha eliminato alcune agenzie di controllo.

Era da molto tempo che il Brasile non registrava un aumento della deforestazione per quattro anni consecutivi.

Ma dall’agosto del 2020 a luglio del 2021 sono stati devastati più di 13 mila Km². Questi dati diffusi dall’Inpe (Istituto Nazionale di Ricerca Spaziale) hanno avuto un ritardo nell’essere rilasciati, perché il governo  non voleva che venissero a conoscenza dei leader del Vertice dell’Ambiente COP 26.

Possiamo supporre che questa sia solo la punta dell’Iceberg. Purtroppo questo è solo uno dei tanti casi simili riportati nel mondo. Le leggi ambientali sono essenziali per il mantenimento delle foreste e dei biomi locali, che sono di fondamentale importanza per la sopravvivenza umana. Lo stesso vale per gli animali, le cui specie si estinguono ogni anno per colpa dell’uomo.

Il più importante fattore che influenza la deforestazione è la crescita sfrenata dell’allevamento, che contribuisce all’aumento dell’effetto serra a causa della produzione di gas metano da parte del bestiame.  Gran parte della popolazione non è consapevole di questa realtà che porterà solo danni alle prossime generazioni.

Se la situazione attuale non cambia, siamo già vicini al punto di non ritorno.

Tutti i paesi hanno la responsabilità di preservare le loro foreste, creando politiche pubbliche mirate al settore e rendendo anche la popolazione consapevole della sua importanza e conservazione. Tuttavia noi brasiliani abbiamo una grande responsabilità, dato che possediamo la più grande foresta tropicale del mondo, una delle più importanti in termini di riserve energetiche, e una fauna e flora ampiamente diversificate. Sulla costa brasiliana troviamo anche la Mata Atlantica, che contiene quasi il 10% delle specie di fauna e flora del mondo. Foresta amazzonica e mata concorrono per una quota rilevante dell’equilibrio ecologico del paese e del mondo, influenzando direttamente la nostra vita, sia in termini di salute e benessere che economici.

Circa l'autore

Lascia un commento

DAILY NEWS

Agenda

Al Salone del Gusto esempi virtuosi di bioeconomia circolare

25/09/2022
Un evento internazionale diventa il laboratorio per dimostrare come l’utilizzo di sacchi e stoviglie in bioplastica compostabile possa dare il proprio positivo contributo alla corretta gestione dei rifiuti organici, aumentandone sia la quantità sia il corretto conferimento da parte dei visitatori. L’evento in questione è Terra Madre – Salone del Gusto 2022, lo storico appuntamento […]

‘BUSINESS PLANet’: a Cersaie il futuro delle città

22/09/2022
Le città occupano solo il 3% del territorio mondiale, ma riescono a consumare oltre il 60% dell’energia, producendo il 70% delle emissioni di gas serra e il 70% dei rifiuti globali, con una popolazione destinata a raddoppiare entro il 2050. Poco basta per individuare le città come banco di prova del prossimo futuro a livello ambientale, energetico, urbanistico, architettonico, sociale ed […]

EUCYS 2022: il talento italiano si fa strada in Europa

05/09/2022
Dal 13 al 18 settembre si terrà a Leiden, in Olanda, la 33° edizione di EUCYS – European Union Contest for Young Scientists. Il concorso è un’iniziativa della Commissione europea nell’ambito del programma Scienza e Società. È stato istituito per promuovere gli ideali di cooperazione e scambio di informazioni tra giovani scienziati (di età compresa tra i 14 e i […]

CAMPIONI D SOSTENIBILITÁ

Raccontiamo storie di imprese, servizi, prodotti, iniziative che amano l’ambiente.
Sono storie di persone che guardano avanti. Che hanno lanciato startup, realizzato imprese di successo o si stanno impegnando in progetti di nuova generazione.

Uomini e donne convinti che un buon business deve essere sostenibile. In grado di promuovere un mondo e una società migliori.

Se ti riconosci in questa comunità e vorresti raccontare la tua storia contattaci.
Saremo onorati e lieti di ascoltarla e farla conoscere.
Contatto veloce:
WhatsApp : 328 6569148

Water Video Interviste

Caricamento in corso...
Choose your language »