Seleziona Pagina

Nativi canadesi alla difesa del fiume sacro

Nativi canadesi alla difesa del fiume sacro

Freda Huson ha pregato. La matriarca Wet’suwet’en e capo ala del clan Unist’ot’en ​​Dark House ha lasciato la sua casa sulla Prima Nazione Witset più di un decennio fa per tornare nella sua yintah, la terra dei suoi antenati, al fine di proteggerla dall’industria invasiva.

Sulla terra, ha costruito un centro di guarigione con sua nipote e sua sorella , dove Wet’suwet’en può tornare alle proprie radici, connettersi con la terra e bere le acque del Wedzin Kwa, un fiume sacro così puro che le persone possono bere direttamente da lì

Ma ora l’industria si sta muovendo nel territorio di Wet’suwet’en nella Columbia Britannica settentrionale (BC).

Per anni, i difensori della terra indigeni come Freda hanno cercato di proteggere le loro terre e le sacre sorgenti dalla costruzione di un gasdotto.

Proposto per la prima volta nel 2012, il gasdotto Coastal GasLink (CGL) lungo 670 chilometri (417 miglia) ha lo scopo di trasportare gas naturale liquefatto (GNL) dal nord-est aC fino a un terminal sulla costa a Kitimat. Una parte di esso passerà attraverso la Wet’suwet’en Nation – 22.000 chilometri quadrati di territorio non ceduto che non è mai stato legalmente ceduto alla Corona o al Canada.

Ma i capi ereditari Wet’suwet’en dei cinque clan e delle 13 case della nazione si oppongono all’oleodotto multimiliardario e affermano di non essere stati consultati prima che la provincia lo approvasse.

Mentre il progetto dell’oleodotto è supportato dai cinque consigli eletti della banda Wet’suwet’en (che sono stati istituiti dall’Indian Act canadese del 1867, che ha cercato di minare le forme tradizionali di governo indigeno e di controllare tutti gli aspetti della vita degli indigeni), un La sentenza del 1997 della Corte Suprema del Canada ha riconosciuto che sono i capi ereditari Wet’suwet’en i legittimi titolari della terra.

E dicono di essere determinati a difenderlo.

Ma da quando è iniziata la costruzione dell’oleodotto nel 2018, ci sono stati tre raid militarizzati da parte della Royal Canadian Mounted Police (RCMP) nei campi di resistenza stabiliti dai difensori della terra indigeni sulla terra di Wet’suwet’en – l’ultimo dei quali è stato a novembre, quando l’RCMP armato di fucili d’assalto, cani e motoseghe ha arrestato più di 30 difensori della terra , sostenitori e giornalisti.

Intorno al periodo delle incursioni di novembre, gli elicotteri dell’RCMP hanno girato in cerchio sopra il centro di guarigione per oltre una settimana. “Il governo ha così tanto da perdere, è per questo che hanno mandato tutta la polizia qui dentro, polizia militarizzata, perché stanno dando tutto ciò che hanno proprio come i nostri difensori della terra stanno dando tutto ciò che hanno per proteggere la nostra acqua e la nostra aria, le terre per il nostro futuro”, dice Freda.

Ora, i difensori della terra temono che la polizia armata si stia preparando di nuovo a intervenire su di loro.

Qui spiegano perché sono disposti a mettere in gioco la propria vita per difendere la sovranità indigena e proteggere l’ambiente per le generazioni future..

 

Molly Wickham

Molly Wickham, che è anche conosciuta con il nome di Sleydo’, è un membro del clan Gidimt’en dei Wet’suwet’en e un capo ala.

È la portavoce del Gidimt’en Access Checkpoint, un gruppo che controlla l’accesso al territorio della casa Cas Yikh (Orso grizzly) del clan Gidimt’en. Il gruppo ha istituito un checkpoint sulla strada forestale del fiume Morice (Wedzin Kwa), il principale punto di accesso al sito da cui la CGL prevede di perforare sotto il Wedzin Kwa. Più avanti lungo la strada dal checkpoint c’è l’Unist’ot’en ​​Camp, il centro di guarigione fondato da Freda con l’obiettivo di proteggere la terra dagli oleodotti e da altre industrie e fornire un luogo di guarigione dove le persone possono riconnettersi con la natura selvaggia.

Negli ultimi sette anni, Molly ha vissuto in una capanna sulla yintah (terra o territorio) con suo marito Cody Merriman e i loro tre bambini piccoli.

Ben esperta nelle leggi di Wet’suwet’en e incrollabile quando si tratta di affrontare i trasgressori sulla yintah, Molly è in prima linea nella battaglia per proteggere la terra di Wet’suwet’en. Ma il 19 novembre è stata arrestata insieme ad altri quattro difensori della terra e due giornalisti che sono stati presi sotto tiro da una piccola capanna vicino al Wedzin Kwa. Gli arresti sono seguiti a una situazione di stallo di quasi due settimane dopo che i difensori della terra di Wet’suwet’en avevano emesso un avviso di sfratto a CGL per lasciare il territorio.

Sebbene nessuno nella cabina fosse armato, l’RCMP è arrivato con fucili d’assalto e cani e ha utilizzato motoseghe per accedere alla struttura.

“Hanno portato tanta forza per rimuovere le donne indigene dalla nostra casa”, dice Molly.

Mentre gli altri nella cabina erano allarmati dal suono delle motoseghe, Molly dice che erano i cani a terrorizzarla.

“Questo è tutto ciò che ho sentito”, dice dell’abbaiare. “Anche sopra la motosega, proprio nella parte anteriore della mia mente, di tutto il mio sistema nervoso, tutte le mie reazioni fisiologiche erano che c’erano questi cani da attacco che lottavano solo per togliersi il guinzaglio”.

Le mie mani tremavano. Non distolsi gli occhi da quella pistola e da quell’uomo che teneva la pistola e la puntava contro di me.

Era la seconda volta che Molly veniva arrestata mentre cercava di proteggere i territori di Wet’suwet’en e dice che continuerà a difendere le sue terre ancestrali, a qualunque costo. Ma affrontare la canna di una pistola è terrificante, spiega.

Descrive di non essere in grado di distogliere lo sguardo dal fucile d’assalto che le era puntato. “Stavo cercando davvero di non avere una risposta fisiologica”, ricorda, “ma non riuscivo a trattenermi”.

“Mi tremavano le mani. Non ho distolto gli occhi da quella pistola e da quell’uomo che teneva la pistola e la puntava contro di me”.

Molly e altri difensori della terra sono stati messi nel retro di un furgone della polizia e lei dice che mentre si allontanavano, un ufficiale dell’RCMP seduto nella parte anteriore del furgone ha indicato la terra e ha detto ai difensori della terra: “Guardate bene, signore , non vedrai mai più questo posto.

Furono trasportati in una prigione a quasi quattro ore di distanza a Prince George, la capitale del nord BC. Molly dice che durante l’elaborazione un agente le ha strappato il braccialetto della medicina tradizionale dal polso quando si è rifiutata di rimuoverlo. Poi è stata messa in isolamento.

“Per lo più mi sono dissociata”, dice di essere tenuta in isolamento. “All’inizio ho avuto il panico. Ho pensato: ‘Non so come farlo’. Ho tre figli, non ho mai tempo per me stesso. Sono sempre coinvolto nel campo, circondato da persone o famiglia”.

Attribuisce il fatto di essere riuscita a farcela alle “preghiere della gente” e al sostegno degli altri difensori della terra arrestati.

“Tutti cantavano canzoni e facevano a turno, anche se era difficile sentire le persone parlare: dovevi sdraiarti sui disgustosi pavimenti ricoperti di sangue per mettere la faccia a terra per parlare l’uno con l’altro sotto le porte della tua cella. Per lo più è stato il canto – lo sentivamo tutto giù per i corridoi – che mi ha davvero sollevato il morale”.

Molly è stata rilasciata dopo cinque giorni, ma deve tornare in tribunale a febbraio, accusata di aver violato un’ingiunzione civile. La lotta è tutt’altro che finita, dice, e non si arrende.

“Questa è la mia responsabilità di madre in modo che i miei figli possano ancora bere da quel fiume [il Wedzin Kwa]. Viviamo qui fuori e bevono quell’acqua ogni giorno. Quindi, è letteralmente la loro salute e il loro benessere che devo proteggere”.

Capo Woos

Frank Alec è il capo ereditario della casa Cas Yikh del clan Gidim’ten dei Wet’suwet’en. Il suo titolo ereditario è Chief Woos. È stato Woos a dare l’ordine di emettere l’avviso di sfratto, basato sulla legge Wet’suwet’en, alla CGL a novembre, e i campi di resistenza che sono stati perquisiti dall’RCMP quasi due settimane dopo erano situati su un terreno su cui ha autorità.

“Abbiamo dato ampio preavviso a CGL che avremmo agito in base al nostro [avviso] di sfratto e abbiamo concesso loro più tempo”, spiega.

Un'illustrazione mostra il difensore terrestre Jocey Alec abbracciato dal suo partner, le loro fronti premute insieme, mentre tiene una coperta attorno a entrambi. C'è neve per terra e alti abeti dietro di loro.
La figlia del capo Woos, Jocey Alec, viene abbracciata dal suo partner, Corey “Jayohcee” Jocko, dopo che sono stati rilasciati dal carcere. “Il mio partner Corey e io ci siamo incontrati sul territorio”, spiega Jocey. “Dopodiché, è stata la vita come la conosciamo. Giorno dopo giorno creare qualcosa di così bello in mezzo al caos come difendere la terra contro un’industria che vuole distruggere il nostro fiume per il bene dei loro stipendi. Non abbiamo difeso il territorio solo per noi stessi ma per le generazioni future, gli animali, il salmone. Qualsiasi essere vivente che prosperi al largo della terra è ciò per cui lottiamo”. [Richard Smith/Al Jazeera]

“Non intendiamo fare del male a nessuno”, dice. “Stiamo proteggendo Wedzin Kwa, è la nostra sacra sorgente.”

L’acqua del fiume è incontaminata, fresca di montagna, spiega. “Gli animali dipendono da questo .., per non parlare del nostro salmone”, dice, riferendosi ai pesci che riempiono il fiume durante la stagione della deposizione delle uova.

“Questo è il motivo per cui siamo così devastati e fuori di noi dal motivo per cui questo gasdotto sta attraversando un ecosistema così incredibile.

“Questo invia un segnale pericoloso alla fauna selvatica e a questo fiume che ci sarà un grave disastro”, aggiunge.

Il capo Woos dice che il Wet’suwet’en offriva un percorso alternativo per il CGL circa cinque anni fa, ma che “non è stato preso in considerazione”.

“Hanno appena aggirato i capi ereditari e hanno iniziato”, aggiunge.

Uno dei difensori della terra arrestati a novembre era la figlia del capo Woos, la 27enne Jocey Alec. È andato al tribunale di Prince George per la sua udienza sulla cauzione. “Questo è sbagliato e loro [la CGL] saranno ritenuti responsabili”, ha detto ad Al Jazeera mentre si trovava fuori dal tribunale.

Dopo gli arresti, Woos ha appreso che la sua cabina vicino a un sito di perforazione CGL era stata rasa al suolo.

“Non è così che appare la riconciliazione”, dice.

zia Janet

Zia Janet è un’anziana Wet’suwet’en e matriarca della casa Cas Yikh del clan Gidimt’en. Vive con suo marito, Lawrence, in una capanna sulla yintah.

Il 18 novembre, quando l’RCMP si è trasferito per effettuare gli arresti, i difensori della terra più giovani hanno circondato la zia Janet e hanno cantato una canzone d’acqua. Ma la polizia ha sfondato il cerchio protettivo e ha iniziato ad arrestare violentemente i difensori della terra.

“È stato piuttosto difficile quando ho visto tutti i miei – li chiamo i miei figli [i più giovani difensori della terra]”, si ferma per riprendere fiato e si asciuga una lacrima dalla guancia. “Quando sono stati arrestati tutti, stavo urlando loro ‘non fare del male ai miei figli, non fare del male ai miei figli'”.

Ma, dice, “li hanno eliminati tutti uno per uno intorno a me. È stato davvero triste”.

“Mi fa ancora male perché li amo così tanto. Amo tutti quelli che vengono qui. Sono nel mio cuore”, dice.

Dopo aver arrestato i difensori della terra, la polizia ha portato la zia Janet in ospedale poiché non aveva ricevuto i farmaci per il cuore prescritti per diversi giorni poiché l’RCMP aveva bloccato l’ingresso nel territorio, il che significa che se fosse andata a prenderli, potrebbe non averlo potuto tornare a casa sua. È stata controllata in ospedale e pochi giorni dopo è tornata nella sua cabina con il marito.

È orgogliosa dei difensori della terra e dei loro sostenitori che stanno aiutando a salvare il sacro Wedzin Kwa e le sue terre ancestrali. “Lotteranno fino alla fine”, dice.

Allora, dice zia Janet, lo farà lei.

“Questa è casa mia qui e non me ne vado. CGL e i governi non faranno nulla, continueremo a combatterli. Non c’è proprio modo all’inferno che riescano a passare”, dice.

“Continueremo quello che stiamo facendo. CGL e il governo possono fottersi da soli”, aggiunge con una risatina. “Mi dispiace per aver giurato, ma è così che mi sento.”

Capo Gisday’wa

Fred Thom è il capo ereditario della casata Kaiyexwenits  del clan Gidimt’en. Il suo titolo ereditario è Capo Gisday’wa.

Nel 2020 una capanna che aveva costruito vicino a una strada forestale nel suo territorio e che utilizzava per scopi culturali e di caccia è stata bruciata. Due sospetti sono stati interrogati dall’RCMP ma rilasciati senza accusa. È arrabbiato per questo e per il fatto che la cabina del capo Woos sia stata bruciata a novembre.

Ne abbiamo avuto abbastanza in passato, persone che distruggono i nostri territori, bruciano le nostre case. Come a Smithers, BC quando ero un bambino e ci volevano nella riserva, quindi ci hanno bruciato fuori città.

“Questo è davvero fuori luogo; demolendo le nostre capanne sul nostro territorio”, dice. “Non diamo fastidio a nessuno. CGL sta solo spingendo il loro peso in giro, proprio come un gruppo di bulli. Vogliono rovinare tutto ciò che appartiene ad altre persone e non è giusto. Dovrebbero ricostruire quelle cabine. Ne abbiamo avuto abbastanza in passato, persone che distruggono i nostri territori, bruciano le nostre case. Come a Smithers, BC quando ero un bambino e ci volevano nella riserva, quindi ci hanno bruciato fuori città. Come può l’ONU farla franca?”

È stufo della costante lotta per la sopravvivenza dei Wet’suwet’en. In questi giorni deve mostrare il suo documento d’identità e ottenere il permesso dall’RCMP solo per entrare nei suoi stessi territori.

Ma ha un forte messaggio per i governi provinciali e federali e per l’industria e la polizia che stanno invadendo le terre di Wet’suwet’en.

“Questa è la nostra terra. Tutto su di esso appartiene a noi. Tutto il Canada appartiene al popolo della Prima Nazione – i Mohawk, gli Inuit, i Crees, i Wet’suwet’en – apparteniamo tutti a questa terra. Prima che [l’industria] prendano qualcosa da questa terra dovrebbero consultarci e se va bene allora possono farlo, altrimenti è una situazione da non prendere. CGL è un no-go di sicuro.

Conosce altre comunità indigene le cui terre e acque sono state rovinate da progetti industriali, come quelle vicino alle sabbie bituminose dell’Alberta . C’è troppo in gioco per lui per fare marcia indietro ora, dice.

“Questo è il nostro bellissimo fiume, Wedzin Kwa, [che] abbiamo protetto e a nessuno importa di questo. Bene, guarda tutte le altre riserve dopo che [l’industria] ha utilizzato il fiume, non possono bere la loro acqua”.

Logan Staats

Logan Staats è un alleato Haudenosaunee (Irochese o Mohawk) della riserva delle Sei Nazioni del Grand River First Nations in Ontario. È un pluripremiato cantautore e padre di una figlia di 11 anni. Ma a ottobre ha lasciato la sua casa, ha smesso di esibirsi sul palco e ha viaggiato per migliaia di chilometri per servire in prima linea nella battaglia di Wet’suwet’en per salvare i loro territori. È, dice, suo dovere aiutare i suoi parenti indigeni.

Tutto quello a cui riuscivo a pensare era salvare questo fiume e potevo sentirlo scorrere nelle mie vene.

“Non appena sono uscito qui ho sentito un’atmosfera familiare”, spiega.

Capì subito l’importanza di proteggere il Wedzin Kwa.

“Non appena ho assaggiato quel fiume, stavamo bevendo quest’acqua ogni singolo giorno, quindi siamo diventati il ​​fiume. Dopo la mia prima visita, tutto ciò a cui riuscivo a pensare era salvare questo fiume e potevo sentirlo scorrere nelle mie vene. dovevo tornare».

Ma quando l’RCMP si è avvicinato ai difensori della terra e ai loro alleati il ​​18 novembre, è stata, dice, “una delle cose più terrificanti che abbia mai sopportato”.

“C’era come una sensazione, ‘Oh mio Dio, sono due miglia lungo la strada’. Poi il tuo cuore batte, ‘Oh mio Dio, si stanno avvicinando’. E poi siamo sul ponte, faccia a faccia con questi uomini e i numeri che avevano erano tipo, non potevo credere a quanta polizia c’era e quanti cani e armi automatiche c’erano”.

Logan dice che ci vuole tenacia per essere un difensore della terra sapendo che la polizia armata potrebbe facilmente spararti addosso.

“Non siamo mai sull’offensiva”, spiega. “Non importa quanto sia spaventato, so che posso proteggere. Improvvisamente, il tuo sangue inizia a ribollire, sei lì con i tuoi coetanei, amici e in grande pace. È solo che… il potere arriva nel tuo sangue.

“Istintivamente sapevo cosa fare… e poi boom vengo colpito all’orecchio destro con un pugno. Mi sono reso conto che mi ha appena colpito, cazzo! Prima che me ne rendessi conto, avevo le mani legate dietro la schiena, mi avevano afferrato per le trecce e mi avevano sbattuto in faccia. Quando mi hanno sbattuto a terra, il vento mi ha tolto di mezzo, mi ha ferito il cuore. Mi sembrava di avere un infarto. Stavo dicendo loro, ‘davvero, non riesco a respirare.’ Stavo sanguinando a terra, soffocavo e guardavo alla mia destra e Skylar [un compagno difensore della terra Mohawk] era proprio lì che mi guardava negli occhi. Disse: ‘fratello respiro profondo, respiri profondi’”.

Logan è stato arrestato e ha trascorso due giorni dietro le sbarre prima di essere rilasciato senza accusa. Ha sentito il bisogno immediato di tornare alla yintah, spiega. Il Wedzin Kwa lo stava chiamando.

Preghiamo ancora per i nostri nemici, lottiamo ancora per te e lottiamo ancora per i tuoi figli.

“Continueremo a percorrere il sentiero del pacificatore, con amore, con grande pace sotto ogni passo, con paura e rabbia alle nostre spalle”, dice.

“I nostri antenati, le generazioni future, sono profondamente offesi dalla profanazione dei nostri corpi fisici e delle nostre terre. Ma continuiamo a pregare per i nostri nemici, continuiamo a combattere per te e continuiamo a combattere per i tuoi figli”.

Sabina Dennis

Sabina Dennis è una madre portatrice Sekani e difensore della terra i cui territori d’origine del Dakelh confinano con i Wet’suwet’en. È stata arrestata e incarcerata più volte mentre era in prima linea in questa battaglia durata anni per salvare le terre e le acque dei suoi parenti indigeni. È, crede, una battaglia universale e una battaglia a cui non rinuncerà a combattere.

“Davvero, è necessaria una rivolta globale a causa della gravità di ciò che sta accadendo su queste terre e in tutto il mondo ai popoli indigeni nelle nostre terre”, spiega.

“Le tattiche dell’RCMP sono molto più brutali e molto più illegali di quanto non lo siano mai state. E il pubblico canadese ha bisogno di sapere che queste forze militari che sono state impiegate su di noi agiscono illegalmente, in modo immorale e stanno portando via le nostre libertà civili mentre parliamo. Ogni individuo in Canada dovrebbe essere indignato”.

Dice che la riconciliazione in Canada è morta e ha un messaggio per il primo ministro canadese.

«Trudeau, so che sei impotente. So che hai perso il tuo potere molto tempo fa. La tua faccia non ci inganna, le tue belle bugie non ci ingannano. Sappiamo di essere il potere. E non rinunceremo mai alla nostra autonomia e al nostro potere perché questo è amore e amore per le nostre famiglie e le nostre generazioni future”.

Kolin Sutherland-Wilson

Kolin Sutherland-Wilson è un difensore terrestre di Gitxsan della casata Wilp Git’luuhl’um’hetxwit. La sua nazione confina a ovest con i confini territoriali dei Wet’suwet’en ei due hanno vissuto fianco a fianco per migliaia di anni. Hanno un patto antico che risale a millenni fa, spiega Kolin, ed è loro dovere proteggersi a vicenda.

“Siamo qui in solidarietà con i nostri alleati Wet’suwet’en con i quali abbiamo un patto di mutua difesa”, spiega.

A novembre, in solidarietà con i Wet’suwet’en, i Gitxsan hanno istituito un blocco ferroviario a New Hazelton, BC. In poche ore era arrivata la polizia con cani, fucili d’assalto, gas lacrimogeni ed elicotteri. Il Gitxsan non voleva la violenza, quindi si è spostato fuori dai binari e ha invece costruito un campo di protesta sulla collina accanto a loro. Due piccoli fuochi bruciavano giorno e notte mentre i sostenitori delle nazioni vicine entravano e uscivano e Kolin teneva d’occhio la polizia che osservava dall’altra parte dei binari.

“Questa lotta è tutt’altro che finita, quegli ufficiali dell’RCMP non appartengono qui”, dice. “Questo è Gitxsan Laxyip non ceduto e laggiù c’è Wet’suwet’en Yintah non ceduto e sapranno che ci sono conseguenze per le loro azioni. Questa non è una questione da risolvere nella magistratura, sono questioni internazionali in cui la corona ha l’obbligo di incontrare direttamente i nostri leader. Siamo un popolo sovrano”.

‘Abbiamo tutto da perdere’

Quendauxw (Megan) e Kumxlaqs (Madeline) sono due giovani difensori della terra e migliori amici della nazione Haisla, che confina con Gitxsan a ovest nell’Oceano Pacifico settentrionale. L’impianto di lavorazione del GNL della CGL è in costruzione nella baia di Kitimat nei loro territori d’origine e sono furiosi per come aumenterà l’inquinamento e metterà in pericolo le acque e la vita marina lì.

“È tutto in gioco. Abbiamo tutto da perdere”, dice Madeline.

“Siamo qui per proteggere l’acqua e la terra. Possiamo già vedere gli effetti accelerati del cambiamento climatico dal riscaldamento globale, gli incendi boschivi che colpiscono gli apparati radicali. Ora stiamo assistendo a un aumento delle precipitazioni e delle colate di fango. Fracking e perforazione sei piedi sotto per un gasdotto non aiuterà, come se anche noi viviamo su una linea di faglia. Siamo qui cercando di fermarlo. Non stiamo facendo altro che affermare il nostro intrinseco diritto di nascita come popolo sovrano per proteggere i nostri territori”.

Quando i diritti di una nazione sono a rischio, i diritti di tutti noi sono a rischio.

Quando i due amici vennero a conoscenza delle incursioni nei campi di resistenza di Wet’suwet’en, abbandonarono tutto per unirsi al blocco istituito dai Gitxsan a New Hazelton.

Erano lì, spiega Megan, per “onorare il trattato tribale del nord-ovest che la nazione Haisla ha firmato insieme ai Wet’suwet’en”.

“In parte è che ci aiuteremo a vicenda a far valere i nostri diritti e titoli indigeni. Quando i diritti di una nazione sono a rischio, i diritti di tutti noi sono a rischio, di essere messi in discussione, di essere trascurati e sminuiti”, dice.

“I nostri diritti, titoli e nomi sono più antichi del Canada stesso. Quindi, dobbiamo stare al loro fianco mentre affrontano questo perché potremmo essere noi un giorno”.

Alla domanda sull’applicazione dell’ingiunzione contro i difensori della terra a novembre, Natasha Westover, External Issues and Media Lead di Coastal GasLink, ha detto ad Al Jazeera in un’e-mail: “A Coastal GasLink, rispettiamo i diritti delle persone di esprimere legalmente, in modo sicuro e pacifico il loro punto di vista. La nostra massima priorità rimane la sicurezza di coloro che si trovano nell’area, compresa la nostra forza lavoro, gli appaltatori e i membri della comunità indigena e locale”.

Alla domanda sull’uso della forza per far rispettare l’ingiunzione e arrestare i difensori della terra, il portavoce dell’RCMP Cpl. Madonna Saunderson ha dichiarato ad Al Jazeera: “Come per le precedenti operazioni di contrasto, l’RCMP ha tenuto conto della posizione remota dei campi dei lavoratori della CGL lungo la Morice FSR [Forest Service Road], nonché della natura imprevedibile di ciò che potremmo trovarci di fronte nell’area.”

Circa l'autore

Lascia un commento

DAILY NEWS

Agenda

Mini Digital Festival: è aperto il contest “Cronaca locale in formato web&social”

30/09/2022
Un’occasione per mettersi in mostra dedicata ai giovani reporter. Gli studenti di scuola superiore e universitari potranno partecipare inviando un reel o un breve video dalla durata massima di un minuto e mezzo, al contest “Cronaca locale in formato web&social”. Il contenuto deve essere informativo: ciò significa che il protagonista del video dovrà riferirsi a […]

Al Salone del Gusto esempi virtuosi di bioeconomia circolare

25/09/2022
Un evento internazionale diventa il laboratorio per dimostrare come l’utilizzo di sacchi e stoviglie in bioplastica compostabile possa dare il proprio positivo contributo alla corretta gestione dei rifiuti organici, aumentandone sia la quantità sia il corretto conferimento da parte dei visitatori. L’evento in questione è Terra Madre – Salone del Gusto 2022, lo storico appuntamento […]

‘BUSINESS PLANet’: a Cersaie il futuro delle città

22/09/2022
Le città occupano solo il 3% del territorio mondiale, ma riescono a consumare oltre il 60% dell’energia, producendo il 70% delle emissioni di gas serra e il 70% dei rifiuti globali, con una popolazione destinata a raddoppiare entro il 2050. Poco basta per individuare le città come banco di prova del prossimo futuro a livello ambientale, energetico, urbanistico, architettonico, sociale ed […]

CAMPIONI D SOSTENIBILITÁ

Raccontiamo storie di imprese, servizi, prodotti, iniziative che amano l’ambiente.
Sono storie di persone che guardano avanti. Che hanno lanciato startup, realizzato imprese di successo o si stanno impegnando in progetti di nuova generazione.

Uomini e donne convinti che un buon business deve essere sostenibile. In grado di promuovere un mondo e una società migliori.

Se ti riconosci in questa comunità e vorresti raccontare la tua storia contattaci.
Saremo onorati e lieti di ascoltarla e farla conoscere.
Contatto veloce:
WhatsApp : 328 6569148

Water Video Interviste

Caricamento in corso...
Choose your language »