Seleziona Pagina

Climate change. Caffè e avocado in Sicilia

Climate change. Caffè e avocado in Sicilia
Cambiamento climatico: le colture chiave devono affrontare grandi cambiamenti con il riscaldamento globale. Nel caso del caffè si stimano perdite di raccolto nelle regioni chiave come Brasile, Indonesia, Vietnam e Colombia sull’ordine del 50% entro il 2050.  Ma anche altre colture esotiche come l’anacardi e soprattutto l’avocado stanno patendo nei territori di originario insediamento, nel contempo che l’innalzamento medio delle temperature rende possibile la loro coltivazione in territori nuovi. Come la Sicilia. Insomma, anche il cambiamento climatico offre opportunità. ma richiede capacità e prontezza di adattamento alle nuove condizioni climatiche. Questa è la grande sfida !

L’articolo di  Matt McGrath è stato pubblicato il 27/1/22 sul sito di BBC dove può essere letto integralmente

https://www.bbc.com/news/science-environment-60141387

FONTE IMMAGINE,GETTY IMAGES

 FONTE IMMAGINE,GETTY IMAGES

 

Le parti del mondo adatte alla coltivazione di caffè, anacardi e avocado cambieranno radicalmente con il riscaldamento del mondo, secondo un nuovo studio.

Le regioni chiave del caffè in Brasile, Indonesia, Vietnam e Colombia

“diminuiranno drasticamente” di circa il 50% entro il 2050.

Le aree adatte per anacardi e avocado aumenteranno, ma la maggior parte sarà lontana dagli attuali siti di produzione.

Gli autori affermano che devono essere compiuti maggiori sforzi per aiutare gli agricoltori ad adattarsi.

Il caffè è una delle colture più importanti del mondo, non solo come bevanda chiave, ma come mezzo di sostentamento per milioni di piccoli agricoltori.

FONTE IMMAGINE,GETTY IMAGES La domanda dei consumatori di avocado ha visto un massiccio aumento delle importazioni dai paesi produttori

E grazie alle crescenti preferenze dei consumatori nei paesi più ricchi, la domanda di avocado e anacardi è aumentata notevolmente negli ultimi decenni.

Sebbene la minaccia al caffè causata dai cambiamenti climatici sia stata ben documentata negli ultimi anni, ci sono poche informazioni su come l’aumento delle temperature avrà un impatto su avocado e anacardi.

In questo studio, gli autori hanno esaminato come l’aumento delle temperature e il cambiamento dei tassi di precipitazione avranno un impatto sulle tre colture nei prossimi 30 anni. I ricercatori hanno anche, per la prima volta, incorporato informazioni sulle caratteristiche del terreno e del suolo.

Il caffè è la coltura più suscettibile alle alte temperature. In quei paesi che rappresentano la maggior parte della produzione mondiale di Arabica – la varietà di caffè dominante – l’idoneità alla coltivazione del raccolto diminuirà di circa la metà entro il 2050 – una riduzione “drastica”, secondo il rapporto.

Alcune aree chiave subiranno un impatto più pesante. Nello scenario di temperatura più bassa si avrebbe una riduzione del 76% nelle zone più vocate al caffè del Brasile. In Colombia si ridurrebbe del 63%.

Alcune regioni all’estremità settentrionale e meridionale delle odierne aree di coltivazione diventeranno più adatte, tra cui Argentina, Sud Africa, Cina e Nuova Zelanda, tra le altre.

caffè

FONTE IMMAGINE,GETTY IMAGES Il caffè deve affrontare le maggiori sfide dovute all’aumento delle temperature

 

Ma secondo gli autori, questo non significa che queste nuove regioni possano facilmente sostituire i siti attuali.

“Il messaggio chiave per coloro che oggi si trovano nelle principali regioni produttrici è che i sistemi agricoli devono adattarsi alle mutevoli condizioni”, ha affermato l’autore principale Roman Grüter, dell’Università di scienze applicate di Zurigo.

“Se c’è già caffè coltivato in una nuova area dove è quasi possibile con alcune opzioni di gestione, potrebbe diventare più facile o potrebbe essere possibile espandersi, ma ciò non significa che otterremo regioni perfette per la coltivazione del caffè entro 10 anni o così.”

Per gli anacardi, l’immagine è diversa. Complessivamente, le aree del mondo altamente adatte alla coltivazione del raccolto aumenteranno del 17%.

Tuttavia, in alcuni dei paesi che attualmente fanno affidamento sugli anacardi come coltura di denaro chiave, le notizie non sono buone. L’India perde aree significative di idoneità, mentre il Benin perde la metà delle sue aree idonee sotto il più basso aumento della temperatura modellato.

anacardi

FONTE IMMAGINE,SEYLOU Mele di anacardi che crescono a Bissau

Anche per gli avocado il quadro è complicato, soprattutto nei maggiori paesi produttori.

Il Messico, il più grande produttore mondiale, vede un forte aumento delle terre adatte, in crescita di oltre l’80%. Tuttavia, il Perù, un altro importante produttore, perde circa la metà delle sue aree idonee sotto lo stesso modello climatico.

Mentre l’aumento delle temperature e i cambiamenti nei modelli delle precipitazioni potrebbero rendere alcune aree più adatte, gli autori temono che un cambiamento importante per sviluppare queste colture in nuove regioni potrebbe vedere più foreste convertite in terreni agricoli o un aumento di specie invasive.

“Nelle regioni che potrebbero diventare più adatte alla coltivazione di tali colture, è importante assicurarsi che non vi siano impatti ambientali negativi come la deforestazione”, ha affermato Roman Grüter.

“In tutti questi cambiamenti, le parti interessate locali, le comunità locali devono essere coinvolte in questi processi di cambiamento. Dovrebbe essere davvero partecipativo”.

Linea grigia di presentazione

L’esperienza siciliana

Un aumento della temperatura di circa 1°C negli ultimi 30 anni ha visto gli agricoltori siciliani rivolgersi a una gamma di nuove colture più adatte a condizioni più calde.

Uno di loro è Andrea Passanisi, che coltiva avocado vicino all’Etna. Insieme ad altri produttori, questo cambiamento ha avuto molto successo per Andrea.

Andrea Passanisi

FONTE IMMAGINE,AVOCADO SICILIANO Il coltivatore siciliano di avocado Andrea Passanisi afferma che il cambiamento climatico sta avendo un impatto significativo

Tuttavia, poiché le temperature continuano a salire, le condizioni di crescita stanno diventando più difficili.

“Il vero cambiamento climatico qui è nelle stagioni”, ha detto a BBC News.

“Una volta faceva freddo a novembre e dicembre, ora è gennaio o febbraio, non va bene per gli avocado”.

Anche l’aumento dei livelli di siccità e gli intensi acquazzoni rappresentano una sfida per gli agricoltori.

“Se coltivi su un terreno non adatto all’avocado, è la fine”, ha detto Andrea.

“Continueremo a crescere, poiché abbiamo una buona terra, ma non avremo tanti frutti”.

Linea grigia di presentazione

Sebbene il cambiamento delle temperature possa sembrare una cattiva notizia per gli attuali coltivatori di queste colture, ci sono alcuni passi attivi che i produttori possono intraprendere per mitigare il cambiamento climatico.

avocado

FONTE IMMAGINE, GETTY IMAGES

“È possibile che alcune regioni in cui vengono attualmente coltivati ​​avocado, l’uso della variabilità genetica dell’avocado possa aiutare”, ha affermato il dottor Joaquin Guillermo Ramirez Gil, dell’Università Nazionale della Colombia, che non è stato coinvolto nel nuovo studio.

“Questa specie ha tre ‘razze’ con origini geografiche diverse, il che la rende abbastanza ‘plastica’ per adattarsi alle diverse condizioni climatiche.

“Ci sono anche adattamenti locali e nuove alternative di gestione come l’uso di biostimolanti e prodotti basati sulla nanotecnologia come base per ridurre lo stress dovuto a condizioni meteorologiche estreme”.

Circa l'autore

Lascia un commento

Daily News

CAMPIONI D SOSTENIBILITÁ

Raccontiamo storie di imprese, servizi, prodotti, iniziative che amano l’ambiente.
Sono storie di persone che guardano avanti. Che hanno lanciato startup, realizzato imprese di successo o si stanno impegnando in progetti di nuova generazione.

Uomini e donne convinti che un buon business deve essere sostenibile. In grado di promuovere un mondo e una società migliori.

Se ti riconosci in questa comunità e vorresti raccontare la tua storia contattaci.
Saremo onorati e lieti di ascoltarla e farla conoscere.
Contatto veloce:
WhatsApp : 328 6569148

Agenda

Auto inquinanti, Consiglio Ue conferma stop al 2035

29/06/2022
T&E: “Decisione storica per clima, inquinamento e industria. Ora concentriamoci su rete di ricarica e filiera batterie sostenibili” Veronica Aneris, direttrice Transport & Environment Italia: “Un enorme passo avanti a favore del clima. Ora è possibile azzerare le emissioni del settore trasporti al 2050”. Roma, 29 giugno 2022 – “I governi europei hanno preso la […]

Paga con la carta di credito e tuteli le foreste

24/06/2022
,Flowe – B Corp che mira a educare i giovani sui temi dell’innovazione e della sostenibilità economica, sociale e ambientale – ha redatto insieme all’agronomo Guido Cencini un vademecum di approfondimento sui 5 benefici che apportano a più livelli le piante. Iniziatva lanciata in concomitanza con la Giornata della foresta pluviale. Flowe pone inoltre l’attenzione sulla campagna Freshback, attiva fino al 30 giugno. Con la collaborazione […]

Marsala: al via la seconda edizione del KiteFest

21/06/2022
di Gloria Nobile   Sport, musica, enogastronomia, arte e natura: ecco cosa succede quando il talento incontra l’occasione. Quest’anno a Marsala, sulla costa occidentale della Sicilia, la stagione turistica si apre con la seconda edizione del KiteFest che avrà luogo dal 26 giugno al 3 luglio nella Laguna dello Stagnone. Lo straordinario successo della prima […]

Water Stories

Water Video Interviste

Caricamento in corso...
Choose your language »