Seleziona Pagina

Spreco alimentare. Fermarlo prima che inizi

Spreco alimentare. Fermarlo prima che inizi

Fermare lo spreco alimentare prima che inizi è la chiave per raggiungere gli obiettivi di mitigamento climatico. Chiaro, semplice, lineare. La raccomandazione ha un’evidenza tale che contrasta ancor più con le politiche e le pratiche concrete che governi, municipalità, amministreazioni e imprese hanno messo e stanno mettendo in atto. Tant’è che lo spreco alimentare nei paesi sviluppati raggiunge anche i 2/3 punti di Pil: uno spreco non più tollerabile, ma che continua ad andare avanti. Quest’articolo si riferisce alla situazione degli USA, che però riflette perfettamente quella più generale, che riguarda anche l’Italia.

L’articolo è di Lisa Held del 5 gennaio 2022 ed è comparso sul magazine Civil Eats. Nella sua versione completa può essere letto qui:

Stopping Food Waste Before It Starts Is Key to Reaching Climate Goals

 

vassoio pieno di piatti di carta finiti in una baracca di pesce locale

I birrai trasformano il pane raffermo in birra . Gli chef trasformano il cibo in eccedenza del ristorante in pasti per le famiglie affamate. Un’azienda raccoglie 169 milioni di dollari per trasformare gli avanzi di un negozio di alimentari in mangime per polli. Sforzi come questi, che reindirizzano i rifiuti esistenti dalla discarica ad altre parti della catena di approvvigionamento, sono stati oggetto di molti titoli e articoli negli ultimi anni. Ma gli Stati Uniti devono concentrarsi sulla prevenzione dei rifiuti prima che sicreino se vogliono ridurre significativamente i loro impatti ambientali.

Questo è il messaggio che l’Agenzia per la protezione ambientale (EPA) spera di trasmettere con urgenza.

Secondo un rapporto pubblicato dall’agenzia il mese scorso, il primo tentativo del governo federale di quantificare la quantità di cibo sprecato negli Stati Uniti e le emissioni che crea, il problema è enorme. I ricercatori hanno scoperto che circa il 35 per cento dell’approvvigionamento alimentare degli Stati Uniti viene sprecato e, prima ancora che arrivi a una discarica, i rifiuti si traducono in emissioni annuali di gas serra equivalenti a quelle di 42 centrali elettriche a carbone.

“Quel numero di confronto è davvero sbalorditivo”, ha affermato Nina Sevilla, sostenitrice del programma che lavora sui rifiuti alimentari presso il Natural Resources Defense Council (NRDC), soprattutto perché non include le emissioni di metano che si verificano quando il cibo sprecato si decompone nelle discariche.

Un secondo rapporto che l’agenzia prevede di pubblicare questa primavera affronterà quella parte della catena, analizzando l’impatto che il cibo ha una volta buttato via e l’efficacia delle soluzioni di smaltimento come il compostaggio e la digestione anaerobica. Ma dividere il problema in due parti aveva senso “per enfatizzare la prevenzione” in uno spazio in cui il salvataggio e il riutilizzo degli alimenti riceve molta più attenzione, ha affermato Shannon Kenny, consulente senior per la perdita e lo spreco di cibo presso l’Ufficio di ricerca e sviluppo dell’EPA e un autore principale del rapporto.

E a differenza di altre questioni ambientali che dipendono dalla piccola percentuale della popolazione coinvolta nella produzione alimentare per apportare cambiamenti, i ricercatori hanno scoperto che questo problema può essere affrontato al meglio a un livello più ampio sulle tavole americane.

“Quel numero di confronto è davvero sbalorditivo”, soprattutto perché non include le emissioni di metano che si verificano quando il cibo sprecato si decompone nelle discariche.

“[Il rapporto] ha davvero rafforzato sia ciò che crediamo che la prevenzione sia fondamentale, sia che le famiglie e i ristoranti siano luoghi importanti su cui concentrarsi”, ha affermato Dana Gunders, direttore esecutivo di ReFED . “Laddove abbiamo l’opportunità di prendere decisioni di progettazione per prevenire gli sprechi, penso che dovremmo perseguirle”. Tali decisioni potrebbero includere la riduzione delle porzioni nei ristoranti o la standardizzazione delle date di scadenza in modo che i cuochi casalinghi non buttino via cibi perfettamente buoni.

Il rapporto arriva in un momento critico, poiché le sue intuizioni sulle soluzioni più efficaci probabilmente guideranno e informeranno le varie proposte che ora circolano come proposte legislative e politiche all’interno dell’EPA. Nel 2021, i legislatori hanno introdotto progetti di legge per ridurre lo spreco alimentare nelle scuole , standardizzare le etichette dei datteri alimentari e rendere più facile la donazione di cibo .

Tre disposizioni di un precedente disegno di legge chiamato Zero Food Waste Act sono attualmente incluse anche nel Build Back Better Act, che, se approvato, indirizzerebbe 200 milioni di dollari verso la lotta allo spreco alimentare. E il recente piano della Casa Bianca per rendere più sostenibili le operazioni del governo federale dirige le agenzie federali a ridurre lo spreco alimentare del 50%.

Lanciare un’efficace guerra ai rifiuti

Secondo il rapporto, gli Stati Uniti sprecano circa un terzo di cibo in più rispetto al paese medio ad alto reddito e il loro spreco totale è triplicato dal 1960. Oggi sprechiamo più di 1.000 calorie a persona al giorno, sufficienti per sfamare più di 150 milioni di persone. persone ogni anno.

“Più a valle sprechi cibo, più emissioni di gas serra sono state emesse: quando lo hai portato in giro, lo hai imballato nella plastica, hai fatto tutte queste cose che ora aumentano l’impatto di esso.

Il rapporto dell’EPA divide il sistema alimentare in quattro fasi: produzione primaria (che include agricoltura e raccolta), distribuzione e trasformazione, vendita al dettaglio e consumo. E la ricerca mostra che mentre la fase di produzione primaria è responsabile della maggiore percentuale di emissioni di gas serra, i consumatori sono responsabili della maggior parte dei rifiuti. Circa la metà del totale degli sprechi alimentari avviene durante la cosiddetta fase di consumo, nelle famiglie e nei servizi di ristorazione (…)

“Più a valle sprechi cibo, più emissioni di gas serra sono state emesse: quando lo hai portato in giro, lo hai imballato nella plastica, hai fatto tutte queste cose che ora aumentano l’impatto di esso”, ha spiegato Claudia Fabiano, specialista in Gestione sostenibile del team alimentare presso l’Office of Land e Emergency Management presso l’EPA, che ha lavorato a stretto contatto con Kenny sul rapporto.

All’interno delle fasi di vendita al dettaglio e di consumo, Fabiano e Kenny hanno scoperto che ridurre gli sprechi negli spazi commerciali come supermercati e istituzioni come scuole e carceri avrebbe benefici ambientali minimi rispetto a concentrarsi su case e ristoranti. “Semplicemente non c’è così tanto spreco lì per cominciare, quindi prendere di mira non ti darà il botto per il dollaro che è prendere di mira le famiglie e il servizio di ristorazione”, ha detto Kenny.

Tuttavia, i programmi che insegnano agli studenti a non sprecare il cibo nelle mense, che lo School Food Recovery Act sosterrebbe, possono influenzare quanto quei bambini e le loro famiglie sprecano a casa, ha detto Kenny, e questo potrebbe essere parte di una soluzione più ampia che secondo gli esperti ha già dimostrato di funzionare: educazione dei consumatori su larga scala.

“Sappiamo che è necessaria una campagna nazionale coordinata [di educazione dei consumatori]”, ha detto Fabiano, “[una che] non consiste solo nel dire alle persone come pianificare meglio o fare acquisti consapevoli con un elenco o conservare il cibo correttamente in modo che duri più a lungo. Questo vale anche per rivenditori e produttori perché ci sono molte cose che sono fuori dal controllo dei consumatori che portano a sprecare cibo”.

Il design dell’imballaggio e il prezzo all’ingrosso, ad esempio, possono influire sulla quantità di cibo che un individuo acquista, indipendentemente dalle dimensioni della famiglia. o il prezzo è molto meglio di una quantità più piccola, una persona che vive da sola probabilmente finirà per scaricarne un po’ nello scarico. L’imballaggio può anche influire sulla rapidità con cui un alimento va a male.

Tuttavia le persone possono fare molto a casa e il Regno Unito fornisce un esempio importante. Tra il 2007 e il 2018, la nazione ha ridotto il totale dei suoi sprechi alimentari commestibili di un enorme 21% . Oltre ad altre iniziative come il Courtauld Commitment incentrato sull’industria alimentare , un fulcro del suo piano multiforme è stato un progetto di educazione dei consumatori chiamato Love Food Hate Waste .

La campagna fornisce risorse, tra cui una guida dalla A alla Z per la conservazione degli alimenti e un calcolatore che le famiglie possono utilizzare per capire esattamente quanto acquistare al supermercato in base al numero di porzioni necessarie.

Programmi simili sono stati lanciati negli Stati Uniti, ma su scala ridotta. Ad esempio, l’NRDC ha condotto per diversi anni una campagna nazionale chiamata Save the Food in collaborazione con l’Ad Council, ma è rimasta in gran parte stagnante dal 2019. Il Siviglia dell’NRDC ha affermato che l’organizzazione sta ora lavorando con le città per lanciare più iniziative locali, ma lei e altri hanno convenuto che è ancora necessario uno sforzo coordinato a livello nazionale per muovere davvero l’ago.

(…)

ReFED classifica le soluzioni per i rifiuti alimentari in base alla loro capacità di ridurre tonnellate di rifiuti, ridurre le emissioni e risparmiare denaro, tra le altre metriche. Il gruppo stima che una campagna di educazione dei consumatori potrebbe eliminare 1,7 milioni di tonnellate di rifiuti, ma cambiare le dimensioni delle porzioni nei ristoranti sarebbe ancora più efficace: 2,4 milioni. Tuttavia, i ristoranti saranno probabilmente disposti ad apportare tali modifiche solo se i consumatori apprezzerano porzioni di dimensioni ridotte come mezzo per ridurre gli sprechi, ha affermato.

“C’è un sacco di spreco sul lato commerciale che viene creato cercando di soddisfare le aspettative dei clienti”,(…)

ReFED classifica anche la standardizzazione delle etichette della data tra le sue prime cinque soluzioni che possono “rimodellare gli ambienti dei consumatori”. L’idea è semplice: attualmente, le aziende alimentari utilizzano termini diversi, come “usare entro”, “migliore entro” e “vendi entro” – per indicare una serie di condizioni, dal cibo che ha semplicemente superato la qualità ottimale a reali problemi di sicurezza. Di conseguenza, i consumatori sono spesso confusi dal significato di questi termini e finiscono per buttare via il cibo che è completamente commestibile per paura che sia andato a male.

“Questo è qualcosa che l’NRDC sostiene da un po’”, ha detto Sevilla, osservando che una legge introdotta sia alla Camera che al Senato a dicembre semplificherebbe il sistema che i produttori di alimenti possono utilizzare quando inseriscono le date sui loro prodotti e finanzierà gli sforzi per educare consumatori sul significato di queste nuove etichette.

Mentre i legislatori spingono avanti questi sforzi, i funzionari dell’EPA lavoreranno al secondo rapporto, che, quantificando le emissioni di metano dalle discariche e altri impatti che i rifiuti alimentari hanno alla fine della catena, riempirà i pezzi mancanti per fornire un quadro completo del problema dello spreco alimentare in America. E mentre il governo non ha fatto niente per raggiungere l’obiettivo del 2030 di dimezzare i rifiuti, la nuova attenzione dell’agenzia al problema potrebbe fare molto per attivare soluzioni, ha affermato Gunder.

Nel frattempo, gli sforzi per salvare i rifiuti alimentari esistenti hanno un ruolo da svolgere, ma non dovrebbero continuare a essere al centro dell’azione, anche se si rivelassero redditizi. Ciò che è importante, ha affermato, è dare la priorità alla prevenzione e assicurarsi che gli sforzi di salvataggio e riciclaggio siano progettati solo per affrontare gli sprechi che sono inevitabili dopo che queste strategie hanno dato i loro frutti ed evitare potenziali conseguenze indesiderate dove non c’è più un incentivo a ridurre gli sprechi alimentari perché è necessario per alimentare sistemi di riutilizzo come i digestori.

Ma alla fine, avremo bisogno di entrambi, perché “non siamo affatto vicini a una situazione in cui ci impediamo di avere abbastanza cibo da salvare”, ha detto Gunder. “E ci saranno sempre bucce di banana, ossa, noccioli e cibo avariato [da allontanare dalle discariche]”.

Circa l'autore

Lascia un commento

DAILY NEWS

Agenda

Italia: vai con l’drogeno. Sfida da vincere

06/12/2022
  Roma, 6 dicembre 2022 – “Sembrerebbe, finalmente, essere arrivata la grande rivoluzione dell’idrogeno per il nostro Paese”. È quanto ha affermato il Prof. Marco Mele, economista dell’università Unicusano di Roma, intervenuto ad una nota emittente statunitense pochi giorni fa. “Per il nostro Paese è la più grande scommessa dei prossimi 15 anni, ed è la chiave per […]

La denuncia di Green Impact.

06/12/2022
  Roma, 6 dicembre 2022 – Paradosso biodiversità. Mentre i leader mondiali si riuniscono a Montreal per la COP 15 sulla biodiversità per discutere su come arrestarne il drammatico declino e ridurre la perdita di specie ed ecosistemi, l’UE, Italia compresa, continua a sovvenzionare la biomassa forestale a fini energetici distruggendo così foreste, habitat, piante […]

EMERSIONI: la presentazione a “Non Rassegnamoci”

21/11/2022
Martedì 22 novembre alle 18.30, alla Chiesetta del Parco Trotter (Via mosso 7), ci sarà il terzo appuntamento di Storie, la rassegna letteraria di Municipio 2 curata da Potlatch all’interno della rassegna “Non Rassegnamoci”. Durante l’evento verrà presentata la rivista Emersioni. Emersioni è una rivista digitale e gratuita per parlare di cose difficili dando voce […]

CAMPIONI D SOSTENIBILITÁ

Raccontiamo storie di imprese, servizi, prodotti, iniziative che amano l’ambiente.
Sono storie di persone che guardano avanti. Che hanno lanciato startup, realizzato imprese di successo o si stanno impegnando in progetti di nuova generazione.

Uomini e donne convinti che un buon business deve essere sostenibile. In grado di promuovere un mondo e una società migliori.

Se ti riconosci in questa comunità e vorresti raccontare la tua storia contattaci.
Saremo onorati e lieti di ascoltarla e farla conoscere.
Contatto veloce:
WhatsApp : 328 6569148

Water Video Interviste

Caricamento in corso...
Choose your language »