Seleziona Pagina

Agribusiness. Deforestazione: bla-bla Cop26

Agribusiness. Deforestazione: bla-bla Cop26

I giganti dell’agroalimentare stanno contrastando in tanti modi  il piano di deforestazione dell’UE, dopo essersi impegnati a farlo in occasione Cop26. Le aziende in quella sede avevano dichiarato che si sarebbero allineate al progetto di legge dell’UE che vieta le importazioni di cibo legate alla deforestazione. Ora invece stanno facendo di tutto per sabotarlo, ritardarlo, minimizzarne gli effetti sul businesss.  La denunciua viene da Greenpeace e dal gruppo europarlamentare dei Verdi.

L’articolo di    nella sua versione integrale può essere letto su https://www.theguardian.com/environment/2022/mar/04/agribusiness-giants-tried-to-thwart-eu-deforestation-plan-after-cop26-pledge?CMP=Share_iOSApp_Other

Funzionari dello Stato di Para, nel nord del Brasile, ispezionano un'area deforestata nella foresta pluviale amazzonica
Fotografia: Evaristo Sa/AFP/Getty Images

Cinque delle più grandi aziende agroalimentari del mondo hanno cercato di indebolire un disegno di legge dell’UE che vieta le importazioni di cibo legate alla deforestazione , otto giorni dopo essersi impegnati ad accelerare i loro sforzi di protezione delle foreste durante la Cop26, come mostrano i documenti visti dal Guardian.

Le speranze di protezione delle foreste sono state sollevate quando gli amministratori delegati di 10 aziende alimentari con un fatturato combinato di quasi $ 500 miliardi (£ 373 miliardi) hanno promesso di “accelerare l’azione a livello di settore” per eliminare la deforestazione guidata dalle materie prime all’inizio del vertice sul clima il 2 novembre.

L’agricoltura è responsabile di un quarto delle emissioni mondiali di gas serra e le aziende hanno promesso un piano di riforma della catena di approvvigionamento per fissare il riscaldamento globale a 1,5°C entro novembre 2022.

Ma il 10 novembre, le associazioni di categoria che rappresentano cinque delle aziende – ADM, Bunge, Cargill, LDC e Viterra – hanno avvertito il capo del green deal dell’UE, Frans Timmermans, dell’impennata dei prezzi e della carenza di cibo se l’UE avesse proceduto con il proprio progetto.

Il piano della Commissione europea, attualmente all’esame dei ministri dell’UE, obbligherebbe le aziende a rifiutare prodotti come caffè, soia, carne bovina o cacao ritenuti legati alla deforestazione e impedire loro di entrare nel mercato dell’UE.

Tuttavia, questo è “tecnicamente ed effettivamente non fattibile”, secondo la lettera del settore ottenuta da Greenpeace Unearthed e condivisa con il Guardian.

La proposta dell’UE potrebbe causare “importanti aumenti di prezzo e problemi di disponibilità”, afferma la lettera, mentre “riduce l’offerta di cibo a prezzi accessibili, aumenta i costi per gli agricoltori e le industrie con sede nell’UE e amplifica i rischi di carenza di approvvigionamento di materiale ad alto contenuto proteico” .

Invece, le tre associazioni di categoria – Coceral, Fediol e Fefac – hanno chiesto un sistema di bilanciamento per monitorare e certificare i “volumi sostenibili” delle materie prime lungo le filiere.

Sini Eräjää, attivista di Greenpeace EU per il cibo e la natura, ha affermato che le richieste avrebbero reso la legge sulla deforestazione “insensata”.

“Ad esempio, i sistemi di bilanciamento consentono la miscelazione di beni che soddisfano i criteri di sostenibilità legale con quelli che non lo fanno”, ha affermato. (…)  In tal modoanche con quantità minime di prodotti sostenibili  nell’UE “arriverebbero grandi quantità di merci insostenibili e illegali”.

L’eurodeputata dei Verdi Anna Cavazzini ha dichiarato al Guardian: “È molto deludente che alcune delle stesse società che si sono impegnate alla Cop26 ad agire contro la deforestazione [chiedano] alla Commissione europea di annacquare le ambizioni legislative in questo settore. Il vero cambiamento può avvenire solo se le aziende praticano in privato ciò che predicano in pubblico”.

I firmatari della lettera insistono sul fatto che rimangono impegnati a frenare la deforestazione.

Un portavoce di Viterra ha affermato che la lettera aveva lo scopo di “creare consapevolezza sulle possibili sfide che potrebbero influenzare negativamente le importazioni in Europa”.

Bunge, il cui esecutivo Jordi Costa attualmente detiene la presidenza di Fediol, ha affermato che la missiva faceva “parte di un processo di consultazione aperto che mira a supportare la progettazione di un quadro efficace per ottenere una trasformazione sostenibile”.

ADM, che detiene la vicepresidenza di Fediol, ha affermato che il problema è che l’attuale proposta dell’Ue “creerà un mercato a due livelli, uno per l’Europa e uno per il resto del mondo”.

Cargill, che è anche rappresentato nel consiglio di Fediol, stava lavorando con le associazioni di settore per trovare il modo più efficace per eliminare la deforestazione in un modo “economicamente praticabile” per gli agricoltori, ha affermato un portavoce.

Una seconda lettera scritta in collaborazione da gruppi industriali, comprese le tre associazioni di categoria, il 3 febbraio, sosteneva che i piccoli agricoltori poveri sarebbero stati “influenzati negativamente” dalla nuova legge.

L’uso di “dati di geolocalizzazione” per risalire all’origine delle merci sarebbe un problema particolare per i piccoli agricoltori, afferma la missiva al ministro francese per la transizione ecologica, Barbara Pompili, che il Guardian ha letto.

I gruppi che rappresentano più di 34.000 coltivatori di cacao ivoriani hanno respinto tale affermazione in una lettera ai ministri e agli eurodeputati dell’UE datata 1 marzo.

La tracciabilità digitale offre “un’opportunità unica” per affrontare questioni di equità sociale come il rispetto dei prezzi ufficiali del cacao, il mancato pagamento dei premi di sostenibilità promessi e la repressione degli intermediari della filiera e delle cooperative illegali nelle foreste protette, hanno affermato.

“Gli attori del settore che stanno cercando di impedire un sistema di tracciabilità che comporti la geolocalizzazione degli appezzamenti e l’identificazione di ciascun produttore, in realtà si battono perché non cambi nulla”, si legge nella lettera, vista dal Guardian.

Bakary Traoré, direttore di Idef , una ONG in Costa d’Avorio, ha aggiunto che le lobby dell’industria (…) vogliono salvaguardare la morsa delle grandi aziende nel settore piuttosto che migliorare la vita dei piccoli proprietari”.

Circa l'autore

Lascia un commento

Daily News

CAMPIONI D SOSTENIBILITÁ

Raccontiamo storie di imprese, servizi, prodotti, iniziative che amano l’ambiente.
Sono storie di persone che guardano avanti. Che hanno lanciato startup, realizzato imprese di successo o si stanno impegnando in progetti di nuova generazione.

Uomini e donne convinti che un buon business deve essere sostenibile. In grado di promuovere un mondo e una società migliori.

Se ti riconosci in questa comunità e vorresti raccontare la tua storia contattaci.
Saremo onorati e lieti di ascoltarla e farla conoscere.
Contatto veloce:
WhatsApp : 328 6569148

Agenda

Auto inquinanti, Consiglio Ue conferma stop al 2035

29/06/2022
T&E: “Decisione storica per clima, inquinamento e industria. Ora concentriamoci su rete di ricarica e filiera batterie sostenibili” Veronica Aneris, direttrice Transport & Environment Italia: “Un enorme passo avanti a favore del clima. Ora è possibile azzerare le emissioni del settore trasporti al 2050”. Roma, 29 giugno 2022 – “I governi europei hanno preso la […]

Paga con la carta di credito e tuteli le foreste

24/06/2022
,Flowe – B Corp che mira a educare i giovani sui temi dell’innovazione e della sostenibilità economica, sociale e ambientale – ha redatto insieme all’agronomo Guido Cencini un vademecum di approfondimento sui 5 benefici che apportano a più livelli le piante. Iniziatva lanciata in concomitanza con la Giornata della foresta pluviale. Flowe pone inoltre l’attenzione sulla campagna Freshback, attiva fino al 30 giugno. Con la collaborazione […]

Marsala: al via la seconda edizione del KiteFest

21/06/2022
di Gloria Nobile   Sport, musica, enogastronomia, arte e natura: ecco cosa succede quando il talento incontra l’occasione. Quest’anno a Marsala, sulla costa occidentale della Sicilia, la stagione turistica si apre con la seconda edizione del KiteFest che avrà luogo dal 26 giugno al 3 luglio nella Laguna dello Stagnone. Lo straordinario successo della prima […]

Water Stories

Water Video Interviste

Caricamento in corso...
Choose your language »