Seleziona Pagina

La “società selvaggia” di Aldo Leopold

La “società selvaggia” di Aldo Leopold

Wilderness ovvero natura selvaggia. E per quanto possa sembrare una contraddizione in termini c’è anche una “società della wildeerness”. Un ideale e una filosofia di vita ( libera e selvaggia ovviamente) che sono stati teorizzati negli anni Trenta del secolo scorso da Aldo Leopold. Personaggio e pensatore che è stato filosofo, scrittore, ecologista e anche guardiaboschi. Nato nel 1887 è morto nel 1948, tentando di spegnere un incendio boschivo. Considerato l’erede spirituale di Henry David Thoreau e John Muir, Leopold è annoverato tra i più grandi ecologi del Ventesimo secolo e tra i fondatori della Wilderness Society. La sua etica della terra e la sua filosofia della vita selvaggia rappresentano ancor oggi un punto di riferimento del moderno movimento ambientalista.

Il suo A Sand County Almanac (Pensare come una montagna) è divenuto un classico della letteratura naturalistica, ha influenzato generazioni di lettori e ambientalisti, vendendo sino a oggi quasi otto milioni di copie in tutto il mondo.In questi scritti «per la salute della terra», sono racchiusi i temi che hanno fatto di Aldo Leopold uno dei punti di riferimento del moderno conservazionismo: il suo appello per la salvaguardia e la tutela della natura è connesso alla necessità di sviluppare un’etica della terra: è un invito a considerare la specie umana non come “rivale” né “padrona” della natura, ma come la sua più preziosa alleata e custode.Il criterio collettivo che definisce un buon uso della terra deve essere qualcosa di molto più profondo del profitto e della resa.I fondamenti di un’etica della terra poggiano sul trascendere il punto di vista antropocentrico e contemplare la natura e le creature non come proprietà da sfruttare ma come un organismo dotato di equilibrio, armonia e bellezza – da cui dipende la nostra stessa integrità e salute.  Le specie animali e vegetali selvatiche sono una parte imprescindibile dei meccanismi della terra e la loro scomparsa è all’origine di pericolosi squilibri. La biodiversità genera stabilità, per questo dobbiamo conservare la natura selvaggia.L’intero sistema è interconnesso la terra è stabile se c’è circolarità in questo sistema, se il meccanismo della terra viene convertito all’uso dell’uomo si genera instabilità: erosioni, esondazioni, infestazioni, estinzioni di specie.Solo una relazione armoniosa, simbiotica e responsabile  tra l’uomo e l’ambiente potrà garantire la vita; un rapporto disarmonico e imperfetto condurrà al degrado, alla malattia e all’impoverimento della vita umana e dei suoi valori fondamentali.Per questo occorre ridefinire il concetto di comunità in modo che non comprenda solo gli esseri umani ma terra, acqua, animali e piante, e occorre abbandonare un utilitarismo sconsiderato a favore di un’evoluzione culturale centrata sull’educazione alla percezione e alla bellezza.

***********

Tutto ciò che è libero e selvaggio è un’antologia di testi inediti in Italia di Aldo Leopold. Traduzione di Luca Castelletti. Piano B Edizioni, 2022, pp. 150, € 16,00

Circa l'autore

Lascia un commento

DAILY NEWS

Agenda

Al Salone del Gusto esempi virtuosi di bioeconomia circolare

25/09/2022
Un evento internazionale diventa il laboratorio per dimostrare come l’utilizzo di sacchi e stoviglie in bioplastica compostabile possa dare il proprio positivo contributo alla corretta gestione dei rifiuti organici, aumentandone sia la quantità sia il corretto conferimento da parte dei visitatori. L’evento in questione è Terra Madre – Salone del Gusto 2022, lo storico appuntamento […]

‘BUSINESS PLANet’: a Cersaie il futuro delle città

22/09/2022
Le città occupano solo il 3% del territorio mondiale, ma riescono a consumare oltre il 60% dell’energia, producendo il 70% delle emissioni di gas serra e il 70% dei rifiuti globali, con una popolazione destinata a raddoppiare entro il 2050. Poco basta per individuare le città come banco di prova del prossimo futuro a livello ambientale, energetico, urbanistico, architettonico, sociale ed […]

EUCYS 2022: il talento italiano si fa strada in Europa

05/09/2022
Dal 13 al 18 settembre si terrà a Leiden, in Olanda, la 33° edizione di EUCYS – European Union Contest for Young Scientists. Il concorso è un’iniziativa della Commissione europea nell’ambito del programma Scienza e Società. È stato istituito per promuovere gli ideali di cooperazione e scambio di informazioni tra giovani scienziati (di età compresa tra i 14 e i […]

CAMPIONI D SOSTENIBILITÁ

Raccontiamo storie di imprese, servizi, prodotti, iniziative che amano l’ambiente.
Sono storie di persone che guardano avanti. Che hanno lanciato startup, realizzato imprese di successo o si stanno impegnando in progetti di nuova generazione.

Uomini e donne convinti che un buon business deve essere sostenibile. In grado di promuovere un mondo e una società migliori.

Se ti riconosci in questa comunità e vorresti raccontare la tua storia contattaci.
Saremo onorati e lieti di ascoltarla e farla conoscere.
Contatto veloce:
WhatsApp : 328 6569148

Water Video Interviste

Caricamento in corso...
Choose your language »