Seleziona Pagina

Capsule Tower di Tokyo. Sarà presto demolito

Capsule Tower di Tokyo. Sarà presto demolito

Un edificio iconico. Costruito 50 anni fa durante il periodo di massimo splendore economico del Giappone, l’edificio prefigurava un futuro vagamente distopico. Claustrofobico, con i suoi mini appartamenti che erano capsule. In realtà quel minimalismo estremo aveva ragioni economiche e si rivolgeva alla massa di persone che in quel periodo venivano a Tokio per lavorare e avevano  bisogno di sistemazioni a basso prezzo. Di “hotel popolari” sui generis. “Metabolismo” era la corrente architettonica che li ispirava.

L’articolo è di Reed Stevenson ed è stato pubblicato su City Bloomberg dove lo potete leggere nella versione completa. il

https://www.bloomberg.com/news/features/2022-04-08/tokyo-s-architectural-icon-nakagin-capsule-tower-to-be-torn-down

Chiunque abbia visto la Nakagin Capsule Tower di Tokyo lo ricorderà. Costellato di cubi grigi, l’imponente edificio porta un evidente messaggio architettonico: questo è un habitat modulare.

Costruito mezzo secolo fa durante la vertiginosa ascesa del Giappone come potenza economica, il complesso di 140 unità è stato lasciato indietro dai tempi, oscurato da grattacieli più alti e slanciati che si affacciano sulla città di 14 milioni di abitanti.

Una volta che la demolizione inizierà ufficialmente il 12 aprile, le impalcature circonderanno le due torri che compongono l’edificio. Le capsule verranno poi strappate una ad una, molto probabilmente dietro fogli protettivi di plastica perché contengono amianto.

si riferisce a Farewell Capsule Tower, l'edificio più strano di Tokyo
L’architetto Kisho Kurokawa ha concepito Nakagin come un ottimo esempio di metabolismo, un movimento del dopoguerra che vedeva gli edifici come megastrutture in grado di evolversi e cambiare.(Fotografo: Akio Kon/Bloomberg)

“L’idea di base alla base dell’edificio era quella di poter sostituire le capsule: è triste che l’intera cosa debba crollare”, ha detto Tatsuyuki Maeda, 55 anni, che possiede più di una dozzina di capsule e ha lasciato il lavoro quattro anni fa per concentrarsi sul  salvataggio  dell’iconico edificio.

“Quando guardo la torre, tutto quello che posso dire è ‘mi dispiace’ per non essere stato in grado di salvarla”, ha detto.

Kisho Kurokawa , che ha anche progettato la nuova ala del Museo Van Gogh di Amsterdam, ha concepito la Nakagin Capsule Tower come un ottimo esempio di Metabolismo , un movimento architettonico giapponese del dopoguerra che immaginava gli edifici come megastrutture in grado di evolversi e cambiare, come un organismo.

Quando furono costruite, le capsule non dovevano essere residenze permanenti, ma piccoli appartamenti per salariati durante la rapida espansione economica del paese, un modo conveniente per evitare hotel e lunghi spostamenti nei giorni feriali in città. Un opuscolo di vendita del 1972 mostra che i servizi di pulizia e persino di segreteria (compresa la dattilografia) erano disponibili a pagamento.

si riferisce a Farewell Capsule Tower, l'edificio più strano di Tokyo
Il layout dell’unità B1004.
Fonte: Nakagin Capsule Tower: The Last Record (Soshisha)

Ogni capsula grigio chiaro è lunga 4 metri (13 piedi), alta e larga 2,5 metri e costavano da 3,8 milioni a 4,8 milioni di yen (da $ 12.540 a $ 15.830)   (….)

Le unità possono sembrare accoglienti, ma in realtà sono un po’ claustrofobiche, con finestre rotonde che non si aprono. (…)

Non c’era il servizio in camera, né lo spazio per cucinare. Si presumeva che i residenti mangiassero fuori per la maggior parte del tempo nei vicini ristoranti eleganti di Ginza o a Shimbashi, una mecca dei  pub izakaya frequentata dai salariati dopo il lavoro.

si riferisce a Farewell Capsule Tower, l'edificio più strano di Tokyo
Le unità possono sembrare accoglienti, ma in realtà si sentono un po’ claustrofobiche, con finestre rotonde che non si aprono.
Fonte: Nakagin Capsule Tower: The Last Record (Soshisha)

Nonostante la loro forma metabolista, nessuno dei cubi della Capsule Tower è mai stato rimosso o sostituito. Questo perché ognuno era collegato alla torre in due punti di aggancio più alcuni bulloni. Staccare una scatola inferiore richiederebbe lo sgancio di tutte le unità sopra, un difetto di progettazione critico.

La Capsule Tower in seguito cadde in rovina: il sistema centrale di acqua calda ha smesso di funzionare alcuni anni fa e i residenti rimanenti hanno installato i propri scaldabagni, utilizzato docce improvvisate nel seminterrato o sono andati ai bagni pubblici. I cubi hanno cominciato a degradarsi. Il risultato è un edificio che sembra vecchio e nuovo allo stesso tempo.

Poiché molte delle capsule sono diventate semplicemente inabitabili, i residenti si sono trasferiti e (…) occasionalmente, alcune unità sono iventate disponibili per la vendita o l’affitto. Uno è stato anche su Airbnb  per un po’.

Maeda ha guidato  tour dell’edificio negli ultimi anni, con fanatici dell’architettura e del design che si sono riversati per sperimentare in prima persona la Capsule Tower. Tuttavia, incapace di far fronte al travolgente interesse durante gli ultimi giorni della torre, Maeda non organizza più tour e sta concentrando i suoi sforzi sulla conservazione  dell’edificio.

si riferisce a Farewell Capsule Tower, l'edificio più strano di Tokyo
Lo stato di evidente degrado delle capsule  diventate inabitabili, (Fotografo: Akio Kon/Bloomberg)

Ho chiesto a Maeda durante una visita cosa farà una volta che le torri saranno sparite.

“Questa non è una demolizione completa”, ha detto. “Ne verrà fuori qualcosa di positivo”.

Maeda ha detto che ha un piccolo appezzamento di terreno dove intende costruire una mini torre di capsule usando le unità che possiede. Affitterà camion per spostare le scatole: dopotutto sono modulari.

Circa l'autore

Lascia un commento

DAILY NEWS

Agenda

Mini Digital Festival: è aperto il contest “Cronaca locale in formato web&social”

30/09/2022
Un’occasione per mettersi in mostra dedicata ai giovani reporter. Gli studenti di scuola superiore e universitari potranno partecipare inviando un reel o un breve video dalla durata massima di un minuto e mezzo, al contest “Cronaca locale in formato web&social”. Il contenuto deve essere informativo: ciò significa che il protagonista del video dovrà riferirsi a […]

Al Salone del Gusto esempi virtuosi di bioeconomia circolare

25/09/2022
Un evento internazionale diventa il laboratorio per dimostrare come l’utilizzo di sacchi e stoviglie in bioplastica compostabile possa dare il proprio positivo contributo alla corretta gestione dei rifiuti organici, aumentandone sia la quantità sia il corretto conferimento da parte dei visitatori. L’evento in questione è Terra Madre – Salone del Gusto 2022, lo storico appuntamento […]

‘BUSINESS PLANet’: a Cersaie il futuro delle città

22/09/2022
Le città occupano solo il 3% del territorio mondiale, ma riescono a consumare oltre il 60% dell’energia, producendo il 70% delle emissioni di gas serra e il 70% dei rifiuti globali, con una popolazione destinata a raddoppiare entro il 2050. Poco basta per individuare le città come banco di prova del prossimo futuro a livello ambientale, energetico, urbanistico, architettonico, sociale ed […]

CAMPIONI D SOSTENIBILITÁ

Raccontiamo storie di imprese, servizi, prodotti, iniziative che amano l’ambiente.
Sono storie di persone che guardano avanti. Che hanno lanciato startup, realizzato imprese di successo o si stanno impegnando in progetti di nuova generazione.

Uomini e donne convinti che un buon business deve essere sostenibile. In grado di promuovere un mondo e una società migliori.

Se ti riconosci in questa comunità e vorresti raccontare la tua storia contattaci.
Saremo onorati e lieti di ascoltarla e farla conoscere.
Contatto veloce:
WhatsApp : 328 6569148

Water Video Interviste

Caricamento in corso...
Choose your language »