Seleziona Pagina

L’Amazzonia e la scomparsa di Dom Phillips

L’Amazzonia e la scomparsa di Dom Phillips
E’ il tributo che The Guardian rivolge a Dom Phillips e  Bruno Pereira , esperto antropologo e studioso degli indigeni, recentemente scomparsi in Brasile in circostanze misteriose  che sono sate svelate nei giorni scorsi. A uccidere il giornalista e l’attivista brasiliano sono stati due pescatori illegali, casualmenbte scoperti da Phillips e Pereira che stavano fotografando abusi e scempi.  Dom Phillips è autore di molti articoli di denuncia scritti per The Guardian  e per altre pubblicazioni. Qui il quotidiano inglese ha raccolto alcuni dei suoi contributi, frutto dei tanti viaggi e inchieste che il giornalista ha realizzato nella sua patria d’adozione, il Brasile e la foresta pluviale.

L’articolo completo pubblicato ven 17 giugno 2022 14.15 BST  sta qui

https://www.theguardian.com/world/2022/jun/17/dom-phillips-reporting-on-brazil-and-the-amazon?CMP=twt_a-environment_b-gdneco

 

 

Dom Phillips prende appunti mentre parla con gli indigeni all'Aldeia Maloca Papiu, Stato di Roraima, Brasile.
Dom Phillips prende appunti mentre parla con gli indigeni all’Aldeia Maloca Papiu, Stato di Roraima, Brasile. Fotografia: João Laet/AFP/Getty Images

In alcuni degli anni più tumultuosi del Brasile , Dom Phillips ha testimoniato la politica della sua patria adottiva e il destino della foresta pluviale amazzonica. Viaggiare nella foresta è un processo lento e laborioso, ma Phillips è tornato ancora e ancora.

Phillips scriveva regolarmente per il Guardian e altre pubblicazioni. Qui, abbiamo raccolto alcuni dei suoi pezzi di giornalismo più importanti.

Tribù in acque profonde: oro, cannoni e l’ultima frontiera dell’Amazzonia

Phillips ha incontrato l’esperto indigeno Bruno Pereira per la prima volta nel 2018, quando si sono recati nella valle di Javari, dove bracconieri armati stavano saccheggiando i fiumi.

Per più di un decennio dopo l’istituzione della riserva nel 1998, le sue 16 tribù indigene incontattate sono state tra le meglio protette del Brasile. Eppure oggi è invaso su più fronti, lasciando a rischio i suoi gruppi isolati – che cacciano con archi e frecce o cerbottane, ed evitano il contatto con la società moderna. Il contatto con estranei può essere mortale per questi gruppi, che non hanno immunità a malattie come l’influenza.

“La vulnerabilità di questi popoli sta crescendo”, ha detto Beto Marubo, un leader indigeno Javari, al forum permanente delle Nazioni Unite sulle questioni indigene a New York ad aprile. “Non esiste una protezione efficace”.

Un’altra enorme miniera di ferro a cielo aperto è scavata nella foresta pluviale del Brasile

La gigantesca Amazzonia e le tribù indigene che vivono lì sono state un punto focale per Phillips fin dall’inizio, come mostra anche questo pezzo per il Washington Post.

La sola cucitura S11D è lunga più di cinque miglia. “È la cucitura più grande, la più grande riserva che Vale abbia. In futuro sarà una piattaforma di crescita per l’azienda”, ha affermato Sebe.

Ma consumerà anche una parte del passato del Brasile. Gli archeologi affermano che le grotte della zona contengono indizi sulle abitazioni amazzoniche che erano sconosciute fino agli anni ’80.

Le prove provenienti da quelle grotte suggeriscono che i popoli nomadi vivevano in Amazzonia fino a 9.000 anni fa, coltivando la manioca e il frutto di acai.

“Sono riusciti a coltivare la foresta senza abbatterla”, ha detto Marcos Magalhães, un archeologo del museo Emílio Goeldi nella capitale dello stato di Para, Belem, che ha studiato le grotte della zona. “L’Amazzonia era il Giardino dell’Eden”.

I sostenitori di Bolsonaro fanno guerra alla foresta pluviale

Nel frattempo, mentre la prospettiva dell’elezione di Jair Bolsonaro alla presidenza brasiliana diventava più realistica, Phillips seguiva le ansie degli ambientalisti.

I sondaggi mostrano che Jair Bolsonaro , l’ex capitano dell’esercito di estrema destra, ha il 78% di sostegno a Rondônia, lasciando nella polvere il suo rivale di sinistra Fernando Haddad.

In Amazzonia Bolsonaro ha promesso progresso invece di protezione.

E le sue proposte radicali – per neutralizzare le agenzie ambientali federali, dare il via libera alle dighe idroelettriche distruttive , congelare la demarcazione di nuove riserve indigene e aprire quelle esistenti all’estrazione mineraria – richiamano gli elettori qui, compresi quelli che infrangono le leggi ambientali.

La destra del Brasile è in aumento mentre cresce la rabbia per lo scandalo e la corruzione

In un’intervista di aprile al quotidiano brasiliano Estado de S. Paulo, Bolsonaro ha affermato che il Brasile dovrebbe ripulire più terreni forestali per produrre cibo per una popolazione mondiale in crescita.

Gli ambientalisti, ha detto, “sperano che non diventi presidente”.

‘Stiamo combattendo’: i gruppi indigeni del Brasile si uniscono per proteggere la loro terra

Una volta che Bolsonaro è salito al potere nel gennaio 2019, Phillips ha continuato a riferire che tutto ciò che gli ambientalisti avevano temuto si è avverato.

Gli indigeni presenti all’assemblea si sentivano già minacciati dalla retorica di Bolsonaro. Alcune comunità ricordano la devastazione causata dai minatori d’oro artigianali chiamati garimpeiros, altre il dominio di potenti coltivatori di riso Poi, a gennaio, un’improvvisa e inspiegabile visita degli alleati regionali di Bolsonaro ha sollevato il sospetto che i piani fossero già in corso.

“Non stiamo combattendo il contadino, un po’ garimpeiro . Stiamo combattendo il governo”, ha detto all’incontro Edinho de Souza, vice-coordinatore del CIR della tribù Macuxi. “Non permetteremo che questa terra venga distrutta”.

Brasile: timori per le tribù amazzoniche isolate mentre scoppiano gli incendi nelle riserve protette

Nell’estate del 2019, gli incendi hanno bruciato la foresta pluviale amazzonica, sconvolgendo il mondo.

Il presidente di estrema destra del Brasile, Jair Bolsonaro, che è stato ampiamente criticato per non aver risposto rapidamente alla crisi, giovedì ha emesso un decreto che vieta gli incendi in Amazzonia per 60 giorni, una mossa che gli ambientalisti hanno descritto come in gran parte simbolica.

Gli incendi vengono spesso utilizzati per ripulire i pascoli e le aree deforestate in Amazzonia durante i mesi invernali secchi, ma questo mese sono stati 28.000 , più di qualsiasi agosto dal 2010.

‘Come una bomba che esplode’: perché la più grande riserva del Brasile sta rischiando la distruzione

Allo stesso tempo, Phillips stava scavando in profondità nel potere di diversi settori in Brasile e nell’effetto che stavano avendo sul destino della foresta pluviale, tenendo impegnato il team legale del Guardian. Ha scritto dell’industria dell’oro.

“So che è illegale”, dice Bernardo Gomes, 59 anni, seduto vicino alla cornice di un bar. Precedentemente un lavoratore presso il gigante minerario Vale, Gomes dice che il suo tempo in azienda gli ha insegnato come proteggere l’ambiente. “Oggi, sfortunatamente, sto aiutando a distruggerlo”, dice, spiegando che una vicina macchia di alberi morti è stata soffocata dal fango risucchiato dal vicino pozzo minerario.

(……)

La stagione degli incendi boschivi sta arrivando. Come possiamo fermare l’incendio dell’Amazzonia?

Phillips ha viaggiato dentro e fuori l’Amazzonia per indagare sull’impatto della vasta industria brasiliana della carne sulla foresta.

In primo luogo, gli accaparratori e i taglialegna rimuovono gli alberi più preziosi, lasciando un po’ di copertura per rendere più difficile per i satelliti individuare il danno. Gli alberi rimanenti vengono poi abbattuti, lasciati ad asciugare e bruciati – da qui gli incendi. Successivamente viene seminata l’erba e il bestiame viene messo sulla terra disboscata per consolidare il possesso.

Questo è “il ciclo classico che abbiamo visto negli ultimi anni”, ha affermato Adriana Charoux, attivista forestale senior di Greenpeace Brasile. Se l’agricoltore si sente abbastanza sicuro della sua proprietà della terra, la fase successiva è la soia, ha aggiunto.

Rivelato: nuove prove collegano il gigante brasiliano della carne JBS alla deforestazione in Amazzonia

In collaborazione con il Bureau of Investigative Journalism e Repórter Brasil , Phillips ha rivelato i collegamenti alla deforestazione illegale nelle catene di approvvigionamento della più grande azienda di carne del mondo, JBS. L’azienda ha continuato a riorganizzare i suoi sistemi di monitoraggio ea impegnarsi per lo zero netto .

Questa volta, l’apparente legame tra un fornitore indiretto e JBS è stato inavvertitamente rivelato da uno dei suoi stessi dipendenti. Nel luglio dello scorso anno, un camionista ha scattato fotografie di se stesso nella sua uniforme JBS e del suo camion JBS, vicino a un cartello contrassegnato con “Fazenda Estrela do Aripuanã – 15 km” all’estremità meridionale della foresta pluviale amazzonica . Fazenda Estrela do Aripuanã è una fattoria vicino alla città di Aripuanã, nel nord-ovest dello stato del Mato Grosso, gestita da Ronaldo Venceslau Rodrigues da Cunha. La sua azienda, secondo il suo sito web, attualmente alleva e ingrassa 102.000 bovini in 16 siti che si estendono su circa 72.000 ettari di pascolo.

Nel 2021, Phillips si è ritirato dal giornalismo freelance per concentrarsi sulla scrittura di un libro sulla sua amata Amazon. Il libro si concentrerà sullo sviluppo e lo studio dell’Amazzonia, cercando di capire quali progetti hanno funzionato a lungo termine e quali rendono più povere la foresta pluviale e le persone che ci vivono. Fu durante il suo ultimo viaggio di reportage per il libro che lui e Pereira scomparvero.

Circa l'autore

Lascia un commento

DAILY NEWS

Agenda

Al Salone del Gusto esempi virtuosi di bioeconomia circolare

25/09/2022
Un evento internazionale diventa il laboratorio per dimostrare come l’utilizzo di sacchi e stoviglie in bioplastica compostabile possa dare il proprio positivo contributo alla corretta gestione dei rifiuti organici, aumentandone sia la quantità sia il corretto conferimento da parte dei visitatori. L’evento in questione è Terra Madre – Salone del Gusto 2022, lo storico appuntamento […]

‘BUSINESS PLANet’: a Cersaie il futuro delle città

22/09/2022
Le città occupano solo il 3% del territorio mondiale, ma riescono a consumare oltre il 60% dell’energia, producendo il 70% delle emissioni di gas serra e il 70% dei rifiuti globali, con una popolazione destinata a raddoppiare entro il 2050. Poco basta per individuare le città come banco di prova del prossimo futuro a livello ambientale, energetico, urbanistico, architettonico, sociale ed […]

EUCYS 2022: il talento italiano si fa strada in Europa

05/09/2022
Dal 13 al 18 settembre si terrà a Leiden, in Olanda, la 33° edizione di EUCYS – European Union Contest for Young Scientists. Il concorso è un’iniziativa della Commissione europea nell’ambito del programma Scienza e Società. È stato istituito per promuovere gli ideali di cooperazione e scambio di informazioni tra giovani scienziati (di età compresa tra i 14 e i […]

CAMPIONI D SOSTENIBILITÁ

Raccontiamo storie di imprese, servizi, prodotti, iniziative che amano l’ambiente.
Sono storie di persone che guardano avanti. Che hanno lanciato startup, realizzato imprese di successo o si stanno impegnando in progetti di nuova generazione.

Uomini e donne convinti che un buon business deve essere sostenibile. In grado di promuovere un mondo e una società migliori.

Se ti riconosci in questa comunità e vorresti raccontare la tua storia contattaci.
Saremo onorati e lieti di ascoltarla e farla conoscere.
Contatto veloce:
WhatsApp : 328 6569148

Water Video Interviste

Caricamento in corso...
Choose your language »